Magazine Cultura

The Wholly Family: l’armonia del caos che ha sedotto Gilliam

Creato il 07 aprile 2011 da Vulvia

diDavid Spiegelman

 

CheTerry Gilliamsia arrivato ad aprire il suo sguardo stranito su Napoli non eccede il ragionevole, è in una certa misura la

gilliam The Wholly Family: larmonia del caos che ha sedotto Gilliam
conclamata sublimazione di una carriera che da sempre, a ben vedere, cercava quella meta. Sorprende piuttosto che il più napoletano dei cineasti, per la vocazione a individuare il comico in fondo al tragico e l’assurdo nel rigore, abbia scoperto soltanto in età più che matura, al culmine di un percorso artistico sempre più originale per linguaggio e tematiche, le sue origini assai diverse da quelle britanniche che fino a oggi gli erano riconosciute. La chiave del paradosso è forse non inopportuna per inquadrare lo stravagante esordio partenopeo di Gilliam, partito dalle farse deiMonty Python– traBelushieBenigni– per approdare alla definizione di un universo neogotico allaTim Burton, arricchito dall’obliquità della prospettiva. In molti si sono affacciati alla città più complessa e inestricabile del Mediterraneo e quindi del mondo classico, tra gli ultimi il paisa’John Turturroche da tempo investigava sulle sue radici littleitaliane, attraversando i fantasmi diEduardoper inventarsi un geniale caleidoscopio di musica, sangue, eros e colori, appuntoPassione. Ma l’occhio di Gilliam, quello che aveva osservato Las Vegas per coglierne paura e delirio, avrebbe dovuto scavalcare la Napoli che tutti vedono e forse temono, per raccontare una comunità umana che da sempre fa l’amore con la morte, a tratti compiacendosene, a volte disponendosi a quella rassegnazione di chi viva ai piedi di un gigante che da un giorno all’altro potrebbe scrivere nel cielo la parola fine.

Il resto qui

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

A proposito dell'autore


Vulvia 43 condivisioni Vedi il suo profilo
Vedi il suo blog

L'autore non ha ancora riempito questo campo L'autore non ha ancora riempito questo campo L'autore non ha ancora riempito questo campo

I suoi ultimi articoli

Vedi tutti

Dossier Paperblog

Magazine