Magazine Diario personale

Trivelliamo?

Da Aquilanonvedente

omg-salsicceNon mi sono ancora informato sul referendum sì o no triv.

Che poi, parlare di trivelle ha un significato (scusate la lieve perversione) un po’ ambiguo, no?

Vabbe’, comunque sia che decida di votare sì, sia che decida di votare no, sia che decida di astenermi, una cosa è sicura: a votare io ci vado.

Perché l’invito di craxiana memoria di andare al mare non mi piace per niente.

Primo, perché il mare da me è lontano.

Secondo, perché al mare ci vado quando voglio io e non quando me lo dice il politico di turno.

Terzo, perché se fosse un referendum inutile, allora si cambi la legge e si consentano soltanto quelli “utili”, che poi voglio proprio vedere chi decide l’utilità o meno (chi vota, ovvio).

Quarto, perché il referendum dovevano farlo contemporaneamente alle elezioni amministrative, e invece non è la prima volta che i governi non vogliono, con la scusa che l’elettore si potrebbe confondere.

Ma dico io, chi volete prendere per il culo?

Ci fate votare con schede elettorali che sembrano lenzuola, con i simboli di trenta-quaranta liste, due terzi delle quali completamente finte.

Dopo che abbiamo votato si scopre che metà delle firme raccolte sono finte pure loro.

E poi scopriamo che i politici che vengono eletti sono pure loro finti.

E poi ci venite a dire che il referendum potrebbe confonderci?

Ma andate a cagare…

P.S.: comunque, più ci penso e la trivella non l’associo mica al petrolio…



Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog