Magazine Altri Sport

VELA - Trofeo SIAD Bombola d'Oro: inizia oggi a Portofino

Creato il 22 maggio 2010 da Andrea
VELA - Trofeo SIAD Bombola d'Oro: inizia oggi a Portofino
21 maggio 2010 Buone condizioni meteo per l’inizio del Trofeo SIAD Bombola d’Oro, riservato ai dinghy 12 piedi e organizzato a Portofino dallo Yacht Club Italiano con la partnership di SIAD, azienda leader nella produzione e commercializzazione di gas tecnici e speciali per l'industria meccanica, farmaceutica, chimica e alimentare. La flotta – 72 i dinghy iscritti – ha lasciato il porticciolo di Portofino nel primo pomeriggio.Il Comitato di regata, nell’attesa che il vento si stendesse nel Golfo per dare il via alla regata lunga, ha fatto partire alle 14 una prova su percorso a bastone che si è svolta con vento da sud a 8 nodi e che è stata vinta dal mattatore del Trofeo SIAD, Paolo Viacava con Mailin. Secondo Angelo Oneto con Più Duecento, terzo Vincenzo Penagini su Plotzlich Barabba.Al termine della prima regata il vento è andato rafforzandosi e il Comitato ha posato il campo per la regata lunga: l’aria si è però indebolita ed è stata presa la decisione di dare il via a una seconda prova su percorso a bastone, poi accorciata a causa dell’arrivo della bonaccia. A vincere la seconda regata Enrico Negri su Erode, seguito da Emanuele Ottonello con Umberta e da Gaetano Allodi a bordo di Brrr…La classifica generale dopo le due prove di oggi vede al comando Enrico Negri con Erode, seguito da Fabrizio Cusin con Solo per Pazzi e da Paolo Viacava con Mailin. Il Trofeo SIAD Bombola d’Oro vive anche a terra con una serie di eventi collaterali: si comincia questa sera con un brindisi di benvenuto per tutti i partecipanti, che si terrà presso la sede estiva dello Yacht Club Italiano. Domani mattina alle 8 e 30, sempre sulle terrazze del club, ci sarà una colazione per tutti gli iscritti e domani sera, alle 20.30, si svolgerà una grande cena per tutti i partecipanti che si concluderà con uno spettacolo di fuochi d’artificio.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :