Magazine Cucina

Un caso speciale per la ghostwriter – Alice Basso

Da Gialloecucina

Un caso speciale per la ghostwriter – Alice Basso

Trama

Per Vani le parole sono importanti. Nel modo in cui una persona le sceglie o le usa, Vani sa leggere abitudini, indole, manie. E sa imitarlo. Infatti Vani è una ghostwriter: riempie le pagine bianche di scrittori di ogni genere con storie, articoli, saggi che sembrino scaturiti dalla loro penna. Una capacità innata che le ha permesso di affermarsi nel mondo dell’editoria, non senza un debito di gratitudine nei confronti dell’uomo che, per primo, ha intuito la sua bravura: Enrico Fuschi, il suo capo. Non sempre i rapporti tra i due sono stati idilliaci, ma ora Vani, anche se non vorrebbe ammetterlo, è preoccupata per lui. Da quando si è lasciato sfuggire un progetto importantissimo non si è più fatto vivo: non risponde al telefono, non si presenta agli appuntamenti, nessuno sa dove sia. Enrico è sparito. Vani sa che può chiedere l’aiuto di una sola persona: il commissario Berganza. Dopo tante indagini condotte fianco a fianco, Vani deve ammettere di sentirsi sempre più legata all’uomo che l’ha scelta come collaboratrice della polizia per il suo intuito infallibile. Insieme si mettono sulle tracce di Enrico. Tracce che li porteranno fino a Londra, tra le pagine senza tempo di Lewis Carroll e Arthur Conan Doyle. Passo dopo passo, i due scoprono che Enrico nasconde segreti che mai avrebbero immaginato e, soprattutto, che ha bisogno del loro aiuto. E non solo lui. Vani ha di fronte a sé un ultimo caso da risolvere e fra le mani, dalle unghie rigorosamente smaltate di viola, le vite di tutte le persone cui ha imparato a volere bene.

Voce di Massimo Ghigi

Recensione a cura di Massimo Ghigi

‘Un caso speciale per la ghostwriter’ nuovo libro di Alice Basso è la quinta nonché ultima avventura della ghostwriter Vani Sarca; lo scrivo così, bello diretto, inutile girarci tanto intorno anche perché il fatto era già noto da tempo, l’autrice era stata chiara in merito. Questo 2019 forse sarà ricordato come l’anno che ha segnato la conclusione di grandi saghe! Al cinema esce ‘End Game’ a parziale conclusione della saga degli Avengers e in ambito letterario il Grande Maurizio de Giovanni ha già reso noto che il nuovo libro sul commissario Ricciardi sarà l’ultimo della serie… e adesso questo!… Vani Sarca non ci sarà più… devo farmi coraggio, devo farmene una ragione… ‘Sadbuttrue’!

Questo libro è perfetto per chiudere un ciclo. C’è tutto. C’è Vani con il suo sarcasmo e le sue frasi al vetriolo e ci sono tutti gli altri personaggi di una storia, lunga cinque libri, a darle man forte, per un obiettivo comune, ritrovare l’odiato Enrico Fuschi, editore e datore di lavoro, misteriosamente scomparso.

Come sempre il libro è scandito da colpi di scena che, se non bastassero le battute e le situazioni spesso esilaranti che hanno Vani per protagonista, portano il lettore a voler leggere una pagina ancora, ad oltranza; ecco allora che queste quasi 400 pagine, alla fine, volano via ahimè troppo rapidamente… perché questo è l’ultimo libro di Vani Sarca!… non so se ve l’ho già detto!

Ancora una volta mi sono ritrovato a ridere come un babbeo durante la lettura, immaginando poi Alice Basso intenta a leggere le avventuredi Vani in prima persona, l’effetto esilarante è stato ancora più dirompente; si perché la Basso è troppo forte e vi consiglio vivamente di assistere ad una sua presentazione! Sarà un’esperienza che non dimenticherete!… peccato… no dico, peccato che questa sia l’ultima avventura di Vani Sarca!… ma forse questo ve l’ho già detto!!

Mi è piaciuto molto scoprire insieme a Vani e Berganza, i dettagli dell’infanzia di quella brutta persona che è Enrico Fuschi, per comprenderlo un po’; così come è stato bellissimo vedere l’evolversi, per non dire lo stravolgersi delle vite di Vani, Berganza, della giovane Morgana e di altri personaggi che ho amato moltissimo e che qui, devono tutti armarsi di coraggio ed affrontare svolte importanti nelle proprie vite… che non saranno più le stesse dopo questo libro… che è l’ultimo… ma questo sono sicuro di avervelo già detto!!!

Ho un magone che non vi dico!!! Non ho problemi ad ammettere che le ultime pagine del libro le ho lette con gli occhi rigati dalle lacrime… ma sì, l’uomo sensibile che piange piace a tutti no?!… tanto ormai ci ho fatto l’abitudine, prima mi hanno spappolato il cuoricino gli Avengers al cinema e adesso questo!

Ma bando alla tristezza, non mi rimane che ringraziare Alice Basso per  ‘Un caso speciale per la ghostwriter’  e per i quattro libri che lo hanno preceduto, perché veramente mi hanno fatto trascorrere ore di lettura divertenti a appaganti! Mi consola la consapevolezza che Alice scriverà ancora e sono veramente molto curioso di scoprire cosa ha in serbo per noi! Grazie di tutto Alice… grazie di tutto Vani Sarca!

Alla prossima!

Dettagli

  • Genere:Narrativa
  • Copertina flessibile:378 pagine
  • Editore:Garzanti (2 maggio 2019)
  • Collana:Narratori moderni
  • Lingua:Italiano
  • ISBN-10:8811602629
  • ISBN-13:978-8811602620

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog