Magazine Cultura

Un giorno questo film ti sarà utile. Di certo non oggi

Creato il 30 settembre 2012 da Cannibal Kid
Condividi Un giorno questo film ti sarà utile. Di certo non oggi Un giorno questo dolore ti sarà utile (USA, Italia 2011) Titolo originale: Someday This Pain Will Be Useful to You Regia: Roberto Faenza Cast: Toby Regbo, Marcia Gay Harden, Peter Gallagher, Deborah Ann Woll, Lucy Liu, Stephen Lang, Aubrey Plaza, Ellen Burstyn Genere: vorrei essere il giovane Holden Se ti piace guarda anche: L’arte di cavarsela, Tadpole, Igby Goes Down, Roger Dodger
Vorrei sapere se un giorno questo film mi sarà utile. Non credo, perché questo è il classico film inutile. Non ho letto il romanzo di Peter Cameron da cui è tratto, che pare sia un capolavoro, una sorta di nuovo Giovane Holden o giù di lì. Pur non avendolo fatto, l’impressione guardando il film è quella di un’occasione mancata, di un adattamento che probabilmente ha cercato di ritagliare insieme vari momenti tratti dal libro, senza però riuscire a catturarne lo spirito. Un po’ come capitato di recente con la visione di Molto forte, incredibilmente vicino (dal romanzo omonimo di Jonathan Safran Foer) e Norwegian Wood (da Tokyo Blues di Haruki Murakami). Pure supposizioni, visto che non ne ho letto manco uno dei tre, ma credo che chi ha amato questi romanzi difficilmente amerà altrettanto le poco trascendentali trasposizioni. A prescindere, credo in particolare che nessuno amerà questo film. Non che sia inguardabile. Questo no. Però dall’inizio alla fine traspare una grande pochezza. Si percepisce la volontà di dire qualcosa di importante sulla vita, obiettivo probabilmente centrato dal romanzo, e si percepisce allo stesso la sensazione di non riuscire a dire niente.

Un giorno questo film ti sarà utile. Di certo non oggi

"Allora figliolo, come sta Ryan Atwood? Oops, scusa, ho sbagliato parte..."

Il protagonista è il tipico adolescente newyorkese di buona, buonissima famiglia, alla ricerca di se stesso. Un tipo piuttosto strambo, originale, particolare e asociale. Anche se, per essere un asociale, si incontra con un sacco di persone. Nei primi minuti di film ci viene presentato come un aspirante suicida, un irrecuperabile solitario, eppure allo stesso tempo ha un rapporto che non sembra nemmeno malaccio con madre, sorella, padre, nonna, psicoterapeuta/coach life e con un collega di lavoro. Non ha molti amici, è vero, però non sembra nemmeno così messo male come ci era stato dipinto. Un incongruenza che rende bene l’atmosfera di tutto il film. Ci vuole presentare il suo protagonista come un tipo assolutamente unico e fuori dal comune, e invece è solo la copia sbiadita dello stesso personaggio visto in un sacco di altre parti in maniera molto più riuscita: su tutte, nel già citato Il giovane Holden, modello inavvicinabile e irragiungibile, quanto in una miriade di pellicole più o meno indipendenti e più o meno interessanti, come Igby Goes Down, Tadpole, L’arte di cavarsela, Fa’ la cosa sbagliata, Roger Dodger, ma sono sicuro ce ne siano almeno un’altra mezza dozzina che adesso mi sono scordato.
Un giorno questo film ti sarà utile. Di certo non oggi
Cosa abbia quindi di tanto speciale, non ci è dato saperlo, nel film. Nel romanzo sono (quasi) sicuro che invece questa unicità e particolarità venga fuori e lo stile di David Peter Cameron venga fuori con prepotenza. Cosa che invece non si può certo dire a proposito della regia dell’italiano Roberto Faenza, che si aggira per le strade di New York City in maniera stereotipata, vagamente mucciniana e già stravista nelle pellicole sopra citate e in almeno un’altra mezza dozzina di migliaia di altre. A differenze di quelle altre, dove la colonna sonora se non altro è sempre di ottimo livello, qui fa davvero pena. Le musiche sono state realizzate da un Andrea Guerra del tutto fuori forma, coadiuvato dall’odiosa voce di Elisa che fa più danni di Giorgia con le sue Gocce di memoria che piovono sulla Finestra di fronte. Ed essere peggio di Giorgia è un “complimento” che riservo solo a Laura Pausini, quindi calcolate voi quanto possa aver apprezzato questa soundtrack.
Un giorno questo film ti sarà utile. Di certo non oggi
A non aiutare nella riuscita di questo adattamento è poi il poco convincente protagonista, gli manca del tutto quel non so che, quella capacità di bucare lo schermo e trascinarti dentro il suo personaggio. Lo seguiamo peregrinare per New York, tra un incontro con i genitori, una Marcia Gay Harden stereotipatissima nei panni della classica artista riccona snob e uno spento papà Peter Gallagher, un siparietto con la sorella, la sempre valida Deborah Ann Woll meglio conosciuta come Jessica di True Blood, un incontro con la life coach Lucy Liu, un litigio con il collega gay Gilbert Owuor e una chiacchierata con la nonna Ellen Burstyn che vorrebbe essere profonda e rivelare chissà quale significato nascosto della vita e invece finisce per non dire niente. Per essere un personaggio e una pellicola tanto confusi e incerti su quale direzione prendere, tra commedia che non fa ridere manco per sbaglio e dramma che non fa riflettere manco per sbaglio, alla fine ti lascia comunque con una certezza incontrovertibile: un giorno questo film non ti sarà utile. (voto 5-/10)

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Morte di un blasfemo

    Morte blasfemo

    di Francesca Milano San Paolo edizioni pagine 140 e 12,00 Il 15 luglio è stato presentato sulla splendida terrazza di Villa Fondi a Piano di Sorrento,grazie ad... Leggere il seguito

    Da  Luigiderosa
    CULTURA, LIBRI
  • Un soldino di libertà

    soldino libertà

    Sono tutta disperata, un bel guaio mi è successo, ho perduto il mio soldino, non lo trovo proprio più. Cioccolate e caramelle già gustavo in quantità, poi al... Leggere il seguito

    Da  Fiaba
    CULTURA, LETTERATURA PER RAGAZZI, LIBRI
  • Lettera di un prosseneta

    Lettera prosseneta

    Barbara, ora che ti sei annoiata delle prodezze a bordo campo di un brasilero in fregola, volgi presso di noi intellettuali periferici il tuo sguardo innamorato... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Un pò di nostalgia...

    nostalgia...

    Non ho mai trattato di argomenti emotivi e nostalgici, da quando il blog è stato aperto. Un pò mi spiace farlo, magari vi annoierei, eppure la vita è fatta anch... Leggere il seguito

    Da  Drjekyllmisshyde
    CULTURA, DIARIO PERSONALE, LIBRI
  • Un giorno di festa!

    giorno festa!

    Domenica 07 Ottobre 2012Cronaca del 1° Raduno delle GnokketteAspettando La Vie en Rose…Giusy Berni (Lady Akasha): Oggi ho passato una splendida giornata. Dopo... Leggere il seguito

    Da  Junerossblog
    CULTURA, LIBRI, ROMANZI
  • Un atto di scoperta

    La scrittura è un atto di scoperta Lo afferma Raymond Carver. Questo è bene, perché va verso una precisa direzione, anzi “la” direzione. Leggere il seguito

    Da  Marcofre
    CULTURA, TALENTI
  • Un tumblr di mestiere

    Un Leonardo in grande spolvero scrive in chiusura di un divertentissimo post:In un vecchissimo romanzo Urania, L'occhio del purgatorio, un pittore soffriva di... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ