Magazine Cultura

Umani e cambiamenti climatici hanno portato all'estinzione la Megafauna australiana.

Creato il 03 dicembre 2019 da Hugor @msdiaz61

Gli animali di grandi dimensioni dell'antica Australia, la megafauna, si estinsero circa 42.000 anni fa, ma il ruolo degli umani nella loro morte è stato dibattuto per decenni. Una nuova ricerca mette in discussione l'idea costruita da precedenti studi secondo cui la nostra specie era il principale motore di estinzioni in Australia e che il cambiamento climatico era nella migliore delle ipotesi un contributo secondario; rivela invece uno scenario più complesso in cui i cambiamenti climatici avrebbero potuto limitare la quantità di risorse disponibili per gli animali giganti, ma che l'aspetto umano era probabilmente un altro contributo importante e necessario per spiegare la scomparsa della megafauna in molte parti del continente.

Umani e cambiamenti climatici hanno portato all'estinzione la Megafauna australiana.

Una gamma di megafauna ormai estinti che era presente quando gli umani arrivarono per la prima volta in Australia. Credito d'immagine: Peter Trusler, Monash University.

"C'è stato molto dibattito tra gli scienziati su quali condizioni hanno portato a questo evento di estinzione", ha dichiarato il dott. Frédérik Saltré , ricercatore presso la Flinders University.

"Risolvere questa domanda è importante perché è uno dei più antichi eventi di estinzione simili dopo che gli esseri umani moderni si sono evoluti e hanno lasciato l'Africa".

Nello studio, il dott. Saltré e colleghi hanno analizzato i dati fossili, le ricostruzioni climatiche e le informazioni archeologiche che descrivono i modelli di migrazione umana nell'Australia sud-orientale.

Hanno sviluppato e applicato sofisticati modelli matematici per testare scenari per spiegare le variazioni regionali nei periodi durante i quali convivevano persone e megafauna.

Hanno scoperto che il modello di estinzione potrebbe essere spiegato solo dalla combinazione di persone che condividono l'ambiente e dalla ridotta disponibilità di acqua dolce a causa dei cambiamenti climatici.

"I modelli regionali in via di estinzione sono meglio spiegati dall'ipotesi che le persone migrassero attraverso l'Australia, sfruttando laghi e altre fonti di acqua potabile che collegano le regioni più asciutte in mezzo", ha detto il professor Corey Bradshaw della Flinders University.

"È plausibile che le specie megafauna siano state attratte dalle stesse fonti di acqua dolce degli umani, aumentando così la possibilità di interazioni."

"La nuova intuizione che la pressione umana e i cambiamenti climatici collaborano per innescare l'estinzione delle specie è un" forte avvertimento "per l'immediato futuro della biodiversità del pianeta di fronte a un clima ancora più forte e alla distruzione dell'habitat", ha affermato Saltré.

I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Nature Communications .

Fonte: Sci-News

Trovato questo articolo interessante? Condividilo sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o semplicemente premi "+1" per suggerire questo risultato nelle ricerche in Google, Linkedin, Instagram o Pinterest. Diffondere contenuti che trovi rilevanti aiuta questo blog a crescere. Grazie! CONDIVIDI SU!


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog