Magazine Adolescenti

Vampiro energetico: come gestirlo Parte seconda

Da Psicologamilano
vampiro energetico

vampiro energetico

Vampiro energetico: come gestirlo Parte seconda

1. Ascolta il tuo corpo. Dopo aver passato del tempo con un vampiro energetico, il tuo corpo potrebbe darti degli indizi, ad esempio, sentirti stanco. La terapeuta Cynthia Catchings dice: “Il mio consiglio principale per stabilire i confini con i vampiri energetici è educare noi stessi a riconoscere i segni; il nostro corpo di solito cerca di dirci qualcosa e dobbiamo imparare ad ascoltare “. In questo modo, la prossima volta che entrerai in contatto con qualcuno con tendenze a risucchiare l’energia, saprai cosa sta succedendo e sarai pronto a fare i passi successivi.  

2. Ricorda che hai il controllo. Il potere di sentirti meglio è nelle tue mani. “Mantenere questi vampiri nella tua vita sarà più dannoso per la tua salute fisica e mentale”, dice Catchings, “Hai il potere di lasciarli andare e vivere una vita felice.” Dipende da te se vuoi o meno continuare una relazione con un vampiro energetico. Non sei condannato ad avere le tue energie prosciugate per sempre, se sei disposto a cambiare”.  

3. Fai una pausa. Le “pause” non sono utili soltanto per le relazioni romantiche. Potrebbe essere necessario prendere le distanze da qualcuno per valutare la relazione e notare come ti senti diverso da quando hai preso le distanze. “A volte, una semplice pausa dalla persona può aiutarti a sentirti meglio equipaggiato per affrontarla”.

4. Valuta quando è il caso di rompere i ponti definitivamente. Nel bene o nel male non possiamo cambiare le persone. Tuttavia, possiamo cambiare il modo in cui interagiamo con loro. Devi valutare i pro e i contro della relazione ed essere pronto ad andartene, se necessario. Se la situazione non migliora anche dopo i tuoi tentativi di “aggiustamento della relazione”, potrebbe essere necessario prendere dei provvedimenti più drastici, come ad esempio, rompere ogni tipo di contatto.

5. Non sentirti in colpa per aver stabilito dei limiti. Stabilire dei confini non ti rende una persona cattiva! Alla fine devi fare ciò che è meglio per te e per la tua salute mentale e non c’è nulla di cui sentirsi in colpa. Hai bisogno di energia positiva e forza per essere al meglio e superare le difficoltà della vita, quindi impara a dire di no e a stabilire dei limiti.

Sono un vampiro di energia?  

E se fossi tu un vampiro energetico? Scoprilo con questo breve elenco: barra le voci nelle quali ti rispecchi.

  • Trasformi le situazioni positive in negative.
  • Preferisci concentrarti su cosa potrebbe andare storto in qualsiasi situazione invece che osservare il lato positivo.
  • Ti svegli e vai a letto impantanato nella negatività.
  • Vivi la vita con estrema pesantezza.
  • Diffidi delle persone positive.
  • Hai la convinzione incrollabile che la tua vita sia un grosso fallimento.
  • Non prendi provvedimenti per affrontare i tuoi problemi personali, ma ti lamenti e anneghi nell’autocommiserazione. 

Come smettere di essere un vampiro energetico?  

Imparare a diventare sempre più consapevoli della propria negatività è un buon inizio per perdere le tendenza ad essere negativo.

Per prima cosa impara a osservare i tuoi pensieri e sentimenti, e prendi nota di questi senza resistere o combatterli e osserva anche le reazioni degli altri, che potrebbero sembrare stanchi della tua compagnia o anche iniziare ad evitarti; in questo caso chiedi una spiegazione e impara ad ascoltare senza giudizio o critica.

Tutta la trasformazione interiore inizia con la consapevolezza e l’accettazione di ciò che scopriamo su noi stessi e alcune di queste scoperte potrebbero essere spiacevoli ma c’è sempre il tempo ed il modo di cambiare!

Approfondisci il tema dei vampiri energetici:

Vampiri emotivi: chi sono e come agiscono

Vampiri energetici: sei tipologie e come proteggersi

Vampiro emotivo: come fronteggiarlo, parte prima


Contatta la psicologa

[contact-form-7]


L'articolo Vampiro energetico: come gestirlo Parte seconda proviene da Psicologa Milano - Simona Lauri, Psicoterapeuta e mental trainer.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog