Magazine Cultura

Tutto ciò che potrei fare.

Creato il 01 maggio 2018 da Scurapina

In attesa di capire se finalmente a settembre potrò andare in pensione ogni tanto mi ritrovo a fantasticare su tutto quello che potrei fare con tanto tempo libero a disposizione anche se, almeno a giudicare dalle mille idee che mi vengono in mente, ho l’impressione che di tempo libero me ne resterebbe pochino.

Innanzitutto potrei dedicare qualche ora in più alla mia mamma e a tutte le mie amiche ultranovantenni che sembrano solo aspettare di scambiare qualche parola, di riscoprire un passato che non interessa più a nessuno, di condividere ricordi e storie.

Poi c’è il gruppo “Nati per leggere” e la attività di lettura per i bimbi piccolissimi che potrei ampliare e approfondire.

Non vedo l’ora di poter trascorrere qualche giornata a Milano per visitare mostre e musei senza essere obbligata a farlo nei week end quando le code diventano chilometriche, le attese hanno templi biblici e, per vedere un quadro, bisogna armarsi di santa pazienza.

E poi vorrei viaggiare al di fuori del periodo estivo o delle vacanze comandate, per evitare le orde che affollano le mete più appetibili, senza trovare aerei strapieni, treni stipati di viaggiatori, alberghi e ristoranti senza un posto libero, mi piacerebbe anche evitare di visitare deserti in pieno agosto (come mi è successo di recente) perchè nei mesi più miti sono incatenata ad una cattedra.

E poi vorrei leggere, ascoltare musica, tirar tardi alla sera senza l’incubo della sveglia alla mattina  e perdere tempo e annoiarmi senza il rimorso di non aver fatto ciò che dovevo fare.

Credo proprio che se riuscirò ad andare in pensione non avrò un momento libero.

Milano Gallerie d'Italia


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog