Magazine Arte

Un'aula per bisogni complessi

Creato il 02 novembre 2018 da Raffy87

Le scuole, soprattutto quelle dalle primarie in poi, non sono ambienti confortevoli e stimolanti per bambini con bisogni complessi.

Ambienti difficilmente accessibili con le carrozzine, molto o troppo poco illuminati, caotici, rumorosi,... A volte, se la scuola lo permette, la creazione di uno spazio ad hoc può essere la soluzione per un momento di relax ma anche di apprendimento più efficace.

Un'aula per bisogni complessi

Questo è un esempio di cosa ho creato, con l'insegnante di sostegno, per un bimbo affetto da tetraparesi spastica.

L'ambiente, a lui totalmente accessibile, è stato creato per permettergli di muoversi in autonomia rotolando. Inoltre, gli oggetti appesi (che variano con cadenza mensile) hanno lo scopo di stimolarlo ad assumere la posizione seduta.

Durante i mesi abbiamo appeso:

  • palloncini,
  • bottiglie sonore,
  • piccoli pupazzetti,
  • campanelli,
  • pom poms di carta,
  • decorazioni natalizie.

Un'aula per bisogni complessi

I giochi presenti, che hanno una posizione stabile, lo aiutano nella scelta consapevole di ciò che vuole. I giochi preferiti sono stati:

  • palline di diverso formato e consistenza (con le punte, morbide,...),
  • la parte "pelosa" di scope e togli ragnatele,
  • guanti di plastica riempiti di semi vari,
  • spugne,
  • pigne,
  • animaletti gommosi e un po' viscidi,
  • sottopentola di plastica morbida.

La piscina a forma di cane, inoltre, viene riempita con materiali differenti per stimolare la conoscenza di materiali e colori diversi.

  • palline di plastica dura,
  • costruzioni morbide,
  • pasta,
  • lenticchie,
  • farina da polenta,
  • feltro,
  • stoffe,
  • palloncini.

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog