Magazine Attualità

Un nuovo strumento per abbattere in 8 tappe e mezzo i Costi Energetici

Da B2corporate @b2corporate

Nei giorni scorsi Eros Tassi, esperto di consulenza in ambito energetico, aveva trattato il tema dell’efficienza energetica partendo da un interrogativo: come giocano le caratteristiche di un’azienda nel rendere più o meno agevole il cammino verso l’ottimizzazione energetica? La risposta identificava 5 barriere, che in sostanza aumenterebbero la loro incidenza al diminuire della taglia di impresa. L’articolo, che potete rileggere qui, si ispirava ai risultati del progetto CHANGE, sintetizzando questi 5 punti, sui quali gioca molto il fattore di scala:
1) nelle imprese più piccole, l’energy expertise internanon è sufficiente;
2) la riduzione dei costi è il maggiore incentivo all'efficienza energetica, ma la capacità finanziaria è il principale ostacolo alla sua realizzazione;
3) al diminuire della taglia, diminuisce la frequenza con cui si eseguono energy audit;
4) la gestione dell’energia è poco sistematica ed il controllo dei consumi di energia è poco dettagliato;
5) nella negoziazione dei contratti di fornitura restano forti margini residui.
Un nuovo strumento per abbattere in 8 tappe e mezzo i Costi Energetici
Gestione produttiva e aspetti energetici nelle PMI
I risultati del progetto, forti della raccolta ed elaborazione di dati riguardanti più di 2000 PMI europee di varie dimensioni, confermavano la necessità di strumenti pensati per chi, occupandosi della gestione di una realtà produttiva, si trovi a prenderne in consegna anche i relativi aspetti energetici. Questa necessità è ben nota a chi esercita il ruolo di consulente energetico, di volta in volta a contatto con realtà diverse: per questo, lo stesso Autore ha progressivamente maturatol’idea di un ebook pensato per chi, occupandosi degli aspetti gestionali della propria realtà produttiva, ne debba considerare anche i relativi aspetti energetici, pur senza essere uno specialista.
La collaborazione con B2corporate, inclusa l’apertura di un canale focalizzato sui temi dell’energy oggi arricchito dai contributi di diversi professionisti del settore, ha fatto il resto, motivando la concretizzazione dell’idea con l’esistenza della piazza appropriata per proporne gli sviluppi: B2corporate, luogo di incontro tra professionisti spesso operanti nelle PMI, ha il piacere di arricchire la sua collana editoriale di ebook per la gestione aziendale con una nuovo ebook: “Gestire l’energia nelle attività produttive" - metodi, pratiche e accorgimenti per la riduzione continua dei costi energetici nell’attività produttiva”, curata da Eros Tassi a concretizzazione di quell’idea.
Un nuovo strumento per abbattere in 8 tappe e mezzo i Costi Energetici
Efficienza energetica, Pianificazione e Controllo di gestione
Siamo infatti fortemente convinti che il concetto di energia sia da considerare in una logica sempre più ampia e trasversale nel contesto aziendale. Infatti la gestione dell’efficienza energetica, i processi di  pianificazione produttiva e il controllo di gestione sono attività tra loro strettamente correlate e focalizzate verso un obiettivo comune: il miglioramento delle perfomance produttive e la riduzione degli sprechi.
Un nuovo strumento per abbattere in 8 tappe e mezzo i Costi Energetici

Come gestire l’energia nelle attività produttive

L’uscita di “Gestire l’energia nelle attività produttive” è accompagnata da una scheda descrittiva e da un’ampia preview; si compone di otto capitoli (e mezzo, data la presenza di qualche utile parte complementare) che affrontano in altrettante tappe un percorso attraversole tematiche di gestione dell’energia. Procedendo per Capitoli, si incontrano:
•    Capitolo 1: lancio di alcuni spunti relativi ai concetti di efficienza energetica, intensità energetica ed incidenza relativa dell’energia, utili a meglio inquadrare il rationaldi tutto quanto segue.
•    Capitolo 2: quadro legislativo in tema energetico, in termini di strategie perseguite a livello comunitario e nazionale e relativi strumenti di sostegno.
•    Capitolo 3: gestione sistematica dell’energia, con attenzione al panorama degli standard disponibili in termini di gestione energetica.
•    Capitolo 4: metodologia di esecuzione di un audit energetico. L’impostazione include anche particolari derivanti dal buon senso edall’esperienza perché le azioni necessarie a tenere caratterizzato energeticamente il proprio dominio di interesse abbiano effetti pratici.
•    Capitolo 5: ampia raccolta di esempi di interventi tecnici, dai motori elettrici alle regolazioni in frequenza, dall’aria compressa alla cogenerazione, al recupero di cascami energetici, alle rinnovabili e ancora altro, selezionati in base alla frequenza con cui gli stessi tendono a presentarsi.
•    Capitolo 6: approvvigionamenti energetici, o più in generale delle utilities cosiddette. Le problematiche poste sul tavolo, in qualche modo connesse, sono: la negoziazione contrattuale attorno alla fornitura di utilities, posto il loro acquisto dall’esterno, e la messa in discussionedella scelta tra detto acquisto dall’esterno e la produzione autonoma.
•    Era onestamente difficile chiamare il Capitolo 7 “conclusioni”, anche nell’ottica del motto “l’efficienza energetica è un viaggio, non una destinazione”: diverse riflessioni riepilogative, più che concludere, potrebbero al contrario costituire il punto di partenza per mettere in pratica i contenuti dell’ebook.
•    Il Capitolo 8 raccoglie scrupolosamente i riferimenti utilizzati, molti dei quali facilmente rintracciabili sul web, lasciando così al lettore una lista di fonti utili per approfondimenti in varie direzioni.
Conclusioni
Un libro pratico, il cui valore aggiunto è di fungere da leva di innesco di meccanismi basati su audit energetici, saving, negoziazione degli approvvigionamenti, ottimizzazione dei processi  produttivi, miglioramento delle perfomance e sensibilizzazione verso una tematica dal ruolo sempre più strategico nell’ambito della gestione aziendale.
Per acquistare l’ebook o per scaricare gratuitamente un estratto dell'ebook, fai click qui

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :