Magazine

Volterra e il suo ex manicomio

Creato il 05 marzo 2018 da Vomitoergorum @Old_Glory
Volterra e il suo ex manicomio Il Centro Guide Costa Etrusca ha organizzato nella data del 4 marzo (anche altre date disponibili) una visita guidata a Volterra ed il suo ex manicomio, Questa è suddivisa in due parti per la durata complessiva di quattro  ore circa e comprende un giro tra le mura e punti di interesse come  Piazza dei Priori, la Cattedrale, il Battistero ed i resti del teatro romano. La seconda parte è invece concentrata sul più grande ex manicomio italiano, a Borgo San Lazzaro. La prenotazione è stata abbastanza semplice, contattando tramite email prima il Centro Guide Costa Etrusca e poi Sunny Tuscany & Italy, sempre via email. Il costo complessivo è di 20 euro (10 per la guida e 10 per l'entrata nel complesso con visita ad opera della ONLUS "Inclusione graffio e parola") . Nonostante le condizioni meteo non ottimali, l'evento è stato confermato e raggiungo così Volterra, la città famosa sia per l'alabastro sia per la propria tradizione etrusca e medievale. Volterra è una tappa tipica per le gite alle elementari, ma percorrere le sue vie con una guida preparata è sicuramente una rinfrescata culturale. Per quanto mi riguarda comunque il piatto forte è la visita all'ex manicomio attraverso le narrazioni dei due ragazzi della ONLUS. Abbiamo potuto avere un' infarinatura storica sul complesso, la sua nascita e la sua evoluzione nel corso degli anni, per poi entrare nel vivo all'interno del museo archivio che dispone di numerosi reperti, oggetti e fotografie. Abbiamo anche avuto modo di visitare esternamente (con  pioggia e nebbia che davano anche un aspetto ancora più spettrale alle strutture in evidente stato di abbandono) il padiglione Charcot ed il padiglione giudiziario Ferri. Qui il famoso graffito, esempio mondiale di "art brut" di NOF4, la cui storia è un qualcosa su cui riflettere.
Acquista libro su Nannetti (NOF4)
Album fotografico Volterra - ex manicomio (2018-03-04) 

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :