Magazine Internet

Twitter limiterà le interazioni con tweet di leader politici che infrangono le regole

Da Franzrusso @franzrusso

Lo scorso mese di giugno Twitter aveva reso noto che i tweet di leader politici che vìolano le regole della piattaforma sarebbero stati segnalati e nascosti. A distanza di pochi mesi, Twitter informa che le interazioni con quei tweet saranno limitate.

L'uso di Twitter da parte di leader politici è sempre più ampio, basta solo citare Donald Trump come esempio per rendere chiaro a tutti il fenomeno. Però, nei mesi scorsi, in molti si sono lamentati del fatto che tweet pubblicati da leader politici, n evidente violazione delle condizioni d'uso della piattaforma, non venissero cancellati. Twitter da questo punto di vista ha cercato di spiegare quale fosse la sua posizione nel corso degli ultimi mesi, e cioè che i tweet da parte di personalità pubbliche, come leader politici, non dovessero essere cancellati. Una posizione poi rivista lo scorso mese di giugno, quando la società guidata da Jack Dorsey, decise di intervenire su un tema molto sentito dagli utenti, decidendo di segnalare e nascondere i tweet in netta violazione delle condizioni di utilizzo.

Questo breve preambolo per dire che Twitter, anche in vista dei prossimi appuntamenti elettorali in vari paesi, Usa su tutti, ha deciso di intervenire nuovamente per chiarire il fatto che, dopo quella segnalazione dei tweet, l'interazione da parte degli utenti, quindi retweet, like e ripsoste, sarà limitata.

Twitter limiterà le interazioni con tweet di leader politici che infrangono le regole

Una decisione che soddisfa a metà, nel senso che il tweet, come già ricordato, che vìola le regole perché incita all'odio, alla violenza o perché è particolarmente offensivo, viene segnalato e nascosto, ma poi basta cliccare su "visualizza" per vederlo per intero. Twitter ha deciso questo intervento, quindi limitando le interazioni, per permettere che ci sia sempre la possibilità di discutere circa il contenuto di quel tweet, ma non vuole che quel contenuto poi possa essere condiviso e diffuso.

Per essere più chiari, non sarà possibile fare retweet o like, ma sarà possibile comunque citarlo. Una posizione, se vogliamo, più chiara rispetto a quella di qualche mese fa, solo che non soddisfa poi tanto.

Tanto per fare un esempio, lo scorso anno Twitter decise di non cancellare i tweet di Trump che, in maniera esplicita, in cui il presidente degli Usa dichiarava guerra alla Corea del Nord, mentre, invece, ha fatto cancellare un tweet del leader supremo dell'Iran, l'Ayatollah Seyed Ali Khamenei.

Twitter, da oggi nasconderà i tweet di personaggi pubblici che vìolano le regole

In un post Twitter specifica che le personalità politiche non sono considerate super partes, anche i loro account devono rispettare le regole come tutti gli altri utenti, solo che Twitter, in alcuni casi, vuole preservare "l'interesse pubblico" che non deve mai essere negato.

E questi sono gli ambiti in cui Twitter interviene in maniera coercitiva:

  • Promozione del terrorismo;
  • Minacce chiare e dirette di violenza contro un individuo;
  • Pubblicare informazioni private, come l'indirizzo di casa o un numero di telefono personale non pubblico;
  • Pubblicare o condividere foto o video intimi di qualcuno che sono stati prodotti o distribuiti senza il loro consenso;
  • Impegnarsi in comportamenti relativi allo sfruttamento sessuale dei bambini;
  • Incoraggiare o promuovere l'autolesionismo.

Insomma, staremo a vedere.

E voi che ne pensate?


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog