Magazine Arte

Una visita teatrale e gastronomica al Teatro Sociale di Gualtieri

Creato il 08 marzo 2012 da Robertoerre

 

Gualtieri

Il Teatro settecentesco di Giovan Battista Fattori di Gualtieri riapre per l'ultima volta domenica 11 marzo 2012 alle 11.30. I lavori di ristrutturazione della platea portati avanti assieme al pubblico hanno portato alla scoperta delle fondazioni e delle pavimentazioni del teatro. Prima che il pavimento in legno torni al suo posto nascondendo gli scavi, avrete la possibilità di vistare e conoscere il teatro scomparso...Una visita guidata con concerto: il clavicembalo di Sara Dieci e il flauto traversiere di Stefania Marusi accompagneranno il pubblico nella storia del teatrino barocco del 1775. Dopo la visita, per chi prenota c'è la possibilità di pranzare con menù settecentesco al Ristorante Ligabue di Gualtieri (Reggio Emilia). Risale al 2006 l'idea di riaprire un gioiello dell'architettura teatrale abbandonato da anni. Un gruppo di volonterosi si dedica anima e corpo a ristrutturare il Teatro Sociale di Gualtieri. Il 6 di giugno 2009 riapre i battenti con una mostra fotografica e un concerto, il prologo di una rassegna che invita artisti di livello internazionale. Un impegno che sta faticosamente proseguendo per l'abnegazione dell'Associazione Teatro Sociale di Gualtieri, intenta a ridare vita ad un patrimonio culturale di tutti.

 

 Il programma 

ore 11.30
Visita concertata alle murature Settecentesche
Sara Dieci clavicembalo
Stefania Marusi flauto traversiere
musiche da Andrea Zani, John Stanley, Nicholas Chédeville, Georg Friederich Handel
ore 13.00
Pranzo settecentesco presso Ristorante Ligabue. Menù liberamente tratto dal Ricettario di un cuoco piemontese perfezionato a Parigi, 1776


Pollastro ruspante in Court Bouillon in gelatina con verdurine croccanti in salsa maionese
Zuppa di riso in Tridura
Anatra al forno all'aceto balsamico e miele con finocchi in salsa besciamella
Meringata al cedro flambé

 www.teatrosocialegualtieri.it  

 


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :