Magazine Società

Usa, Trump nomina conservatore Gorsuch alla Corte Suprema. Dem: “Seri dubbi”

Creato il 01 febbraio 2017 da Stivalepensante @StivalePensante

Donald Trump ha annunciato in diretta tv dalla Casa Bianca la sua nomina per sostituire il defunto giudice della corte suprema Antonin Scalia: è Neil M. Gorsuch, 49 anni, del 10/mo circuito d’appello federale di Denver, con un raffinato pedigree legale. E’ il più giovane giudice della Corte suprema dell’ultimo quarto di secolo.

(ANSA/AP Photo/Carolyn Kaster)

(ANSA/AP Photo/Carolyn Kaster)

Usa, Trump nomina conservatore Gorsuch alla Corte Suprema. Dem: “Seri dubbi”. Il presidente americano Donald Trump ha scelto di nominare il giudice conservatore Neil Gorsuch alla Corte Suprema. E’ stato lo stesso Trump a darne l’annuncio alla Casa Bianca, ricordando di essersi impegnato quando era candidato alla presidenza a trovare il miglior giudice del Paese” per la Corte, che opera con 8 giudici dalla morte improvvisa a febbraio di Antonin Scalia. “Milioni di elettori hanno detto che questa era la cosa più importante per loro quando hanno votato per eleggermi presidente. Sono uomo di parola”. “Oggi mantengo un’altra promessa fatta agli americani nominando Neil Gorsuch alla Corte Suprema”, ha dichiarato Trump.

Trump licenzia Sally Yates, il ministro della Giustizia reggente, che ha ordinato al Dipartimento di non difendere in tribunale il decreto sull’immigrazione del presidente. Yates “ha tradito il Dipartimento di Giustizia rifiutando di attuare un ordine messo a punto per difendere i cittadini americani” afferma la Casa Bianca. Donald Trump nomina ministro della Giustizia reggente Dana Boente, procuratore del distretto orientale della Virginia. Sara’ in carica fino a quando Jeff Sessions, nominato da Trump ministro della Giustizia, non sarà confermato dal Senato. Il ministro reggente ha intenzione di ordinare al Dipartimento della Giustizia “di fare il nostro dovere giurato” e di difendere l’ordine esecutivo su immigrazione e rifugiati.

Nonostante il monito del portavoce della Casa Bianca Sean Spicer ad “accettare il programma o andarsene”, circa 900 funzionari del dipartimento di Stato Usa hanno firmato un memorandum interno di dissenso critico nei confronti della sospensione temporanea dell’ingresso dei rifugiati e dei cittadini provenienti da sette Paesi islamici. (ANSA)


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :