Magazine Tecnologia

The Witcher 3: Wild Hunt - Complete Edition per Switch, il provato - Provato - Nintendo Switch

Creato il 20 agosto 2019 da Intrattenimento

Sono passati cinque anni dall'uscita di The Witcher 3: Wild Hunt eppure l'opera di CD Projekt RED è ancora un titolo necessario, da giocare: tecnicamente attualissimo, imbattuto dalla concorrenza sotto diversi punti di vista e con valori ludici ma anche narrativi in grado di renderlo un prodotto imperdibile. Un po' come GTA 5, piaccia o no, l'ultima avventura (per ora) di Geralt è un prodotto che, probabilmente, anche qualora dovesse essere preso di forza e messo sulla prossima generazione di console, magari con qualche ritocchino, non sfigurerebbe. L'arrivo del titolo su Switch è quindi un passaggio dovuto e allo stesso tempo una sfida sia per la console, chiamata a reggere un titolo non certo leggero e reso celebre anche da una cosmesi importante, sia per gli sviluppatori che hanno dovuto sfruttare al meglio il materiale a disposizione. Come gira il terzo capitolo della saga sulla portatile ibrida Nintendo? Ora ve lo diciamo...

Una sfida impossibile

Lo sviluppo di The Witcher 3: Wild Hunt - Complete Edition per Switch è durato circa un anno e ha impiegato una cinquantina di persone all'interno di Saber Interactive, lo stesso team a cui dobbiamo la versione del titolo per PS4 Pro. Si tratta di un gruppo di sviluppatori che, insomma, ha già in passato messo le mani nel codice in profondità, che ne conosce tutti i segreti e che qui ha dovuto fare un lavoro inverso: anziché spingerlo oltre quello che già avevamo visto, è stato necessario limarlo e ridurlo, trovare il giusto equilibrio. Il risultato, è prevedibile ma lo diciamo subito, è meno spettacolare di tutte le altre versioni uscite finora: il frame rate è stabile tra i 25 e i 27 fps, sia in modalità portatile sia quando la piccola di casa Nintendo viene installata sul dock, ma se nel primo caso la risoluzione è fissa a 540p, nel secondo è variabile e sale fino a 720p, a seconda dell'ambientazione.

The Witcher 3: Wild Hunt - Complete Edition per Switch, il provato - Provato - Nintendo Switch

Aver favorito la stabilità del frame rate anziché la risoluzione è, a nostro avviso, una scelta che premia perché rende l'esperienza di gioco piacevole lasciando per strada qualcosa in termini visivi. Alcuni dettagli, come l' orizzonte visivo ridotto del 20%, sono chiaramente più marcati quando si gioca sulla TV e, in generale, troviamo questa conversione convincente soprattutto come esperienza portatile. Non parliamo unicamente dell'aspetto del gioco, che in piccolo mostra meno il fianco ad una certa perdita di dettaglio visibile soprattutto in certe aree come le paludi di Velen, ma proprio della filosofia di questa conversione: probabilmente chiunque già avesse voluto provare il titolo l'ha fatto in una delle incarnazioni precedenti, disponibili da anni spesso a prezzi scontati, ma è tutt'altro che improbabile che ci sia una certa percentuale di giocatori interessanti a provarlo nuovamente, in portabilità. In questo senso Switch offre un'esperienza unica ed esclusiva, la libertà di portare Geralt con sé in viaggio o al lavoro. Tra l'altro con tutti i contenuti usciti, DLC inclusi, in un pacchetto che in termini ludici contiene l'intera esperienza di The Witcher 3 oltre ad alcune piccole migliorie all' interfaccia utili per non avere alcun tipo di problema sullo schermo da 6.2 pollici della console (e su quello da 5.5 pollici di Switch Mini quando uscirà). Abbiamo provato tre missioni durante il nostro test (Gli amici del vino, Il mostro di Toussaint e Figlio scomparso) trovandoci al cospetto di un prodotto che, come detto in apertura, si mantiene ancora divertentissimo e attuale nonostante gli anni che passano: lì non si sbaglia, un capolavoro era e un capolavoro rimane; il punto più alto della produzione del team polacco aspettando di mettere mano al prossimo titolo di CD Projekt, Cyberpunk 2077. A chiunque avesse vissuto sulla Luna fino a ieri, consigliamo per farsi un'idea sul titolo di leggere la nostra recensione così da avere tutti i riferimenti relativi al gameplay, alla narrazione e non solo.

The Witcher 3: Wild Hunt - Complete Edition per Switch, il provato - Provato - Nintendo Switch

The Witcher 3: Wild Hunt - Complete Edition per Switch rappresenta la conversione di un titolo eccellente che, in termini ludici, non ha perso nulla con gli anni e nemmeno con il passaggio su Switch. Resta un gran gioco, insomma. Tecnicamente Saber Interactive ha fatto quello che ha potuto, prediligendo il frame rate e lasciando qualcosa per strada in termini di risoluzione e dettaglio. In modalità portatile potrà essere un valida seconda (o terza? O quarta?) run, mentre sulla TV ha un po' meno senso rispetto alle versioni per le altre piattaforme.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog