Magazine Cultura

Una poesia per i settant'anni dalla morte del poeta Vjačeslav Ivanov

Creato il 16 luglio 2019 da Candida

Una poesia per i settant'anni dalla morte del poeta Vjačeslav Ivanov

Nel giorno del settantesimo anniversario della morte di Vjačeslav Ivanov voglio ricordarlo con questa meditazione sulla morte: una dolente ma pacificata meditazione sulla morte che inizia immergendosi nelle tenebre e nel buio dell'angoscia per emergere lieve e silente nella composta contemplazione del Mistero d'amore del gesto eucaristico di Cristo, svelato nell'immota essenzialità dei mosaici dei primi cristiani.

La poesia Sobaki [Cani], era stata composta a Pavia il 12 gennaio 1927. Essa va letta insieme a Palinodija [Palinodia], scritta solo due giorni dopo. In entrambi casi si tratta di una riflessione sulla propria percezione della classicità e della cultura ellenica tanto amata, ora però riconosciuta come impotente di fronte alla "notte indomabile" della morte e del nulla, e bisognosa di una guida altra. E' una palinodia, una dolorosa ritrattazione che il poeta compie come atto di ascesi ("Da te fuggo. In Tebaide di locuste e d'assenzio/ E del miele selvatico mi nutro del silenzio" - traduzione di D. Gelli Mureddu).

Visaeque canes ululare per umbram.

Блажен, кто с провожатым сойдет в кромешный мрак:
Махнув жезлом крылатым, вождь укротит собак.
И скоро степью бледной на дальний огонек
Придет он в скит к обедне и станет в уголок.

Visaeque canes ululare per umbram.

Nè ladro nell'androne, né ospite sulla soglia:

Tutto dorme, sol il cielo di luci barbaglia.

Ma un cane ulula e ringhia, e sveglia sonni d'inverno;

Indovinelli d'angoscia lui divina.

Forse, nel cuor della Notte prima di noi lui vede,

Ciò ch'ormai fissi gli occhi scrutano all'ultima ora?

O uditi i latrati richiami delle ctonie mute, sua stirpe,

Con quel loro branco lugubre dialogo accende?

Ov'è la via delle ombre, neicampi vuoti è veemente

La lor furiosa frotta: "orsù volare, ululando in coro"...

O ostili son le turbe dell'Ade e del Giorno le schiere,

E aliena, come branco di lupi, per il cane è quella sua stirpe?

E nella caccia chi difende degli umani la sentinella?

Forse l'Anima raminga anelante la quiete?

O, esperto battitore, l'incalza tra paludi e pantani?

E si slancia a dilaniarla tra le fauci tombali?

Beato chi accompagnato scende nel buio atro:

Con colpo di verga alata, la guida ammansisce i cani.

E ben presto per la pallida steppa al lume lontano

Arriva nell'eremo alla Mensa e in un canto si posa.

E l'occhio non alza intorno a sé sui volti:

Ravvisa il cuore i cari, e ama e si strugge.

Ma ecco che Lui esce, luminoso, sull'ambone

E il Pane offre loro, e il Calice regge Lui.

E per il Pane di Vita quei si mettono in fila;

E per il Calice agognato, gli altri dall'opposto lato...

Silenzio di luce! Dolcezza! Non èl'Ospite alla soglia?...

Muta è la notte. Il cielo di luci barbaglia.

In Cani è ormai impossibile il perfetto parallelismo che in precedenza Ivanov tracciava tra cultura classica e messaggio cristiano ed è chiaro che la Sibilla non è una scorta sufficiente. Il ritmo incalzante dei giambi, che sostiene e rafforza le scelte lessicali legate all'arte venatoria e bellica, rende l'angoscia di fronte al nulla dell'anima abbandonata alle forze ctonie (le immagini della caccia "tra paludi e pantani"). La "furiosa" corsa tra i "campi vuoti", le domande incalzanti e i brandelli di dialoghi sono un'eco puškiniana, perché ci riportano all'atmosfera desolata di Besy [I demoni], dove Puškin indugia sul liminare della vita e sull'incombere annichilente della morte.

In Ivanov, tuttavia, la poesia finisce per distendersi con le ultime tre quartine nella contemplazione della mensa eucaristica imbandita a cui convergono simmetricamente le due file degli apostoli, come nei mosaici paleocristiani.

In questa poesia Ivanov raggiunge una felice armonia tra i mezzi espressivi e il contenuto espresso. Prendiamo ad esempio la cesura: sottolineata dall'ampliamento e dalle rime imperfette, essa è particolarmente importante, perché porta dentro di sé il carattere di opposizione richiamato a livello semantico da una serie di contrasti e paralleli rovesciati e dalle due congiunzioni disgiuntive in posizione forte nel primo verso.

Il fatto che gli emistichi siano così ben evidenziati (grazie anche agli ampliamenti di una o due sillabe), traducendo, mi ha reso possibile lavorare su un verso di due settenari accoppiati, creando così una sorta di alessandrino martelliano (con alcune "cadute" più lunghe in alcuni versi dove mi è scappato o un ottonario o un novenario, così facendo venendo a formare una specie di esametro). Intessuto di alliterazione, assonanze rime, rime interne, rime interne irregolari, ma anche rimalmezzo: benché vengano spesso confuse, la rimalmezzo è qualcosa di più della semplice rima interna; è una rima di tipo metrico, che divide il verso in due emistichi.

Intanto, oltre ogni opposizione, il componimento in realtà disegna un cerchio (chiasmatico tra i primi due versi e gli ultimi due), il cui fulcro è la soglia.

L'angoscia dell'incipit trova così riposo nella pacificazione finale. Dal buio alla luce, questo è il viaggio dell'"Anima raminga", perché, perfino l'opposizione finale (le due file per i Doni) rappresenta, in realtà una convergenza verso un punto focale: il Cristo al centro, l'Ospite che appare alla fine, mentre era assente dalla soglia deserta dell'inizio.

Soprattutto in questo suo ultimo atteggiamento verso il mondo classico, Ivanov spesso si esprime in questi parallelismi contrastivi (per esempio, "le turbe dell'Ade e del Giorno le schiere", dove il chiasmo rafforza l'opposizione semantica). Attraverso di essi la poesia ci accompagna dal buio, dalla guida oscura della Sibilla, insieme dal sinistro ululare dei cani, fino alla luce e al silenzio del Mosaico paleocristiano.

Nell'ottica cristiana, infatti, il cammino verso l'al di là non è più turbata e disordinata discesa incalzata dai cani, bensì pacificata processione nel "silenzio di luce", mentre la notte è muta di dolcezza, non più straziata da ululati angosciosi. Così, infatti, Ivanov scrive della poesia ai figli: "L'Eucarestia nell'ultima strofe è descritta come gli antichi mosaici raffigurano l'Ultima Cena...

Una poesia per i settant'anni dalla morte del poeta Vjačeslav Ivanov

Una poesia per i settant'anni dalla morte del poeta Vjačeslav Ivanov
Si può trovare questa traduzione e molto molto altro nel bel libro dedicato a Ivanov delle edizioni Lipa a cura di Marco Sabbatini e Andrej Šiškin e introdotto da Marko Rupnik.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog