Magazine Viaggi

Un'escursione trekking al rifugio Coldai per Piani di Pezzè e Col dei Baldi, dormendo una notte in rifugio

Creato il 15 luglio 2017 da Pizzo76
L'escursione trekking tra le più conosciute di Alleghe, ma anche delle Dolomiti, è senza dubbio l'escursione ai Piani di Pezzè, Col dei Baldi e lago Coldai, ai piedi del Civetta. Un'escursione che conosco bene, visto che l'ho già effettuata diverse volte, ma mai con il pernottamento in rifugio.Complice la speciale formula “una notte in hotel + una notte in rifugio” offerta dall'hotel Barance di Alleghe, ho avuto modo di pernottare in quota e di vivere un'esperienza bellissima ai piedi del monte Civetta.L'hotel Barance e il rifugio Coldai sono gestiti da generazioni dalla famiglia De Zordo: due strutture che raccontano il territorio in maniera diversa: da una parte la tranquillità del lago, dall'altra, le pareti verticali e il mondo di roccia delle Dolomiti.

rifugio coldai

il lago Coldai con il monte Civetta

UNA SUPER COLAZIONEInizio la mia giornata dalla prima colazione dell'hotel Barance. Mi aspetta una grande camminata: è necessario pertanto una colazione rinforzata e ricca di energia. Al Barance non manca proprio nulla: frutta, yogurt, cereali, succhi, torte e croissant, tutto perfetto per iniziare bene la giornata.

rifugio coldai

partenda dall'Hotel Barance, Alleghe


colazione

colazione presso l'hotel Barance

Giornata che per me inizia molto presto e che mi vede, dopo la colazione, costeggiare le rive del lago di Alleghe e raggiungere il centro paese, punto iniziale della mia escursione ai Piani di Pezzè, Col dei Baldi e rifugio Coldai.Breve nota tecnica. Ho preferito farla tutta a piedi partendo dal lago con un dislivello totale di m. 1.200. Volendo, si può prendere la cabinovia che parte dal centro di Alleghe e che sale in due tronconi ai Piani di Pezzè e ai Col dei Baldi, riducendo di molto i tempi e anche la fatica :)
SI PARTE DA ALLEGHEDalla piazzetta di Alleghe seguo la strada asfaltata che sale verso gli abitati di Coi e Piani di Pezzè. Dopo una serie di tornati si vedono le indicazioni per il sentiero 564 per il rifugio Coldai.

rifugio coldai

il centro di Alleghe

Da qui inizia una ripida salita, sempre nel bosco, che prende velocemente quota, seguendo il corso del torrente, e che mi conduce, dopo un'ora di cammino, ai Piani di Pezzè. Già 500 metri di dislivello superati:) Da qui si ha il primo impatto con la parete verticale del monte Civetta! 

Un'escursione trekking al rifugio Coldai per Piani di Pezzè e Col dei Baldi, dormendo una notte in rifugio

vista sul Civetta da Piani di  Pezzè

A questo punto per salire al Col dei Baldi e Rifugio Coldai seguo le indicazioni e consigli che mi ha dato Francesca dell'hotel Barance: scendo un po' verso l'abitato di Coi e prendo un sentiero segnato che si snoda nel bosco tra antichi masi e tabià, circondato da un panorama magnifico. Passo la località Fernazza e , facendo sempre attenzione alle indicazioni (in legno oppure la bandierina rossa e bianca sulle rocce), salgo di quota fino ad arrivare alla forcella di Alleghe.

coldai

controllare sempre la segnaletica


piani pezzè coldai

SOSTA ALLO CHALET COL DEI BALDIOrmai è ora di pranzo. Faccio una piccola deviazione per Col dei Baldi dove ad attendermi c'è lo Chalet Col dei Baldi, in tipico stile alpino, ristrutturato di recente, e con una bellissima terrazza dove si può mangiare all'aperto. Il panorama da qui è davvero eccezionale: Pelmo e Marmolada in primo piano.

col dei baldi

pranzo presso lo Chalet Col dei Baldi


col dei baldi

interno Chalet Col dei Baldi


col dei baldi

vista sul Pelmo

La scelta è andata su un classico delle Dolomiti Bellunesi: Casunziei (ravioli) con l'immancabile dolce finale :) Caratteristico anche l'ambiente interno, tutto in legno, tipico delle baite di montagna alpine.

col dei baldi

cura nei minimi dettagli

VERSO IL RIFUGIO COLDAIDi nuovo in marcia ed eccomi a malga Pioda con un'unica visuale sul monte Pelmo. Da qui inizia la vera salita al rifugio Coldai, un sentiero tra rocce e pini mugo che sale fino ai 2.132 metri del rifugio, incontrando anche diverse amiche per strada:

marmotta

marmotta!


rifugio coldai

monte Pelmo

Ormai è fatta. Eccomi al rifugio Coldai. Qui incontro Luca, il gestore. Prendo possesso del mio posto letto (ci sono diverse camere con letti a castello), e finalmente una bella Radler per festeggiare la fine della camminata. 

rifugio coldai

arrivo al rifugio Coldai


rifugio coldai

si dorme in rifugio


rifugio coldai

vista sulla Val di Zoldo

La serata in rifugio è scandita a ritmo lento con una cena dai sapori tipici e un bel grappino alla genziana per conciliare il sonno. Di solito, più il rifugio è fuori mano, più è probabile che si respiri aria da vero rifugio: gente stanca per le camminate, chiacchierate (molto spesso in tedesco) e poi a letto presto, alle 22, per godersi tutta la mattina seguente.

coldai

ultime luci sul Pelmo

rifugio coldai

cena in rifugio

Non ho visto l'alba sul Civetta, ma mi sono alzato abbastanza presto per ammirare le prime luci sul lago Coldai, distante a venti minuti a piedi. Conosco bene il posto, questa è la mia settima volta qui, ma è sempre un'emozione unica. In pochi posti del mondo ho visto scenari di tale bellezza.

alleghe

il lago Coldai e il monte Civetta


rifugio coldai

lago Coldai visto dalla forcella

SI SCENDEOvviamente foto a manetta e inizio la mia discesa verso il lago di Alleghe. Questa volta non faccio il sentiero dell'andata. Seguo la pista da sci che ripidamente scende di quota in due ore fino ad arrivare ai Piani di Pezzè.

rifugio coldai

in discesa verso Piani di Pezzè

Qui ho il piacere di riposarmi e riprendere forza presso la Gran Baita Civetta, in splendida posizione, ammirando la parete dolomitica del Civetta e osservando il punto dove mi trovavo questa mattina! Ne ho fatta di strada!
GRAN BAITA CIVETTAPure alla Gran Baita incontro un ambiente accogliente, interni tipici delle baite di montagna con angolo stube e finestre che permettono di ammirare il panorama sulle Dolomiti. Davvero uno spettacolo.

piani di pezzè

Gran Baita Civetta


piani di pezzè

piani di pezzè

sapori di montagna

Come uno spettacolo è il menu proposto a base dei sapori locali: pappardelle con ragout di cervo e l'immancabile strudel di mele, perfetto per festeggiare questi due giorni di camminate sulle Dolomiti. Novità di quest'estate, presso la Gran Baita Civetta, è il percorso sensoriale da percorrere a piedi nudi sull'acqua e sui prati per assaporare al meglio la natura. Bello anche il vicino percorso didattico che permette di conoscere il territorio e le montagne attorno ad Alleghe.

piani di pezzè

percorso sensoriale

RITORNO AD ALLEGHEMa la mia escursione non è ancora finita! Manca l'ultimo pezzo, quello che mi riporta al lago di Alleghe. Con un po' di difficoltà trovo il sentiero che si intrufola nel bosco (se non lo vedete provate a chiedere a qualcuno a Piani di Pezzè. Il cartello c'è ma si vede poco) e scende ripidamente tra torrenti e qualche maso fino alla strada principale: ancora qualche tornate in discesa, e arrivo al lago di Alleghe. La mia due giorni di escursione ai piedi del Civetta finisce qui. Un'esperienza bellissima che consiglio a tutti di provare almeno una volta nella vita. Rientro all'hotel Barance nel pomeriggio e, prima di tornare a casa, ne approfitto del piccolo centro wellness e piscina per riposarmi dopo tutta questa camminata.

barance

riposo presso l'hotel Barance

barance

finire in relax due giorni di camminate

Il modo migliore per finire un soggiorno ad Alleghe e recuperare le energie.
SCHEDA TECNICA:
Lago di Alleghe 980 mt - Piani Pezzè 1470 mt, 1 ora
Piani di Pezzè 1470 - Fernazza - Col dei Baldi mt 1922, 1H40
Col dei Baldi mt 1922 - Rifugio Coldai mt 2132, 1 ora

Rifugio Coldai - Piani di Pezzè, 2 ore
Piani di Pezzè - Lago di Alleghe, 50 minuti

Info e contatti  hotel e rifugio : Hotel Barance
Corso Venezia, 45
32022 Alleghe (BL)
Tel. 0437.723748
ALTRE COSE DA FARE IN AGORDINO: 
  • Raggiungere la cima Fertazza e ammirare uno dei belvederi più belli sulle Dolomiti 
  • Rifugio Scarpa e Col di Luna a Frassenè
  • Escursione con il CAI a Cima Framont 
  • Escursione a malga Stia e alla cascata delle Comelle in Val Gares 
  • I colori dell'autunno al rifugio Vazzoler, scoprendo le torri del Civetta  
  • Salire sul tetto delle Dolomiti e sciare sul ghiacciaio della Marmolada
  • Ammirare il mondo di ghiaccio e neve dei Serrai di Sottoguda in inverno 
  • Il giro del lago di Alleghe e la cascata di Masarè
  • Il sentiero Viel del Pan, camminare ammirado il ghiacciaio della Marmolada

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog