Magazine Cultura

Vous êtes ici

Creato il 23 ottobre 2017 da Rudiexperience @rudiexperience

Non so cosa la attrae di me. Io, povero scrittore di strada, un sognatore, uno che non si taglia la barba e rappezza i pochi stracci che indossa. Se non fosse per questa città non mi definirei un bohémienne, ma straccione; uno che vive giorno per giorno regalando pezzi di storie e fantasia ai passanti, ai bambini che si avvicinano e vogliono sentire la vicenda del guerriero impavido che difende la città da nemici.

Sono ancora lì a guardarla e lei ancora, imperterrita, mi fissa, mi osserva, mi squadra, mi studia come un generale studia una strategia per schierare lo squadrone d’attacco. Tolgo le mani dal parapetto e mi avvio al ponticciolo Vargon. Si chiama così in onore di Ludovic Vargon, un cantastorie del 1800. Sarà un caso, o forse no. È il destino che vuole me, vuole che io, questa sera, imbocchi questa stretta e lunga strada che conduce aldilà dei miei pensieri, dove nulla è ciò che è e quel che sembra potrebbe non esser vero.

Cammino sul ponte cercando di pensare a ciò che le passa per la testa. Cercando un modo per avvicinarmi senza far la figura del povero sprovveduto. Mi costringo ad essere nessun altro che me stesso. Se qualcuno a questo mondo lo vorrà, e quel qualcuno son proprio io medesimo, allora perché pensar di esser altri nel momento in cui te stesso è solo ciò che serve? Perché questo pensiero insano, umano, insito nel retaggio che il tempo e le generazioni passate ci hanno imposto, talvolta involontariamente, tanto che la falsità del nostro Io è la prima cosa che il prossimo incontra, e solo dopo indicibili volte ci presentiamo agli altri come noi stessi?

Ma basta pensare. Svolto l’angolo del ponte e mi avvicino sempre più a lei. Le luci, che sul ponte erano piene di calore e brillanti come il sole, iniziano ad incupirsi ed allontanarsi. Oramai son li, a pochi passi. Mi continua a fissare e con le labbra, quelle labbra teneri come il muschio dopo pioggia autunnale, formano un sorriso, senza aprir bocca. Sbatte gli occhi e gira lo sguardo, le sciocche arrossate e le mani bianche come il candido colore dell’innocenza. Mi avvicino ancora, un passo avanti e mi appoggio con il viso al suo collo. Respiro dalla sua pelle ed odoro qualcosa che mai prima avevo provato. In tutti quegli anni le mie narici non si erano mai inebriate di un sapor tanfo soave. Non si può ancor descrivere ma perché parola coniata ancor non è stata, ma ero sicuro di riconoscerlo fra mille e più di altri sapori. Senza vedere e senza toccare sarei riuscito a ritrovar quel fiore che tanto mi aveva colpito. In trenta e più di anni della mia giovane vita, in cui sapor e sapori di mille colori odorato avevo con furtiva acutezza, mai incrociato ciò non avevo di tanto inebriante spiro.

Un sogno, una fantasia, forse qualcosa uscito dalle mie favole, cosa sei riuscii a chiedere, chi sei riuscii a dirle e nulla più. Si voltò verso di me e con la mano mi sfiorò la guancia, mi sorrise ancora una volta e con gli occhi mesti e sereni non disse nulla, ma fece capire cosa e qual pensiero navigava nell’oceano della sua mente. Quale ciclone è tempesta erano in atto nei sui pensieri.

All’improvviso ‘BUM’, mi giro, un portone che si chiude, una serranda sprangata verso l’interno della casa alle mie spalle. Mi rigiro verso di lei nuovamente ma nulla, a parte il suo sapore, restò sotto quella luce. Mi coccolai ancora un pò tra il suo respiro e per un pò sembrò che tutto aveva un senso, tutto era stato tutto per aver quel solo attimo di pace.

Ci son persone che vivono tutta una vita senza mai incontrare nessuno che possa farli sentire come io mi son sentito in quel poco tempo fuggito. Il suo odore dimenticato non sarà, mai più. Ed il suo sorriso, la sua bocca sono cuscino che allieta i miei sonni ancor oggi e mi fa sentir vivo anche se il cielo è il tetto della mia casa e quel che trovo gli indumenti del mio corpo.

RudiExperience

Annunci

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazines