Magazine Viaggi

Trincomalee, Sri Lanka: tra spiagge deserte e avvistamenti di balene

Creato il 28 ottobre 2017 da Milanoodia

fainilaveli * uppuweli * snorkeling * villaggi pescatori

Lo Sri Lanka è famoso, oltre che per la vegetazione lussureggiante e i siti archeologici, anche per le sue belle spiagge dai colori paradisiaci. La zona di Trincomalee è il luogo che abbiamo visto sull’isola che più si  avvicina, per l’appunto, alla nostra visione di paradiso. Deserte spiagge di sabbia fine e chiara, sornioni villaggi di pescatori, barriere coralline e una costa tutta da esplorare, costellata di templi indù coloratissimi. Balene, delfini, tartarughe e snorkeling.

A Trincomalee infatti non farete solo relax in spiaggia, ma vi stancherete grazie alle attività che offre il suo splendido mare, ricco di ogni tipo di pesce e creatura marina. Ma dopo una giornata passata ad inseguire branchi di balene e a nuotare tra centinaia di pesciolini di tutti i colori, la stanchezza non potrà che cogliervi all’improvviso: non vi resta che sedervi calar del sole sotto una palma, con la compagnia solo delle immancabili mucche curiose.

Trinco è una delle tante tappe del nostro lungo viaggio in Sri Lanka fai da te: perché non ne organizzi uno anche tu?

Alcuni libri consigliati prima di partire per lo Sri Lanka
Lonely Planet Sri Lanka
Rough Guides Sri Lanka
Guida Sri Lanka fai da te


Tiziano Terzani “In Asia”, dove il noto scrittore affronta in diversi articoli e lettere alcune delle tematiche politiche e sociali più spinose della storia dello Sri Lanka.

Geograficamente la zona di Trincomalee ha diversi punti d’interesse turistico. La città stessa ha alcune piccole spiagge, un colorato centro abitato ricco di mercati, il porto, una grande fortezza e templi spettacolari. Nei dintorni troverete angoli di sabbia a mare anche molto diversi tra loro, tutti degni di una visita approfondita! Quindi vi consigliamo di fermarvi almeno tre giorni pieni in zona: uno per la visita alla città e alla sua spiaggia, uno da dedicare allo snorkeling e alle escursioni in barca alla ricerca di delfini e balene e un altro per esplorare i paesini vicini. Se in un viaggio in Sri Lanka non potrete fare a meno di notare quanto la natura sia rigogliosa e sempre presente, Trincomalee incarna perfettamente questo spirito iTrincomale, in città.  possibile osservare una vegetazione rigogliosa ed una fauna speciale: infatti numerose colonie di cerbiatti si aggirano per la città e la loro simpatia ha fatto sì che la popolazione eleggesse questo dolce animale a simbolo di Trincomalee.

Quando andare a Trincomalee Sri Lanka

Che clima troverete a Trincomalee?I mesi più piovosi (e unici da evitare se quello che si cerca è una vacanza di mare con sole splendente) vanno da ottobre a gennaio e corrispondono all’arrivo del monsone che colpisce la costa nord est abbastanza intensamente. Fine settembre ed inizio febbraio possono essere ancora relativamente umidi e piovosi mentre nei restanti mesi le piogge sono limitate a rari eventi temporaleschi tipici del clima tropicale. Maggio, giugno e luglio sono solitamente i mesi più caldi e le temperature possono sfiorare occasionalmente i 40°C, anche se sono normalmente assestate attorno ai 30-35°C durante tutta la stagione asciutta. Considerando un picco di visite turistiche (che comunque solitamente non è paragonabile a quello di altre affollate spiagge dello Sri Lanka) a luglio e agosto nel resto dei mesi molte spiagge sono pressoché deserte e i servizi (alberghi e ristoranti) attivi per tutto l’anno (con un calo nei mesi in cui il monsone è più vigoroso). La stagione migliore per gli avvistamenti di balene va da maggio a ottobre.

Trincomalee Sri Lanka Spiagge Deserte Balene

Dove dormire a Trincomalee 

La nostra scelta (azzeccatissima) è stata soggiornare in zona Uppuveli, per essere vicini ad una spiaggia bellissima e tra la città di Trinco e alla zona di Nilaveli. Uppuveli è poco più di un crocchio di alberghi, ristoranti, abitazioni locali e qualche bancarella di frutta e verdura. Il paese è diviso in due da una strada principale (quella che porta da un lato a Trinco e dall’altro verso Nilaveli) parallela al mare; dal lato della spiaggia si trova la maggior parte delle attività per turisti. Noi abbiamo alloggiato dall’altra parte, soluzione più economica, tranquilla e vicina ai ristorantini per i locali.

La nostra scelta è stata il Blue Moon Rest Inn che a partire da 8 euro offre camere semplici ma pulitissime, con acqua calda e attrezzature per il bucato. A 7 minuti a piedi dalla spiaggia di Uppuveli al costo di un terzo dei grandi alberghi o resort vicini alla spiaggia. PRENOTA ORA!

Se cercate a Uppuveli una sistemazione lussuosa con piscina in riva al mare potete optare per il resort Trinco Blu by Cinnamon, soluzione elegante e vistosa a partire da 40 euro a camera (tasse escluse). Non sono i nostri budget, main questo caso il rapporto qualità/prezzo è davvero alto. PRENOTA ORA!

Invece l’Hotel Victoria Inn si trova nel cuore di Trincomalee, quindi in città, a pochi minuti da una bella spiaggia privata e rilassante. Offre tanti servizi e i proprietari sono davvero cordiali ed accoglienti. Camere matrimoniali a partire da 17 euro. PRENOTA ORA!

A Nilaveli potrete scegliere il lusso totale dello splendido resort Jungle Beach by Uga Escape con i suoi chalet affacciati sulla piscina e una splendida spiaggia privata a partire da 125 euro. Una location davvero paradisiaca da mille e una notte. PRENOTA ORA!

Se preferite come noi viaggiare budget a Nilaveli l’Oceanic White House è la scelta perfetta! A soli 5 minuti dalla spiaggia offre camere spaziosissime, dall’arredamento vivace e incredibilmente pulite a partire da 15 euro. PRENOTA ORA!

Come arrivare e come spostarsi a Trincomalee, Sri Lanka

La città di Trincomalee è ben collegata con tutto lo stato da una piccola ma trafficata stazione degli autobus che si trova vicino al mercato cittadino. Con autobus più o meno diretti calcolate 6/8 ore per arrivare da Colombo, 3/4 ore da Batticaloa e circa 2/3 ore (passando per Habarana) se provenite dal triangolo culturale. Dalla città di Trincomalee potrete raggiungere facilmente in tuk-tuk tutte le zone limitrofe e un ottimo ed economico servizio di autobus di linea collega tutte le mete lungo la costa. Noi siamo arrivati alla stazione dei bus di Trincomalee alle 5.30 di mattina e c’erano numerosi tuk tukers, quindi non abbiate paura di non trovare un passaggio anche a tarda notte.

Cosa vedere a Trincomalee, Sri Lanka

Trinco si sviluppa su una penisola dalle forme interessanti che garantisce viste mozzafiato grazie ad insenature e zone montuose con scogliere a picco sul mare. È da secoli un importante centro mercantile grazie al suo sviluppato porto, accessibile anche a navi di grande portata. Principalmente la sua popolazione è di etnia tamil e molti importanti siti indù ne fanno una meta religiosa importante. Negli ultimi decenni ha subito una storia travagliata a causa della guerra civile che per circa 20 anni ha vessato il nord dello Sri Lanka e nel 2004 è stata pesantemente afflitta dallo tsunami. Ora, dopo diversi anni di assestamento, pace e relativo benessere, la zona si sta aprendo al turismo grazie alle sue bellezze naturali. Niente in confronto al sud: quindi non aspettate oltre, inserite una tappa a  Trincomalee nel vostro prossimo viaggio in Sri Lanka.

Visita al forte olandese e al Koneswaram Temple

Vi consigliamo di visitare la città partendo dal suo forte olandese per poi proseguire verso il più sacro tempio indù di Trinco.

Passeggiando lungo Fort Fredrick Road, verso l’apice della penisola lungo cui si sviluppa un centro militare, troverete una porta in pietra (l’ingresso principale del forte) dove una guardia armata tutt’altro che minacciosa vi darà il benvenuto. Da qui in poi proseguendo lungo un bel viale alberato troverete sulla vostra sinistra il piccolo tempio buddista di Gokanna Rajamaha Vihara; continuando a camminare attraverserete tutto il forte costruito dai portoghesi nel 1624 sulla Swami Rock e arriverete poi su un picco roccioso importante nella storia religiosa indù.

Nel 1665 questo forte venne occupato dagli olandesi e rinominato Fort Fredrick. Ora ospita vari reggimenti dell’esercito srilankese ma è visitabile con una bella passeggiata di un paio di chilometri sotto enormi alberi dove incontrerete numerosi branchi di cerbiatti che convivono pacificamente con militari ed abitanti della zona. Salendo fino alla cima della Swami Rock troverete l’affascinante tempio indù Koneswaram (ad agosto del 2017 non c’era nessuna entrance fee) abbarbicato a picco sull’oceano. Questo tempio indù che era già un importante centro religioso dal 200 a.C., venne distrutto nel 1600 dai coloni portoghesi e rimase in rovina fino al 1950, quando iniziò una prima ricostruzione del tempio. Nel 1963 venne inaugurato il tempio rinnovato nella sua più recente versione: al suo ingresso troverete una gigantesca statua di Shiva che sovrasta la scogliera, un tempio centrale alle sue spalle e diversi piccoli luoghi di preghiera lungo le insenature sulla roccia a piccolo sul mare. I fondali marini nei pressi del tempio nascondono antiche statue e resti degli antichi templi distrutti, ideali per un’immersione davvero impressionante in una sorta di tempio sottomarino.

Trincomalee Sri Lanka Spiagge Deserte Balene

La zona del mercato e il porto di Trincomalee, Sri Lanka

Ripercorrendo la strada a ritroso uscite dal forte, tenete la destra e proseguite lungo la costa per circa 600 metri  passata la bus station di Trincomalee, troverete una bella zona di mercato che si sviluppa su diverse vie, ideale per fare rifornimento di frutta e verdura ma anche per chi cerca sete colorate e gioielli in stile indù. Passeggiando in lungo e in largo nel cuore della cittadina abbiamo visto solo una manciata di turisti.

Attraversando la penisola arriverete dopo circa 1 chilometro sulla costa opposta. Qui troverete il grande porto di Trincomalee, secondo (naturale) del paese per estensione e decisamente molto trafficato; zona interessante per qualche foto tra le gigantesche navi da carico ed i pescherecci.

Le spiagge di Trincomalee

Le migliori spiagge interne alla città sono quelle della baia di Back Bay, dalla quale è possibile ammirare dal basso le colorate costruzioni del Koneswaram Temple. Da qui (come da altre spiagge limitrofe) è possibile organizzare vari tipi di escursioni in barca (troverete centri specializzati sulla spiaggia e qualche procacciatore vi proporrà i suoi itinerari senza troppa insistenza). Però questa zona non regge il confronto con le spiagge più a nord di Trincomalee, dove a nostro parere troverete più pace e acque più azzurre.

Le spiagge a nord di Trincomalee: Uppuveli e Nilaveli

Uppuveli

Proseguendo lungo la costa a nord di Trinco si susseguono splendide spiagge tropicali. La prima che incontrerete è Uppuveli, a una manciata di chilometri dal centro città (con la quale è ben collegata grazie a bus e tuk-tuk) è il luogo ideale per soggiornare e avere un piccolo paradiso a pochi passi e la città a portata di mano. In questa zona si sta sviluppando un mini centro turistico con un grande albergo sulla spiaggia, un dive-centre, tante guest house minori e ristorantini. Noi abbiamo preferito non alloggiare direttamente sulla spiaggia ma vicini alla strada principale e alla zona più cingalese di Uppuveli, dove è possibile trovare negozi e ristoranti che servono cibo locale a buon prezzo. Sulla spiaggia, se evitate la piccola zona riservata agli hotel, sarete indisturbati e tranquilli a godere mare azzurro e distese di sabbia bianca.

Nella parte nord della spiaggia di Uppuveli si trova un bel tempio indù, il Salli Muthumariyamman Temple con una vivace laguna alle spalle. Proseguendo lungo la costa oltre il tempio incontrerete dei bei villaggi di pescatori e una zona costiera rocciosa molto interessante (una bella passeggiata di un’oretta).

Trincomalee Sri Lanka Spiagge Deserte Balene

Nilaveli

A circa 10 km a nord di Uppuveli (potete arrivarci in bus o in tuk tuk) si snoda lungo la costa una lunghissima striscia sabbiosa dalle acque incredibilmente cristalline. Qui il mare è solitamente calmissimo e fare lunghi bagni nell’acqua tiepida è un piacere. Noi ci siamo fermati nella spiaggia vicino al Pigeon Island National Park Ticket Office e proprio di fronte a noi si vedeva la bella isoletta famosa per la sua barriera corallina. In questa zona a pomeriggio si ritrovano tante famiglie e giovani dai villaggi vicini per fare il bagno e passare un po’ di tempo in spiaggia e spesso anche gruppi di mucche decidono di rilassarsi qui insieme ai bagnanti.

Trincomalee Sri Lanka Spiagge Deserte Balene

Spiaggia deserta con… mucche!

Snorkeling, immersioni ed escursioni alla ricerca di delfini e balene

Da ognuna delle spiagge di Trinco e dintorni è possibile, con brevi tratte in barca, trovare ottimi siti per immersioni e snorkeling. Le opzioni sono diverse, ci sono sulle spiagge principali alcuni dive-centre che propongono pacchetti molto simili tra loro con varie opzioni. Noi – per lo snorkeling – ci siamo rivolti ad un gruppo di ragazzi locali ben organizzato che ha le proprie barche presso la laguna di Uppuveli. Vi basterà recarvi in quella zona in mattinata e saranno loro a trovare voi. Non passando tramite agenzia ma trattando direttamente con loro avrete la possibilità di ottenere anche prezzi migliori e concordare comunque una gita personalizzata nelle zone che vi interessano di più. Un’area molto gettonata è quella alla base della Swami Rock, zona detta anche Lover’s Leap, dove è possibile fare immersioni fino a 22 metri o semplicemente esplorare la costa facendo snorkeling. Qui potrete avvistare squali e tantissimi pesci colorati di diverse dimensioni. A circa 15 minuti di barca nella zona di Navy Island invece potrete nuotare in mezzo alle tartarughe ed esplorare dei fondali molto vivaci, ad immersione massima di 10 metri. La zona conosciuta come Underwater Temple, dove sono presenti i resti di statue induiste dell’antico tempio di Koneswaram, si può raggiungere con una bella immersione, sempre nei dintorni della Swami Rock.

Tutte questi luoghi sono visitabili in giornata e non hanno pagamento d’ingresso ma dovrete accordarvi sul prezzo in base ai posti che volete visitare con il vostro barcaiolo (calcolate per 2 tappe di snorkeling circa 15 – 20 euro a coppia per un totale di 2h30). Invece per quanto riguarda la più famosa Pigeon Island che si trova di fronte alla spiaggia di Nilaveli, è necessario pagare un ticket d’ingresso governativo di circa 17 euro. Poi è necessario aggiungere i costi dell’affitto della barca (tra i 10 e i 15 euro presso il Pigeon Island National Park Ticket Office sulla spiaggia di Nilaveli) e un paio di euro a persona per il noleggio di maschera e pinne. La spesa può sembrare alta ma la riserva naturale comprende una bellissima barriera corallina che circonda quest’isola e da rifugio a squali, pesci tropicali, stelle marine, tartarughe e una vivacissima flora marina.

Un’altra bella esperienza che vi verrà proposta sulle spiagge di Trincomalee e dintorni è una gita in barca per cercare di avvistare delfini e balene (che abitano queste acque da maggio a ottobre), per circa altri 15 euro (a coppia) potrete abbinare all’esperienza di snorkeling questa escursione in mare aperto. Non aspettatevi risultati assicurati, ma la possibilità di incontrare grossi branchi di delfini che nuotano a pelo d’acqua e gruppi di balene è davvero alta e i pescatori locali sanno dove andare a cercare questi animali affascinanti… noi non abbiamo visto delfini ma ben 5 balene e l’esperienza è stata davvero incredibile. Nelle zone costiere a sud, dove il turismo di massa è arrivato da molto tempo, le escursioni  per ammirare le balene sono a gestione statale, con prezzi più alti del triplo rispetto a Trincomalee. Se siete interessati, quindi, sapete dove fare questa esperienza.Per ricapitolare, noi siamo partiti alle 6:30 di mattina per l’escursione in mare aperto alla ricerca di delfini e balene. Alle ore 9, dopo una breve sosta in spiaggia, siamo ripartiti per Lover’s Leap e Navy Island, dove per circa 2 ore e mezzo abbiamo fatto snorkeling e avvistato tantissimi animali marini. Spesa totale 6000 rupie per 2 persone, ovvero circa 33 euro (calcolate che i prezzi si abbassano molto se riuscite a trovare qualcuno con cui dividere la barca come abbiamo fatto noi!).

Cosa fare in Sri Lanka nelle tappe prima e dopo Trincomalee?

Le scelte sono molteplici e dipendono ovviamente dai vostri gusti: noi per esempio siamo arrivati a Trinco da Arugam Bay, la patria del surf in Sri Lanka: non siamo grandi sportivi, ma la movida che si respira da quelle parti era l’ideale per fare un po’ di vita sociale dopo otto mesi on the road.
Nessun viaggio in Sri Lanka è completo senza aver visto almeno una parte dei siti archeologici del Triangolo Culturale, andando così alla scoperta delle antiche capitali del paese.

Trincomalee Sri Lanka Spiagge Deserte Balene

Ragazzini locali che si divertono in spiaggia



Share:

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :