Magazine Economia

Torna a salire il prezzo del petrolio Il mercato riscopre...

Da Pukos
Torna a salire il prezzo del petrolio Il mercato riscopre...

Torna a salire il prezzo del petrolio

Il mercato riscopre Saipem e continua a premiare i titoli del Lingotto. Non si ferma Stm, ancora in denaro le utilities. Sul fondo qualche presa di profitto.

Proprio nell’asta di chiusura il Ftse Mib (+0,87%) non è riuscito a tenere quota 23.000 punti, un livello che il nostro indice principale aveva abbandonato nel lontano agosto 2015. Rimane comunque una seduta molto importante per la Borsa milanese oggi trascinata dai petroliferi e dalla galassia Agnelli.

La giornata odierna, tuttavia, verrà ricordata per l’ennesima grande performance del Dax (+1,8%) di Francoforte che continua a salire in maniera impressionante. I panzer tedeschi sono dei rulli compressori. Volkswagen (+5,0%) nelle ultime tre sedute ha guadagnato il 12,3%!!! Infineon (+4,1%) è letteralmente irrefrenabile, da inizio anno sta guadagnando oltre 50 punti percentuali e il titolo sale ininterrottamente da 11 settimane!!! Infine Sap (+3,0%) continua a stabilire nuovi massimi assoluti, negli ultimi nove anni ha messo a segno una straordinaria performance  (+353%!!!), oggi poi giornata storica, il titolo ha superato per la prima volta quota 100 euro!!!

Insomma sembra che ai tedeschi l’euro abbia fatto bene. A noi … invece …

Purtroppo la Borsa milanese anche oggi è stata frenata dal comparto bancario, Banca MPS (-0,85%), Bper Banca (-0,29%) ed Intesa Sanpaolo (-0,28%) hanno dovuto cedere ancora alle vendite, Unicredit (+0,18%) e Banco BPM (+0,27%) hanno avuto rialzi frazionali, soltanto Ubi (+1,04%) e Mediobanca (+1,38%)  sono stati premiati guadagnando oltre un punto percentuale.

Ha indossato la maglia nera Campari (-1,24%) che non ha potuto evitare prese di profitto così come Buzzi Unicem (-0,71%).

Sale il prezzo del petrolio ed il mercato riscopre Saipem (+5,27%) che ora ha nel mirino quota 4 euro. Ai lati del podio siedono le due ammiraglie della galassia Agnelli: Cnh Ind. (+2,55%) che frantuma il record storico stabilito con l’exploit della vigilia, e Fiat Chrysler (+2,09%) che supera nuovamente quota 15 euro arrivando ad un soffio dal proprio massimo assoluto.

I titoli del Lingotto completano la festa con i rialzi di Exor (+1,45%) e Ferrari (+0,87%) che naturalmente migliora per l’ennesima volta il proprio record storico superando anche quota 103 euro.

Ma a proposito di titoli che continuano a stupire dobbiamo ancora una volta rimarcare la straordinaria performance di Stmicroelectronics (+1,88%) ormai prossimo a raddoppiare la propria quotazione rispetto al valore col quale ha iniziato questo strabiliante 2017.

Concludiamo infine sottolineando il buon momento di Generali (+1,73%) un titolo che molti investitori detengono in portafoglio.

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :