Magazine Diario personale

“Un tempo se si era splendidi, coraggiosi ed anticonformisti lo si era davvero. E oggi?”

Da Eloisiaspan @EloisiaSpan
Siamo nell’era della critica  gratuita ed incondizionata. Tutti criticano tutti, in modo caotico e disordinato. Mi capita spesso di trovarmi al computer dopo lunghissimi pomeriggi di studio e non nascondo che fare “log in” sui social network è una mossa che mi riserva sempre comiche sorprese.  Le frecciatine pubbliche  e le critiche inutili verso i comportamenti tenuti da qualcuno, le frasi lapidarie e minatorie degli status personali hanno davvero un’ enorme carica comica e, se vogliamo, anche un pò ridicola. Sarà il periodo “social” in cui viviamo che  ci obbliga  a dover avere sempre qualcosa da dire per essere “al top”, sarà che tutti sanno tutto di tutti e ci si sente quasi in dovere di intervenire sulle vite altrui, sarà  che ormai si sa alzare la voce solo battendo sui tasti di un pc. Anche se la lettura di queste “perle” è occasione per me di  GROSSE/grasse risate, temo che la faccenda abbia anche (sopratutto) del tragico. Quando mi trovo a dialogare piacevolemente con persone un pò più grandi di me, apprendo che “un tempo” (non così tanto lontano dal nostro) se si era SPLENDIDI, CORAGGIOSI E ANTICONFORMISTI  lo si era davvero. Si costruivano rapporti umani veri, vivi e tangibili e, così come si costruivano, si distruggevano con la medesima, reale dignità. Se si avevano dissapori con qualcuno, la cosa più semplice da fare era andarne a parlare con il diretto interessato, idem se si voleva dire ti amo, ti odio o ti voglio bene. Così si imparava a stare insieme veramente, a risolvere malumori e a tollerare ed apprezzare gli altri, con pregi e difetti connessi. E oggi? Oggi, denigrando gli altri sui social network, non credo si possa ottenere qualcosa in più di qualche, tanto appetibile quanto inutile,”mi piace” . La cosa che sento di dover gridare, di fronte a tutto ciò è semplicmente una:  LIVE AND LET TO LIVE: VIVI E LASCIA VIVERE. Eloisia Spanò.

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog