Magazine Viaggi

Vivere lentamente

Creato il 02 febbraio 2017 da Faustotazzi
Vivere lentamente
Quando arrivò dove volevo arrivare, vale a dire fino al Jardin Atlantic che era uno dei suoi luoghi del cuore a Parigi ormai era già chiuso. Era arrivato troppo tardi, gli succedeva spesso da quando aveva iniziato a rallentare. Il suo corpo era diventato una macchina delicatissima dove a ogni azione corrispondeva una inaspettata reazione, uguale o contraria. Gli ritornò in mente il dottor Ruben Dario Oliva, quasi vent'anni prima. Aveva riparato la schiena di Diego Armando Maradona poi gli aveva quasi strappato la testa dal corpo ed aveva risposto alle sue proteste sostenendo che individuo significa indivisibile, dandogli del rincoglionito. Lui passava indifferentemente da bimbito a rincoglionito a seconda dell'umore del momento, così come gli curava l'infiammazione alternativamente con un'aspirina e infiltrazioni di cocktail di farmaci leciti o illeciti, non gli fu mai dato sapere. Si ricordò che una volta aveva ascoltato un'intervista in cui chiesero a Diego Maradona come mai quando subiva un fallo non faceva come tutti gli altri che cadevano a terra per ottenere un calcio di punizione ma cercava di resistere e andare avanti. Era l'unico che prendeva calci e non si lasciava andare giù. Allora Diego rispose che continuava a correre semplicemente perché il suo sogno, quello da da sempre più aveva desiderato, era correre dietro un pallone. Diego Armando Maradona, ormai abbastanza rincoglionito. Chissà se il dottor Oliva lo chiamava bimbito o rincoglionito. Da qualche anno Oliva non c'era più quindi era diventato impossibile chiederglielo.Camminava lentamente ricordando il suo passato, si preparava al suo futuro e pensava che in fondo quello che esiste è solo il presente. Questo gli provò che, malgrado vivesse molto lentamente, stava comunque andando avanti. Quanto a lei, era comunque è lì, lo osservava benevolmente da lontano, lui la vide laggiù in fondo alla discesa e la riconobbe quasi subito. Era bellissima, pareva scintillasse della luce di mille lampadine a intermittenza.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazine