Magazine Libri

U4 · Koridwen – Yves Grevet

Da Stormina @sonosololibri

U4 · Koridwen – Yves Grevet

2 out of 5 stars
  • Titolo originale: U4 · Koridwen
  • Genere: Young adult, distopico
  • Anno: 2018
  • Lingua originale: Francese
  • Serie: U4, I
  • Isbn: 9788811673590
  • Casa editrice: Garzanti
  • Traduttore: Paolo Lucca
  • Pagine: 304
  • Prezzo: 16,90€
  • Compra su Amazon Compra su Mondadori Store Guarda su Goodreads Guarda su Anobii
Il mondo è popolato solo da adolescenti che hanno tra 15 e 18 anni: gli unici sopravvissuti al virus U4. Koridwen vive in una fattoria isolata in Bretagna dove, da sola, prova a rimettere in piedi la propria vita. Fino al giorno in cui tutto cambia. Fino al giorno in cui scopre di essere la prescelta per fermare il virus nella sua corsa mortale. Koridwen non capisce perché abbiano scelto proprio a lei, ma non può non rispondere al misterioso appello che ha ricevuto da Khronos, il game master di Warriors of Time, il videogioco online di cui era appassionata prima della catastrofe: deve trovarsi il 24 dicembre a mezzanotte sotto l’orologio più antico di Parigi. Spetta a lei salvare il mondo.
Koridwen ha paura, eppure sa che c’è una sola cosa che può darle la forza di affrontare il suo destino: la lettera che la nonna le ha lasciato e che le rivelerà il segreto che si nasconde nel suo nome. Quello che trova arrivata nella capitale francese è una realtà totalmente nel caos: il cibo scarseggia, le comunicazioni sono impossibili, non c’è elettricità e i monumenti più importanti della città sono stati presi d’assalto. Koridwen deve fare di tutto per proteggere la sua vita e raggiungere il luogo dell’appuntamento. Ma non è sola. Con lei altri tre ragazzi, altri tre prescelti: Jules che ha tra le mani segreti che non può svelare; Stéphane, convinta che il padre medico non sia morto; e Yannis, assetato di vendetta per la morte della sorellina. Insieme sono l’unica speranza di salvezza per l’umanità. Non c’è tempo per la paura, i dubbi, le incertezze: anche se sono solo quattro ragazzi devono sfoderare il loro coraggio e tutte le loro risorse. Perché nessuno sa cosa li aspetta. Nessuno sa cosa dovranno affrontare. Nessuno sa perché è toccato proprio a loro. L’unica cosa sicura è che il futuro è nelle loro mani.

Sono dieci giorni che il filovirus meningeo U4 – U da “Utrecht”, la città dei paesi bassi in cui ha fatto la sua comparsa, e 4 per “quarta generazione” – miete le sue vittime.
[…] Più del novanta percento della popolazione mondiale è stato decimato. Gli unici sopravvissuti sono adolescenti. Le scorte alimentari e l’acqua potabile cominciano a scarseggiare. La rete elettrica e le vie di comunicazione sono al collasso.
— incipit

Uffa. Uffa uffa uffa. Diciamocelo chiaramente, mi sono lasciata fregare. Il progetto era troppo accattivante per dire di no: quattro autori diversi, quattro libri che possono essere letti in qualsiasi ordine, un’epidemia mortale che lascia vivi solo gli adolescenti, quattro ragazzi destinati a salvare il mondo. Come premessa non era male. Solo che. Già la copertina urlava a gran voce il target del libro, la fascetta “un caso editoriale, millemilioni di copie vendute, la saga che ha fatto impazzire i lettori d’oltralpe” mi stava dando segnali ancora più forti. Che io non ho voluto ascoltare.

Nonostante le mie speranze, il libro è a tutti gli effetti uno Young Adult, nel senso non proprio positivo del termine (e lo so, qui fioccheranno commenti brutti, ma prendetevela con l’editoria non con me). Siamo in Francia, Koridwen è l’unica sopravvissuta della sua famiglia, dopo che l’epidemia U4 ha decimato l’intero paesino della Bretagna in cui vive, oltre che il 90% della popolazione mondiale. A darle una speranza è l’ultimo messaggio da parte del gamemaster del suo gioco online preferito, Warriors of Time, che prima della definitiva interruzione di internet e dell’energia elettrica, dà agli “Esperti” del gioco appuntamento a Parigi la notte del 24 dicembre, per tornare indietro nel tempo e salvare il mondo. Kori si imbarcherà nell’impresa di raggiungere Parigi accompagnata solo da suo cugino Max e dalle parole della nonna, che le svelerà il mistero del suo nome e i segreti che esso cela.

E qui viene il bello, o meglio, il brutto. Si perché checché se ne dica, a nessuno piace leggere libri brutti, né tantomeno rencensirli. Però sta di fatto che questo libro non funziona. La trama è di una banalità sconvolgente e tutto quello che succederà nelle 300 pagine è annunciato nelle prime 4. Tutto quanto, compreso il finale. L’unico plot twist, o colpo di scena che dir si voglia, presente nel libro passa assolutamente in sordina tra una frase e un’altra. Tutto il resto è un susseguirsi di fatti più o meno banali, poco emozionanti anche quando dovrebbero esserlo, ripetitivi e scontati. La protagonista, Koridwen, sa fare tutto e non si fa mai domande tranne quelle che ripete per tutta la storia, cosa che la rende piatta e anche un tantino irritante. I personaggi di contorno sono quasi peggio, e l’unico che forse si salva è Max.
Forse per dare un piglio ancora più “hey adolescente, guardami, sono un libro che ti piacerà”, vengono messi sul fuoco argomenti che c’entrano ben poco con la trama del libro, né sono funzionali alla storia se non forse ad allungare il brodo. La filastrocca del druido, intorno alla quale si sviluppa una parte della storia, è non solo insensata, ma dà la chiara impressione di essere infilata lì apposta, piuttosto che fungere da indizio interessante ai fini della trama. Mi chiedo inoltre il senso di ripeterla per intero alla fine del libro, aggiungendo allo stesso 10 pagine di inutilità.

Insomma sono dispiaciuta, perché il progetto sembrava accattivante, ma avessi dato credito al mio sospetto iniziale sul genere del libro, mi sarei scaricata l’anteprima su Kindle e poi mi sarei risparmiata questi 16 euro. Tra l’altro mi domando, dato che questo volume ha effettivamente un finale, come finiscano gli altri 3, dato che teoricamente l’ambientazione è la stessa, ma vissuta da 4 personaggi diversi.

Se hai già letto il libro

Attenzione, spoiler. Clicca per aprire Apri

La cosa assurda di questo libro è che mi aspettavo un colpo di scena finale, e invece no. Il finale è esattamente quello che ci è stato preannunciato a pagina 2, Koridwen va indietro nel tempo e, forse, stavolta salva il mondo. L’unica sorpresa è il fatto che Kori abbia già vissuto tutto già una volta (o forse molte), cosa che passa in sordina tra una riga e un’altra quando invece era forse l’unica cosa degna di essere sottolineata.
Il fatto che la nonna sia una strega e che forse anche Kori lo sia alla fine non ha nessun senso ai fini della trama, se non quella di mettere in ballo argomenti molto amati dal target del libro, cosa che ho trovato estremamente fastidiosa.

La saga

La saga è composta da 4 libri. Koridwen è il primo uscito in Italia, mentre in Francia è stato l’ultimo ad uscire.

  • u4 · Kodirwen
  • u4 · Yannis
  • u4 · Stéphane
  • u4 · Jules

Il segnalibro

Giuro che non ho evidenziato nemmeno una frase del libro. Appena trovo qualcosa di papabile procederò a creare il segnalibro.

L'articolo U4 · Koridwen – Yves Grevet proviene da SonoSoloLibri.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazines