Magazine Cucina

Vermò, il vermouth torna al centro dell’aperitivo

Da Valentina Mistra
Vermò, vermouth torna centro dell’aperitivoVermò, il vermouth torna al centro dell’aperitivo

Il vermouth è uno dei prodotti di eccellenza in Italia. Il vino liquoroso, originario di Torino, inventato in una liquoreria di Piazza Castello nella seconda metà del '700. Una bevanda, derivata dal vino moscato addizionato con erbe e spezie, al centro dell'aperitivo dei torinesi (ma non solo) per più di cento anni ma che, negli ultimi tempi, ha subito un notevole calo di richieste al bancone del bar.

Ed è per questo che due giovanissimi imprenditori, Ettore (27 anni, italiano) e Jorge (26 anni, spagnolo), hanno deciso di riportare il vermouth ai vecchi fasti. Nasce così Vermò. La ricetta, nata durante un viaggio in Spagna (alto paese in cui si produce una tipologia dolce di vermouth), grazie alla minima quantità di zucchero, consente di utilizzarlo oltre che per la miscelazione, anche liscio, come si consumava anticamente nel nostro paese.

La ricetta

Vermò viene prodotto a Torino, presso la storica distilleria Canellese, secondo il metodo classico, ma con un tocco moderno nel gusto e nell'immagine. La ricetta è composta da 30 spezie come limone, arancia, zenzero, pepe bianco e menta, artemisia, genzianella, rabarbaro e china ma anche vaniglia del Madagascar. Da queste spezie, dopo un mese in una soluzione idroalcolica, si ottiene un estratto che verrà poi miscelato a vino, alcol e zucchero. Il vermouth è composto al 75% proprio da vino, in questo caso viene usato un mélange di Trebbiano e Chardonnay di vitigni italiani. L'intero processo produttivo dura mediamente 3 mesi, durante i quali il prodotto viene anche filtrato, chiarificato e lasciato affinare in botti d'acciaio.

Quando e come bere Vermò

Vermò, vermouth torna centro dell’aperitivo
Vermò, il vermouth torna al centro dell’aperitivo

Pur avendo una ricetta molto complessa, risulta molto facile da bere anche per palati non abituati al vermouth. Questo perché, riducendo il quantitativo di zucchero i due imprenditori sono riusciti ad evitare quella sensazione di pastosità e calore in bocca. Gli aromi scelti rendono Vermò di una freschezza veramente piacevole. Questa freschezza, unita al gusto amaricante di artemisia, genzianella, rabarbaro e china, e addolcita dalla vaniglia, rende il prodotto irresistibile e spinge il consumatore a ordinarne subito un secondo bicchiere.

Le caratteristiche di Vermò lo rendono un prodotto molto versatile. Può esser infatti utilizzato nei cocktail oppure liscio con un cubetto di ghiaccio o una spruzzata di soda. Ideale per l'aperitivo tra amici ma anche come nel dopocena, al posto del passito o dell'amaro.

Ulteriori informazioni sul sito o sulla pagina Facebook.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :