Magazine Società

vai a giocare fuori che è una bella giornata – day #41

Creato il 06 aprile 2020 da Plus1gmt

Se avessi una figlia piccola la situazione sarebbe ancora più drammatica perché il rischio è quello di parcheggiare i bambini davanti alla tv o al computer per ore ed ore. Non sempre i genitori hanno le risorse fisiche e mentali per inventarsi continuamente qualcosa di nuovo e il momento storico non induce alla sufficiente serenità per gestire lucidamente una famiglia. La vera ricchezza oggi sono i metri quadri all'aperto. La mia alunna Alissa si è collegata alla consueta videoconferenza di saluti domenicali con alle spalle un immenso giardino e ci ha mostrato persino i suoi cani. Altri invece lasciano intravedere spazi angusti e arredamenti ordinari. Casa mia si apre su un balcone piuttosto ampio, meglio che niente, ma anche se le giornate si sono riscaldate non mi è ancora venuta voglia di trasferire la scrivania fuori per lavorare all'aria aperta. Le vie di mezzo non mi piacciono, e a un surrogato di libertà preferisco una detenzione consapevole, come se dovessi approfittare dei sensi di colpa di chi ha causato tutto questo. Ho trascorso le ultime giornate a configurare decine di tablet per gli studenti meno abbienti della scuola in cui insegno, un incarico che mi ha alienato e mi ha abbattuto il morale, come è normale per le attività routinarie composte da cicli medio-lunghi. Sembra che alla scuola finiscano gli scarti di magazzino di ogni settore industriale. L'aggravante è che ha perso la vita un collega di mia moglie, appena andato in pensione. Meglio non pensarci. Continuo a svegliarmi appena fa chiaro e, dopo cena, ci vuole davvero poco per farmi addormentare sul divano. Basta una ripresa di città vuota con il drone o il commento di un speaker baritonale e accomodante. alla tv. La mia famiglia si burla dei miei goffi tentativi di minimizzare la testa che cade sul petto all'indietro e il mio far finta di nulla. L'unico contatto con la natura resta la mia gatta rimasta priva del fratello deceduto la scorsa estate. Trascorre le giornate in braccio a me e non le sembra vero di aver a disposizione qualcuno su cui gioire senza soluzione di continuità nel modo caratteristico della sua specie, quella vibrazione del corpo che noi umani invidiamo tantissimo.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazine