Magazine Cultura

Villaggio neolitico a Cagliari, nella laguna di Santa Gilla

Creato il 19 agosto 2012 da Pierluigimontalbano
Villaggio prenuragico e Nuraghe Cuccuru Ibba
Villaggio neolitico a Cagliari, nella laguna di Santa Gilla
L’abitato nuragico e prenuragico di Cuccuru Ibba è situato all’interno della Laguna di Santa Gilla, in territorio di Assemini (CA), al confine con Capoterra. Esso è raggiungibile passando nella s.s. 195 direzione Pula e svoltando a destra nella strada dorsale consortile (s.p. 12) per Macchiareddu-Grogastu, proprio dietro lo stabilimento industriale di compostaggio.
Le ricerche di superficie condotte nell’area, attraverso il rinvenimento di materiale ceramico e di ossidiana, collocano l’insediamento al periodo della cultura di Ozieri (3200-2800 a.C.) e nel Bronzo Recente e Finale.
Nel villaggio sono stati rinvenuti scarti di lavorazione dei metalli (ciò fa supporre la presenza di un’officina litica). Il nuraghe, invece, è interamente occultato dalla terra e dalla vegetazione che gli danno la parvenza di un’umile collinetta (in sardo “cuccuru”) alta alcuni metri che si erge sulle acque delle saline di Stato; queste certamente hanno apportato rilevanti manomissioni stratigrafiche nell’intera area a partire dal 1936. Il materiale di riporto occulta la struttura millenaria dalla quale emergono solo alcuni massi di dimensioni megalitiche, presenti sulla vetta e nelle immediate vicinanze.
Diversamente da quanto appare ad uno sguardo superficiale, anche questo insediamento è tutt’altro che isolato. Esso infatti, oltre ad essere in collegamento visivo con i nuraghi dei promontori vicini, che all’epoca dovevano essere ben più numerosi di ora, dista 700 m. da un'altra struttura, il “nuraghe Punta Ibba”, indicato nelle carte topografiche (sempre in territorio di Assemini). La posizione in cui è situato il monumento doveva essere strategica, infatti, salendo sulla sommità di questo “cuccuru” è possibile ammirare la laguna di Santa Gilla e il suo habitat lagunare; lo sguardo può spaziare dai monti di Gutturu Mannu e Monte Arcosu a sud ovest, fino alle torri di Cagliari, il Castello di San Michele ed il golfo.
Stride la vicinanza dell’impianto di termovalorizzazione e trattamento dei rifiuti, a breve distanza da quest’area d’interesse archeologico oltre che naturalistico. Per questo l’intera zona necessiterebbe di maggiore valorizzazione e tutela ambientale, tenendo conto della sua vocazione turistica.
Fonte Su Scruxoxu

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Antichissimo villaggio greco in Tessaglia

    Antichissimo villaggio greco Tessaglia

    Lo scavo di un edificio circolare a Koutroulou MagoulaQualche giorno fa è stato completato il terzo campo di archeologia nonché il progetto Archeologico... Leggere il seguito

    Da  Kimayra
    CULTURA, STORIA E FILOSOFIA
  • Tierra Santa a Barcellona

    Tierra Santa Barcellona

    L’Heavy Metal, visto ed ascoltato da vicino, è caratterizzato da numerosi eccessi come distorsioni, sfide a raggiungere il massimo del caos musicale selvaggio,... Leggere il seguito

    Da  Witzbalinka
    CULTURA, VIAGGI
  • Il sabato del villaggio

    sabato villaggio

    Si respira un’aria strana, questo sabato, in SE4. C’è attesa, silenzio, bandierine, odore di barbecue e l’inconfondibile profumo dei cespugli di rose tutti... Leggere il seguito

    Da  Se4
    CULTURA, ITALIANI NEL MONDO, VIAGGI
  • Sesso in Santa Croce

    Sarà pure il gran caldo, sarà la noia...ma per ravvivare una città c'è anche gente che si mette a fare sesso in pubblico. Ormai è risaputo, è accaduto l'altro... Leggere il seguito

    Da  Carlo_lock
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Cagliari Capitale

    Cagliari Capitale

    Se vi dicessi che Cagliari é stata la Capitale d’Italia per diversi secoli, cosa rispondereste?A) Che sono il solito Sardo orgoglioso in cerca di riscatto... Leggere il seguito

    Da  Albix
    CULTURA, LIBRI
  • Un villaggio pre-etrusco sul monte Cimino

    villaggio pre-etrusco monte Cimino

    Scavi della cinta murariapre-etruscaIl monte Cimino, la vetta più elevata della Tuscia (m. 1053 s.l.m.) ha rivelato una parte di un grande abitato con... Leggere il seguito

    Da  Kimayra
    STORIA E FILOSOFIA