Magazine Curiosità

Un giorno abiteremo dentro gli asteroidi?

Da Extremamente @extremamentex

Un giorno, prima o poi, diventeremo una vera civiltá dello spazio. Gli scienziati e i futurologi ne sono convinti: tra qualche decenniodovremo affrontare sfide che ora ci sembrano impossibili, come creare colonie umane su altri pianeti. A renderlo necessario, il progressivo e inarrestabile esaurimento delle risorse della Terra, a partire da quelle del sottosuolo.

VIVERE SU UN ASTEROIDE: FORSE UN GIORNO LO FAREMO DAVVERO

VIVERE SU UN ASTEROIDE: FORSE UN GIORNO LO FAREMO DAVVERO

Se la crescita mondiale- in termini di aumento della popolazione e dei consumi- proseguiráal ritmo attuale, si calcola che entro 50 o 60 anni al massimo non avremo più scorte di minerali e metalli comuni come ferro, rame, alluminio, manganese e nickel, né di quelli pregiati come oro, argento e platino, ma finiranno anche quelli rari, utilizzati in ambito industriale e tecnologico,come palladio, iridio, osmio, tungsteno. Una possibile alternativa, già contemplata dai ricercatori, consiste nel ricavarli da asteroidi o comete, che ne sono estremamente ricchi.

Una volta estratti, questi materiali verrebbero rimandati sulla Terraoppure potrebbero essere usati sul posto per costruire i medesimi macchinari per lo scavo o magari persino delle basi spazialinelle quali vivere andandosene a zonzo nel sistema solare. È questo il progetto- a prima vista, folle….- proposto da alcuni astrofisici dell’Università di Vienna in uno studio pubblicato online su arXiv.com. Installare una base dentro un asteroide permetterebbe innanzitutto di sfruttare la sua rotazione percreare la giusta gravità necessaria per procedere senza problemi all’estrazione dei minerali da quel fornito deposito celeste.

GLI ESTEROIDI SONO DEPOSITI DI MINERALI E METALLI

GLI ASTEROIDI SONO DEPOSITI DI MINERALI E METALLI

Per far sì che la base resti ben ancorata edevitare che gli strumenti utilizzati per estrarre i materiali fluttuino nello spazio, servirebbe infatti una forza di gravità pari a circa il 38% di quella terrestre.Per ottenerla, secondo i calcoli,la roccia spaziale dovrebbe ruotare su se stessa tra 1 e 3 volte al minuto: solo così produrrebbe la forza centrifuga sufficiente per tenere fermi a terra uomini e oggetti. Non solo: un insediamento umano costruito al suo interno sarebbe protetto dai dannosissimi raggi cosmici.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog