Magazine Altri Sport

Vela: Pulverit - Città di Punta Marina Terme all'XXIX Invernale di Marina di Ravenna

Creato il 28 gennaio 2011 da Andrea
Vela: Pulverit - Città di Punta Marina Terme all'XXIX Invernale di Marina di Ravenna
Dopo le avverse condizioni meteo (troppo o poco vento) che nelle tappe precedenti avevano creato qualche problema ai centoquaranta equipaggi impegnati nel XXIX Campionato Invernale di Marina di Ravenna (costrigendo il rinvio di due delle quattro manches previste), la manifestazione ben organizzata dal Ravenna Yacht Club con la collaborazione del Circolo Velico Ravennate e di Marinara Porto Turistico è proseguita regolarmente offrendo a tutti i concorrenti una splendida giornata di regate combattute e avvincenti. Una giornata strepitosa soprattutto per ITA 030 Pulverit Città di Punta Marina Terme, l’Ufo 22 del Cantiere Felci affidato al Sailing Team più giovane della classe a livello europeo, che vincendo la terza prova dell’invernale nella Categoria Open Alfa, è balzato dal quarto al secondo posto nella classifica provvisoria generale di Classe.

“Questa quinta tappa (la terza disputata regolarmente) è stata caratterizzata da un bellissimo sole, freddo pungente, tanta onda e poco vento. La difficoltà principale della giornata, partita con aria discreta, ottima per il nostro Ufo22 ma anche per il Melges24, è stata l’onda che ha letteralmente messo fuori uso parecchi equipaggi. Penso che si sia toccato il record di DNF!” ha commentato il coordinatore del Team, Davide Casadio “Come al solito si è assistito ad una estrema concitazione al momento della partenza in Barca Comitato, mentre i nostri ragazzi, scegliendo di partire sulla boa opposta, col solito tempismo che li contraddistingue si sono trovati al primissimo posto nel primo minuto di regata, poi superati da imbarcazioni di altre classi ma sempre davanti alla loro flotta, l’Open Alfa.” “Durante il lato di bolina abbiamo visto che le onde creavano qualche difficoltà al nostro antagonista, il Melges24 Wadadli, anche se alla boa di bolina lo avevamo discretamente vicino.” Ha spiegato al rientro a terra il timoniere David Sebastian “Ci eravamo resi conto che si erano avvicinati ma pensavamo di avere ancora il margine per giocarci la vittoria in una eventuale volata finale. Già dall’issata del gennaker, però, i loro guai sono aumentati e da quel momento abbiamo pensato solo a far viaggiare il nostro ITA030 più velocemente possibile. E’ stato divertente cavalcare quelle onde così alte: degli altri non si vedeva traccia. All’arrivo grande felicità anche per il notevole vantaggio inflitto al Melges che normalmente avrebbe dovuto essere anni luce davanti a noi. Abbiamo anche girato la boa di bolina davanti ad un Mumm30 e questo ci ha fatto pensare che stavamo facendo bene.”Protagonisti di questa terza giornata di Campionato, oltre a David Sebastian Casadio al timone, anche Jacopo Alessandri alla prua e il tailer Edoardo Vassura, tutti reduci da ottimi profitti nello studio in particolare David che in due settimane ha sostenuto ben tre esami alla facoltà di chimica industriale di Bologna con eccellenti risultati. Le Classifiche complete delle altre Categorie in gara su www.ravennayachtclub.com


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :