Magazine Cinema

The predator

Creato il 23 febbraio 2019 da Pellicoledallabisso
THE PREDATOR Di Shane Black. Con Boyd Holbrook, Jacob Tremblay, Olivia Munn, Thomas Jane. USA/2018/20th Century Fox
Continuiamo con il nostro infernale ritmo di una recensione all'anno, che comunque è un bell'andare.
Se vi dicessi che The Predator ha un titolo che richiama un franchising di successo, attori cani e per lo più sconosciuti, una trama ridicola, scene di azione assurde e pretestuose, effetti speciali miseri e un finale aperto, davanti a che tipo di film pensereste di trovarvi davanti? Ma ad un mockbuster dell'Asylum, giusto? No, sbagliato! The Predator è un vero sequel della saga Predator prodotto dalla 20th Century Fox con il mirabolante budget di 88 milioni di dollari! E il regista è pure lo sceneggiatore dell'originale dell'87, nonché uno degli interpreti (il soldato sfigato con gli occhiali), ovvero Shane Black!
Incredibile, davvero, davvero incredibile. Una cosa di una bruttezza rara, tanto da far apparire Alien vs Predator (che comunque secondo me aveva la sua dignità) un capolavoro degno di rivaleggiare con Black Panther (AHAHAHAHAHAH) agli Oscar.
Non ho voglia di raccontarvi la trama perché è talmente stupida che il mio cervello si sta rifiutando di ricordarsela, ma vi basti sapere che un Predator precipita sulla terra, poi arriva un altro Predator più grande che lo vuole uccidere e che nel frattempo vuole rapire un bambino autistico che capisce il predatorese perché i Predator si stanno potenziando e si ibridano con altre razze. Il bambino autistico guarda caso è il figlio di un ex marine cecchino superbadass interpretato da uno degli attori più scarsi che mi sia capitato di vedere in un film americano, tale Boyd Holbrook.
Nel mezzo tanto umorismo di quello divertente, tante scene d'azione di quelle fatte bene, tanti effetti speciali di quelli belli (tipo il cane predator con tanto di dredd che si tiene in bocca le bombe per poi distribuirle ai protagonisti quando fa comodo), tante diatribe tra i militari buoni e militari cattivi di quelle interessanti, una scienziata di quelle fighe che si trasforma in Rambo così d'amblé. In più aggiungiamoci che i Predator in questo film sono degli emeriti coglioni e nessuna delle azioni che compiono ha la minima coerenza. Ma del resto niente ha la minima coerenza in questo film, visto che la banda di "soldati pazzerelli"  occasionalmente ruba motociclette, elicotteri ed astronavi senza la minima spiegazione o credibilità.
Ecco, The Predator per Predator è quello che è Scary Movie per Scream o Balle Spaziali per Star Wars, con la sola differenza che Scary Movie e Balle Spaziali sono nati per far ridere e fanno ridere, mentre The Predator è nato per far ridere e non fa ridere.
L'unica cosa che fa ridere è il fragoroso flop al botteghino (si parla di 50 milioni di incasso a fronte dei quasi 90 di budget) e le recensioni imbufalite di chiunque abbia visto il film e sia dotato di sinapsi funzionanti.
Speriamo che abbiano almeno smesso di mungere latte dalla mucca Predator una volta per tutte, lasciando morire una serie che aveva esaurito il suo motivo di esistere già dal secondo film.
E che magari, dico magari qualcuno, che ne so, inventi qualcosa di nuovo. Ma questo mi sembra già un po' troppo ambizioso.
Recensito da: Vidur

Voto
TRASH: 76/100
Noia: 65/100
Ridicolaggine degli effetti speciali: 88/100
Presunzione della regia: 80/100
Incompetenza degli attori: 90/100

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazines