Magazine Sport

Un dialogo fra tifosi ed istituzioni forse è possibile

Creato il 14 novembre 2013 da Tifoso Bilanciato @TifBilanciato

Abbiamo ricevuto e pubblichiamo con grande piacere, un comunicato della Fondazione Taras 706 aC, che è la prima associazione di tifosi che ha fondato la propria squadra di calcio: il "Taranto Football Club 1927". Anche se tifate per una squadra di Serie A, perdete 5 minuti a leggerlo: molte volte sono i tifosi delle squadre "minori" a tracciare dei percorsi che …. andrebbero seguiti!

 

 

 

Il 7 ottobre scorso, a Roma, durante l'evento organizzato da “Supporters in Campo” e Lega Pro sul tema della governance del calcio, i tifosi, i club, le istituzioni calcistiche e quelle preposte alla gestione dell'ordine pubblico hanno assunto l'impegno di un confronto chiaro e costante anche sui temi della sicurezza nelle manifestazioni sportive.


A Taranto, nei giorni scorsi, è stata registrata una prima prova di questo dialogo. A seguito del provvedimento che impediva ai tifosi rossoblù di seguire la squadra nella trasferta di Matera del 17 novembre, il presidente del Taranto FC 1927, Fabrizio Nardoni, con una lettera inviata alle istituzioni sportive, agli organi di Polizia e alle autorità competenti, ha contestato l'ingiustizia di una decisione che recava in sé un pregiudizio sulla condotta dei sostenitori tarantini. Dopo quella comunicazione, il Prefetto e il Questore di Matera si sono resi disponibili a rivedere il provvedimento iniziale, intavolando un confronto con i vertici societari del Taranto e del Matera. Sebbene, nei fatti, il divieto non sia stato rimosso, un dato incoraggiante sembra emergere: il dialogo con le istituzioni si è aperto.


La Fondazione Taras, il supporters’ trust di tifosi tarantini che ha rifondato il club di calcio locale nell'estate del 2012, vuole ringraziare pubblicamente il presidente Nardoni per aver interpretato i principi che sono alla base dell'impegno della Fondazione e dell’intero movimento dei supporters' trusts; registrando la disponibilità venuta dalle istituzioni, la Fondazione Taras resta  convinta che il dialogo debba realizzarsi a un livello più ampio, attraverso il coinvolgimento di tutte quelle realtà associative che hanno avviato processi di responsabilizzazione del tifo e dato una forma nuova alla loro passione. La complessità di questo movimento, oggi, trova una sintesi in “Supporters in Campo”, la rete dei supporters nata in Italia per promuovere la partecipazione dei tifosi alle decisioni dei club e delle istituzioni sportive: solo il coinvolgimento di questo interlocutore renderà democratico il confronto e potrà aprire una stagione nuova del calcio italiano.

 

 

 


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :