Magazine Politica

Tremonti:”Sud frena la crescita, pesa economia illegale”

Creato il 15 maggio 2011 da Fabiosiena @alternativadem

Tremonti:”Sud frena la crescita, pesa economia illegale”

a cura di Fabio Siena

Il Ministro dell’economia, in campagna elettorale ed in piena agitazione pre-elezioni come tutta la Lega Nord, lancia una fortissima provocazione in risposta ai dati recentemente emersi sullo sviluppo lento dell’economia italiana, tra le ultime in Europa, facendo ricadere la colpa sul meridione d’Italia, che sarebbe secondo lui “Il freno” della nostra economia, spiegando che è troppo forte l’illegalità presente in questi territori, mentre al “Nord Italia” la situazione sarebbe diversa.

Una mancanza di rispetto enorme da parte del ministro dell’Economia Italiana, e non Padana, che riconferma con le parole quello che dalla sua politica è già emerso nei fatti, ovvero un completo disinteresse per il divario tra le regioni del Mezzogiorno e quelle del triangolo industriale, che con una azione riformistica atta all’accentuazione di tale divario continua a crescere drammaticamente.

Vera è la presenza forte di economia illegale nel sud, ma altrettanto vero che se così è la colpa non può che essere comunque del governo, che non ha saputo rispondere a tali illeciti affari. Ma altrettanto vero è che nel corso di questa legislatura si è vista crescere l’azione delle associazioni a delinquere di stampo mafioso nelle regioni settentrionali, in particolare in Lombardia, dove la ‘Ndrangheta avrebbe ottenuto numerosi appalti relativi all’Expò 2015.

Fatto sta che l’abbandono del Mezzogiorno, dove pure risiedono molti loro elettori, è una cosa aberrante ed esagerata, tanto che lascia pensare che faccia parte di un piano ben più ampio tendente alla tragica volontà di Secessione dei Bossisti.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog