Magazine Cinema

Voyage(s) of Time - Il mio 2016 cinematografico

Creato il 01 febbraio 2017 da Samuelesestieri

Voyage(s) of Time - Il mio 2016 cinematografico
Quest’anno non avevo voglia di fare una classifica delle visioni, parlare di belli o brutti, cadere nella prassi dei numeri. Ho deciso di limitarmi a una serie di film – una quarantina circa – che ho particolarmente amato nel corso del 2016, senza preferenze, ma in ordine sparso. Come sempre non mi riferisco solo ai film usciti nelle sale italiane, ma anche a quelli visti in festival (Rotterdam, Venezia, Roma, Trento, Future, Shorts e.c.c.) o recuperati in altri modi. Potrete quindi trovare film di annate precedenti, mentre altri, usciti in sala quest’anno (vedi Il figlio di Saul o Al di là delle montagne) erano già nella lista dell’anno scorso.

Voyage(s) of Time - Il mio 2016 cinematografico
Il mio 2016 cinematografico è stato, e non poteva essere altrimenti, anzitutto un viaggio nel tempo, dove si incrociano palingenesi in CGI (Voyage of Time), vulcani come connettori continentali (Into the Inferno) e reti convergenti (Lo & Behold), dissolvenze che rivelano un mondo di fantasmi (The Last of Us), sfide titaniche contro le montagne (Monte) o il primo passo subito dopo l’oblio (Knight of Cups). Ho pensato subito al crocifisso innevato di Tarantino o alle lande bianche e vastissime di Neruda, ai treni del tempo di Almòdovar o ai finali western degli ultimi cowboy americani (Dog Eat Dog di Schrader). Gli occhi brillano di meraviglia (The Assassin), mentre gli uomini comuni si scoprono poeti (Paterson) o eroi (Sully). Alla ricerca di un punto d’unione impossibile tra un film di Lav Diaz, uno di Garrel, uno di Costa e uno di Loznitsa, mi lascio andare al cinema americano più granitico e cinetico, quello di Jason Bourne, di Rogue One, al classicismo muscolare e perfino senile di Creed fino a quello redentivo di Hacksaw Ridge. Rimango, in fondo, un romantico (La mia vita da zucchina). Nel cinema italiano intanto, di fronte alle epifanie di un regista come Marco Bellocchio che continua a girare cose straordinarie, amo in egual modo la spontaneità dei Cormorani, le rovine di Montedoro, le cosmogonie di Spira Mirabilis, la riscoperta del genere perfino di Veloce come il Vento. E poi, tra le stelle, dove ballano i due protagonisti di La La Land, proietto gli alieni di Arrival...e verso le stelle il sabba di quel film fenomenale che è The Witch. L’ultimo pensiero va ai due commoventi vecchietti di My Love, Don’t Cross that River, un film che già dal titolo spezza il cuore. Buon anno a tutti!
Voyage(s) of Time - Il mio 2016 cinematografico
Qui i film: https://www.facebook.com/schermo.bianco.7/media_set?set=a.711173392394699.1073741837.100005061334309&type;=3

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il figlio del sogno

    figlio sogno

    di Valerio Massimo ManfrediAlèxandros La sabbie di Amon → Titolo: Il figlio del sogno Serie: Alèxandros (1) Genere: storico, avventura Autore: Valerio... Leggere il seguito

    Da  Phoebes
    CULTURA, LIBRI
  • Il giardiniere del re

    giardiniere

    Con il suo Giardiniere del re, primo volume di un dittico travolgente, Philippa Gregory ridà corpo a uno degli uomini più affascinanti dei suoi romanzi:... Leggere il seguito

    Da  Fedetronconi
    CULTURA, LIBRI
  • Hearts Come Home – Pearl S. Buck

    Hearts Come Home Pearl Buck

    August 26, 2016 · 6:21 pm I bought this book in Lisbon, in a second-hand book-store down Baixa Chaido (wonderful store, despite the majority of titles wer... Leggere il seguito

    Da  Serenagobbo
    CULTURA, LIBRI
  • Il custode del cimitero

    custode cimitero

    Dall’autore vincitore del Premio Streghe e Vampiri 2014, sette racconti del terrore dal sapore gotico ambientati nei pressi di L. Leggere il seguito

    Da  Destinazione Libri
    CULTURA, LIBRI
  • Il tramonto del bollino

    Questa mattina mi sono recato nella solita edicola dove compro i fumetti e i giornali. Mentre aspetto il mio turno per pagare quello che ho preso - una signora ... Leggere il seguito

    Da  Carlo Deffenu
    CULTURA, LIBRI, RACCONTI, TALENTI
  • Il Raffaello lucchese

    Raffaello lucchese

    Fonte della foto: http://art.thewalters.org/detail/10681/madonna-of-the-candelabra/Rileggendo un bellissimo articolo della storica dell’arte Maurizia Tazartes,... Leggere il seguito

    Da  Marvigar4
    CULTURA
  • Il maestro delle ombre: il nuovo romanzo di Donato Carrisi

    maestro delle ombre: nuovo romanzo Donato Carrisi

    Il nuovo thriller di Donato Carrisi, terzo capitolo della “serie romana” con protagonista Marcus, il penitenziere cacciatore del buio che si muove tra i... Leggere il seguito

    Da  Fedetronconi
    CULTURA, LIBRI

Magazines