Magazine Informazione regionale

Video. Napoli, cacciati di casa perché gay: “Costretti a dormire sul Lungomare”

Creato il 30 ottobre 2017 da Vesuviolive

Video. Napoli, cacciati di casa perché gay: “Costretti a dormire sul Lungomare”

Nell’ultima de Le Iene andata in onda ieri sera su Italia 1 è stato mostrato un servizio che raccontava la storia di Francesco e Giuseppe, due ragazzi di Napoli cacciati di casa dai loro genitori perché omosessuali. Prima di incontrarsi, i due hanno dovuto lottare contro le loro rispettive famiglie

Giuseppe, prima di incontrare Francesco, aveva confessato alla madre la sua omosessualità: “Mi ha un po’ odiato, mi ha detto che non mi avrebbe accettato, te ne vai di casa se fai un pensiero del genere…” spiega Giuseppe alla Iena Nadia Toffa.

Anche Francesco ha dovuto affrontare mille problemi: “I miei genitori divorziarono, lasciando me, che all’epoca avevo 16 anni, assieme a mia sorella, di 20. Da quel momento in poi non ne hanno più voluto sapere di noi, e ci hanno abbandonato in casa“. I due raccontano poi di come, ad un certo punto della loro relazione, non avendo più una casa, siano stati costretti a vivere in spiaggia, sul Lungomare di Napoli.

Andavamo a dormire vicino agli scogli, era difficile riuscire a dormire con il rumore del mare ed il vento che ci buttava la sabbia addosso“. Per rivedere il servizio andato in onda vi rimandiamo al seguente LINK.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :