Magazine Cultura

Togliattiano

Creato il 14 novembre 2019 da Renzomazzetti

TOGLIATTIANO

Sia, l’acre sapore delle lacrime,
per non piangere, inghiottite,
stimolo aspro al lavoro, alla lotta.
-Palmiro Togliatti-

Un’ammiratore di Craxi e seguace di Occhetto, ma traditore dei comunisti martigiani, propose: Vuoi continuare a fare il sindaco di Montopoli? L’operaio piaggista immaginò: non sarò un Fassino qualsiasi che sognarà di avere un’altra banca e neppure un misero Bersani ministro privatizzatore che avrà la bocca di dire: i ferri vecchi non servono; per me, la falce e il martello con la stella dell’unità d’Italia su campo rosso e striscia tricolore, sono e saranno l’immortalità dell’amore per l’Italia e il giovanile ideale per il futuro dei giovani e per la dignità dei lavoratori. Rispose così il piaggista di Pontedera che militava sulla catena di montaggio del “Ciao”, che sentiva e vedeva togliattiano. (Ricordo da un racconto di Tommy detto Tom).

INCONTRO

E sentivo
che tu sentivi
quel richiamo
della nostra foresta:
se il vento fischiava
ora fischia più forte…
Un bacio
ad ogni strofa
sulle labbra entusiasma
quello e questo entusiasmo.
Contessa del mondo
nostra unica Patria.
Momenti magici
perenni rivivono
vivono!
-Renzo Mazzetti- (Antologia Incontri, Ragusa anno 2001).

Vedi:

TAL QUALI (IGNORANZA COMPLESSA)


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazine