Magazine Economia

Voucher, novità e incognite

Creato il 10 ottobre 2016 da Studiocassaro

Voucher, novità e incogniteI committenti imprenditori non agricoli o professionisti che ricorrono a prestazioni di lavoro accessorio sono tenuti, almeno 60 minuti prima dell'inizio della prestazione, a comunicare alla sede territoriale competente dell'Ispettorato nazionale del lavoro, mediante sms o posta elettronica, i dati anagrafici o il codice fiscale del lavoratore, indicando, altresì, il luogo, il giorno e l'ora di inizio e di fine della prestazione. I committenti imprenditori agricoli sono tenuti a comunicare, nello stesso termine e con le stesse modalità di cui al primo periodo, i dati anagrafici o il codice fiscale del lavoratore, il luogo e la durata della prestazione con riferimento ad un arco temporale non superiore a tre giorni. Con decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali possono essere individuate modalità applicative della disposizione di cui al primo periodo nonché ulteriori modalità di comunicazione in funzione dello sviluppo delle tecnologie. In caso di violazione degli obblighi di cui al presente comma si applica la sanzione amministrativa da euro 400 ad euro 2.400 in relazione a ciascun lavoratore per cui e' stata omessa la comunicazione. Non si applica la procedura di diffida di cui all'articolo 13 del decreto legislativo 23 aprile 2004, n. 124.​Queste le nuove regole introdotte dall'8 ottobre per la gestione di voucher, ma al momento non ci sono tutte le condizioni perché entrino in vigore. Manca, infatti, qualsiasi tipo di indicazione operativa (numero di telefono, indirizzo email) nonché precisazioni circa l'applicabilità nelle varie fattispecie concrete.
fonte: www.consulentidellavoro.it

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog