Magazine Curiosità

Volete sapere qual’è il ciclo dell’acqua? Scopritelo leggendo il mio articolo!

Creato il 16 agosto 2011 da Massimilianonaturopata

Volete sapere qual’è il ciclo dell’acqua? Scopritelo leggendo il mio articolo!

Oggi inizierò a parlare della natura e, vi parlerò di alcuni cicli che accadono nella natura.

Ogni cosa è interconnessa. La natura è dinamica e questo è un avvenimento ciclico.

Il ciclo è una cosa che si ripete più volte, è un po’ come il riciclo dell’immondizia, che si fa spesso in città. Ovviamente esitono vari cicli: il ciclo dell’acqua, il ciclo dell’aria, il ciclo del carbonio… Oggi vi parlerò del ciclo dell’acqua. Il ciclo dell’acqua è un fenomeno molto conosciuto, perché si studia a scuola già dalle elementari. Il ciclo dell’acqua sarebbe il vapore acqueo che si forma con il sole andando sull’acqua, così il vapore incontra l’aria fredda e forma le nuvole.

Così facendo dalle nuvole le gocce d’acqua ritornano nei mari, però in posti molto più lontani da quello di prima, aumentando l’acqua dei corsi d’acqua, (mari, laghi, fiumi) oppure andando sulla Terraferma nutrendo le piante, però, l’altra acqua va ad infiltrarsi sotto terra formando delle falde acquifere.

L’acqua delle falde acquifere viene estratta dai pozzi. La falda acquifera è un insieme di acqua accumulata con la pioggia. L’acqua può andare a finire anche in un passaggio sotto terra, fino ad arrivare ad uno sbocco tra due rocce, cioè la sorgente. Poi esiste la risorgiva, che in inglese viene chiamata “chalk stream”, sono tutti quei corsi d’acqua a fondo calcareo con una corrente lenta e con acqua cristallina.

La risorgiva dà come risultato una vegetazione subacquea e anche un enorme quantità d’insetti. Per darvi delle informazioni in più, la sorgente può stare sia sulle montagne, sia che sulle colline. Questo è tutto per oggi, la prossima volta, prima di parlare di altri cicli, vi parlerò del mare e del fiume, un po’ anche della palude, per approfondire meglio quello che vi ho spiegato oggi.

Alla prossima!

:grin:


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :