Magazine Cultura

una novità al giorno, Lluis Llach, Le donne della Principal, Marsilio

Creato il 25 maggio 2016 da Atlantidelibri
una prestigiosa tenuta agricola, una dinastia di donne, tutte con il medesimo nome, un cadavere e un poliziotto, sullo sfondo di una Spagna ancora purtroppo ben fresca dal sangue versato durante la guerra: Marsilio ci ha ben abituati a gustosi thriller nordici, ma dimostra di saperci fare anche ad altre latitudini. Lluis Llach, Le donne della Principal, Marsilio http://www.marsilioeditori.it/libri/scheda-libro/3172371/le-donne-della-principal Da oltre un secolo una dinastia di donne è alla guida della Principal, la più illustre tenuta vinicola di Pous, un paese sepolto tra le montagne nel cuore dell’Abadia, dove si produce un vino che è tra i migliori di Spagna. Portano tutte lo stesso nome – Maria detta la Vecchia, Maria detta la Signora, Maria Costa – e negli anni hanno salvato le loro vigne dalla piaga della fillossera, sono uscite indenni dai sanguinosi scontri che hanno lacerato il loro paese e hanno consolidato e fatto prosperare gli affari dell’azienda di famiglia. Nella storia della Principal c’è però una macchia. Nell’estate del 1936, davanti all’ingresso della grande casa tra i vigneti viene trovato il cadavere martoriato di un uomo, probabilmente – si dice – l’ennesima vittima di uno dei tanti regolamenti di conti che infiammano la regione alla vigilia della guerra civile. Ma è davvero così? Dopo qualche anno, un poliziotto riapre il caso. Affidandosi ai metodi appresi alla scuola di polizia repubblicana, e a quelli imparati dai buoni romanzi polizieschi, è deciso a scoprire cosa accadde in quegli anni inquieti e a trovare il colpevole di un omicidio che in qualche modo la storia ha insabbiato. Scavare nei segreti di una delle famiglie più influenti e rispettate della regione non è semplice, ma i ricordi di un’altra donna, ora vecchissima, che con devozione ha servito ben tre generazioni alla Principal, lo aiuteranno a ricostruire un’ingarbugliata storia di laceranti passioni e lotte di potere. Traduzione di Sara Cavarero donne principal

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • PREVIEW | Lluís LLACH: Le donne della Principal

    PREVIEW Lluís LLACH: donne della Principal

    In arrivo un romanzo che, a leggerne la trama, mi regala già sensazioni alla “Il profumo del mosto selvatico” (lo so, probabilmente non centrerà molto ma il... Leggere il seguito

    Da  Azurestrawberry
    CULTURA, LIBRI
  • Le interviste dei traduttori

    interviste traduttori

    Nel 2008, su Letteratitudine, organizzai un dibattito online intitolato "Il difficile ruolo dei traduttori" (fu una discussione molto partecipata, con quasi... Leggere il seguito

    Da  Letteratitudine
    CULTURA, LIBRI
  • Le sorelle

    sorelle

    Una mente | Una è morta La vede ovunque: al tavolino di un bar, alla fermata dell'autobus, al supermercato. Ogni volta, per un istante Abi dimentica l'incidente... Leggere il seguito

    Da  Fedetronconi
    CULTURA, LIBRI
  • Le mele di Kafka

    mele Kafka

    di Andrea Vitali - GarzantiVitali è sempre fenomenale. Sia nella creazione di storie al limite del surreale, sia per i contesti e gli ambienti, sia per i... Leggere il seguito

    Da  Paolob
    CULTURA, LIBRI
  • Le nozze di Laura

    è una storia  al limite tra la realtà e  il sogno,  tra il passato e il futuro,  tra il moderno e l’antico, tra la tradizione e la capacità di cambiamento,  ... Leggere il seguito

    Da  Dallomoantonella
    CULTURA, FOTOGRAFIA
  • Chi conosce le NONtiplicazoni?

    conosce NONtiplicazoni?

    Spiegare le moltiplicazioni ai bambini sembra una cosa semplice. Come si arriva a dover imparare le tabelline, la musica cambia. Leggere il seguito

    Da  Caffenero
    LETTERATURA PER RAGAZZI, LIBRI, PER LEI
  • Le IA

    Le IA, ovvero le (I)ntelligenze (A)artificiali, sono un tema tutt'altro che piccolo o trascurabile, non solo nella sf, ma anche per la realtà fattuale, dove... Leggere il seguito

    Da  Massimo Citi
    CULTURA