Magazine Diario personale

Umbria, lesson number one: back to basics

Creato il 28 ottobre 2019 da Cristiana

Ogni elezione locale fa storia a sé.

In Umbria vince una coalizione che non ha mai governato la Regione ma sta già governando tutti i comuni importanti. Si chiama ricambio, si chiama alternanza. Si chiama mancanza, da parte di chi ha tenuto il governo della regione per 49 anni, di capacità di rinnovamento. Ora l'alternanza nei comuni e in regione deve determinare un cambiamento forzato. Speriamo che la lezione serva. A Roma purtroppo non sembra sia servito molto, forse serve stare fuori dai giri più di un giro?

M5S al 10% (così sembra). Cosa vi aspettavate dagli elettori che votavano M5S solo per scardinare il sistema? Che gli piacesse l'alleanza col PD che in Umbria è il sistema? Per gli Umbri il cambiamento radicale è Salvini. Piaccia o no.

Un altro piccolo tema. Leggo che Salvini ha pianificato questa candidatura da almeno 2 anni. La Tesei era sindaca. La candidano in senato per darle visibilità nazionale e ora in regione. Ma con un piano che nasce da lontano. Quindi la candidata sono due anni che lavora e probabilmente incontra cittadini con questo obiettivo.

La nostra capacità di pianificazione a sinistra dove sta? Prendiamo una città a caso. Prendiamo Roma. Abbiamo un piano per evitare la Meloni sindaco? La coalizione di centro sinistra cosa aspetta a mettere in campo una candidatura e fargli fare una campagna elettorale sul territorio che non duri un mese con un candidato sconosciuto nato a tavolino come un mostro di laboratorio?

Non si vince sommando i voti dei partiti a livello locale, scordatevelo. Non funziona più, non esiste più la fedeltà al marchio.
Si vince mettendo in campo candidature che convincono e si perde mettendo in campo candidature che non convincono.
Torniamo ai basics.

Umbria, lesson number one: back to basics

Classe 1976, ingegnere meccanico, da aprile 2019 , dopo 15 anni nell'automotive e quasi 15 traslochi in giro per l'Italia e l'Europa, sono General Manager di una realtà italiana del settore food (Eccellenze Campane) o come preferisco dire "cibo", uno dei beni comuni del nostro Paese. Una missione organizzativa e manageriale bellissima che sposa la mia passione per il buono del nostro Paese con le cose che ho imparato in ambito retail. Da maggio 2015 a dicembre 2018 ho fatto parte del Consiglio di Amministrazione (CDA) di ANAS, cercando di servire il Paese e di dare un piccolo contributo per colmare il gap infrastrutturale italiano. Ho scritto libri: Quattro ed.Il Dito e La Luna 2006, Verrai a Trovarmi d'inverno ed. Hacca, 2011, "Ho dormito con te tutta la notte", ed. Hacca 2014. Vedi tutti gli articoli di calicata

Pubblicato


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog