Magazine Cultura

Venezia 75: maggica Roma e i miei Leoni d'oro

Creato il 09 settembre 2018 da Cannibal Kid

Anche quest'anno non sono stato a Venezia. Non è una novità, ma lo preciso subito, per essere chiaro con chi magari passa di qui e si attende dei giudizi sui film da chi li ha visti, o da chi ha partecipato alle conferenze stampa e fatto interviste. In tal caso, avete sbagliato posto. Se invece cercate un commento veloce, cazzaro e del tutto inutile sulla 75ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia, benvenuti! Questo è il posto giusto.
Anche perché poi, a dirla tutta, sebbene da lontano, questo Festival l'ho seguito da vicino.

Venezia 75: maggica Roma e i miei Leoni d'oro


Partiamo con un dato incontrovertibile: i premi assegnati dalla giuria di Venezia 75 presieduta dal premio Oscar Guillermo del Toro. E poi vi beccate pure l'elenco dei premi di tutte le altre sezioni e sottocategorie e riconoscimenti vari.
Come forse già saprete, il ruggente Leone d'oro al miglior film è andato a Roma, un film ambientato a Città del Messico che è stato premiato a Venezia. Confusi?
È una cosa normale, ma sappiate che la pellicola diretta da Alfonso Cuarón più nello specifico è ambientata in un quartiere di Città del Messico che si chiama appunto Roma e quindi, li mortacci sua, la cosa ha un senso.
C'è stata poi gloria per La favorita, che vabbé già dal titolo partiva avvantaggiata, e decisamente più a sorpresa pure per The Nightingale, unico film in gara diretto da una donna, Jennifer Kent, che dalla stampa era stata parecchio criticata e pure (vergognosamente) insultata.
Quanto al cinema italiano, dico solo una cosa: #mainagioia.

Premi giusti, premi meritati?
Non avendo visto manco un film tra quelli in Concorso, e pure tra quelli fuori Concorso, chi può dirlo?
Chi i film li ha visti, ecco chi può dirlo!

Leone d'oro al miglior film: Roma di Alfonso Cuarón

Leone d'argento per la miglior regia: Jacques Audiard per The Sisters Brothers

Leone d'argento - Gran premio della giuria: La favorita (The Favourite) di Yorgos Lanthimos

Premio speciale della giuria: The Nightingale di Jennifer Kent

Coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile: Willem Dafoe per At Eternity's Gate

Coppa Volpi per la migliore interpretazione femminile: Olivia Colman per La favorita (The Favourite)

Premio Osella per la migliore sceneggiatura: La ballata di Buster Scruggs (The Ballad of Buster Scruggs) di Joel ed Ethan Coen

Premio Marcello Mastroianni ad un attore o attrice emergente: Baykali Ganambarr per The Nightingale

Premio Orizzonti per il miglior film: Kraben Rahu di Phuttiphong Aroonpheng

Premio Orizzonti per la miglior regia: Emir Baigazin per Ozen (The River)

Premio Orizzonti per la miglior sceneggiatura: Jinpa di Pema Tseden

Premio speciale della giuria di Orizzonti: Anons di Mahmut Fazil Coşkun

Premio Orizzonti per il miglior cortometraggio: Kado di Aditya Ahmad

Premio Orizzonti per la miglior interpretazione maschile: Kais Nashif per Tel Aviv on Fire

Premio Orizzonti per la miglior interpretazione femminile: Natalya Kudryashowa per Tchelovek kotorij udivil vseht

Leone del futuro - Premio opera prima "Luigi De Laurentiis"

Yom adaatou zouli di Soudade Kaadan

Leone d'oro alla carriera: David Cronenberg e Vanessa Redgrave

Premio Jaeger-LeCoultre Glory to the Filmmaker: a Zhang Yimou

Premio Venezia Classici per il miglior documentario sul cinema: The Great Buster: A Celebration di Peter Bogdanovich

Premio Venezia Classici per il miglior film restaurato: La notte di San Lorenzo dei fratelli Taviani

Premio miglior VR: Spheres di Eliza McNitt

Premio migliore esperienza VR (per contenuto interattivo): Buddy VR di Chuck Chae

Premio migliore storia VR (per contenuto lineare): L'Ile Des Morts di Benjamin Nuel

HFPA Prize (Hollywood Foreing Press Association):

Casa Wabi - Mantarraya Award (Fundación Casa Wabi - Mantarraya Group):

Concorso: Napszállta di László Nemes

Settimana Internazionale della Critica: Lissa ammetsajjel di Saaed Al Batal e Ghiath Ayoub

Premio SIGNIS: Roma di Alfonso Cuarón

Menzione speciale : 22 luglio (22 July) di Paul Greengrass

Leoncino d'oro Agiscuola: Opera senza autore (Werk ohne Autor) di Florian Henckel von Donnersmarck

Segnalazione Cinema for UNICEF 2018: What You Gonna Do When the World's on Fire? di Roberto Minervini

Premio Francesco Pasinetti: Capri-Revolution di Mario Martone

Premio Pasinetti speciale al film e ai migliori attori: Sulla mia pelle di Alessio Cremonini con Alessandro Borghi e Jasmine Trinca

Premio Brian: Sulla mia pelle di Alessio Cremonini

Premio Queer Lion: José di Li Cheng

Miglior Film: Opera senza autore (Werk ohne Autor) di Florian Henckel von Donnersmarck

Miglior Film Italiano a Venezia: Capri-Revolution di Mario Martone

Premio CICT - UNESCO "Enrico Fulchignoni": El Pepe, una vida suprema di Emir Kusturica

Premio FEDIC: Sulla mia pelle di Alessio Cremonini

Menzione speciale: Ricordi? di Valerio Mieli e I villani di Daniele De Michele

Premio Fondazione Mimmo Rotella: Julian Schnabel e Willem Dafoe per At Eternity's Gate

Premio Lanterna Magica: Amanda di Mikhaël Hers

Premio Gillo Pontecorvo Award: The Road Not Taken di Tang Gaopeng

Premio Smithers Foundation Award: A Star Is Born di Bradley Cooper

Menzione speciale: The Mountain di Rick Alverson

Interfilm Award for Promoting Interreligious Dialogue: Tel Aviv on Fire di Sameh Zoabi

Premio Green Drop Award: At Eternity's Gate di Julian Schnabel

Premio Soundtrack Stars: Capri-Revolution di Mario Martone

Miglior brano originale 2018: Suspirium di Thom Yorke, da Suspiria di Luca Guadagnino

Menzione speciale: Judy Hill per What You Gonna Do When the World's on Fire? di Roberto Minervini

Premio SIAE: Mario Martone per Capri-Revolution e per la sua carriera artistica [13]

Premio del Pubblico Sun Film Group: Lissa ammetsajjel di Saaed Al Batal e Ghiath Ayoub

Premio Circolo del Cinema - 33. Settimana Internazionale della Critica: Bêtes blondes di Alexia Walther e Maxime Matray

Premio Mario Serandrei - Hotel Saturnia: Lissa ammetsajjel di Saaed Al Batal e Ghiath Ayoub

Premio al miglior cortometraggio [email protected] 2018: Malo tempo di Tommaso Perfetti

Premio alla miglior regia [email protected] 2018: Gagarin, mi mancherai di Domenico De Orsi

Premio al miglior contributo artistico [email protected] 2018: Quelle brutte cose di Loris Giuseppe Nese

Premio Label Europa Cinema: Joy, regia di Sudabeh Mortezai

Premio del Pubblico BNL: Ricordi? di Valerio Mieli

Premio GdA Director's Award (Giornate degli Autori): C'est ça l'amour di Claire Burger

Premio Human Rights Nights: A Letter to a Friend in Gaza di Amos Gitai

Menzione speciale: Peterloo di Mike Leigh

Menzione speciale: 1938 Diversi di Giorgio Treves

Premio di critica sociale "Sorriso diverso Venezia 2018": Un giorno all'improvviso di Ciro D'Emilio

Premio NuovoImaie Talent Award: Linda Caridi per Ricordi? e Giampiero De Concilio per Un giorno all'improvviso

Premio Sfera 1932: Capri-Revolution di Mario Martone

Premio UNIMED: A Tramway in Jerusalem di Amos Gitai

Premio La Pellicola d'Oro:

Migliori effetti speciali: Franco Ragusa per Suspiria

Miglior sarta di scena: Katia Schweiggl per Capri-Revolution

Premio alla carriera: Atelier Nicolao di Stefano Nicolao

Premio Lizzani: Capri-Revolution di Mario Martone

Premio Vivere da Sportivi il Fair-play al cinema: What You Gonna Do When the World's on Fire? di Roberto Minervini

Menzione speciale: Zen sul ghiaccio sottile di Margherita Ferri e Lissa ammetsajjel di Saaed Al Batal e Ghiath Ayoub

Premio Edipo Re: Lissa ammetsajjel di Saaed Al Batal e Ghiath Ayoub

Venezia 75: maggica Roma e i miei Leoni d'oro

Venezia 75: maggica Roma e i miei Leoni d'oro


Venezia 75: maggica Roma e i miei Leoni d'oro

Venezia 75: maggica Roma e i miei Leoni d'oro

Venezia 75: maggica Roma e i miei Leoni d'oro

Venezia 75: maggica Roma e i miei Leoni d'oro

Venezia 75: maggica Roma e i miei Leoni d'oro

Venezia 75: maggica Roma e i miei Leoni d'oro


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazine