Magazine Informazione regionale

Vuoi vedere la tv senza interferenze? Filtro gratis solo se paghi il canone Rai.

Creato il 29 gennaio 2013 da Goodmorningumbria @goodmrnngumbria

Tecnologia contro tecnologia. Le frequenze del digitale terrestre sono disturbate da quelle dei cellulari di ultima generazione – con tecnologa 4G- e in alcune zone d’Italia alcuni canali non si vedono. Un problema risolvibile con un apposito filtro sull’antenna tv. Che può essere installato gratuitamente purché l’utente abbia pagato il canone Rai. Una condizione che ha scatenato le polemiche.

Tv digitale contro i cellulari di quarta generazione

E’ un inconveniente che si sta diffondendo rapidamente in parallelo alla diffusione dei nuovi smartphone. Al punto che è nato un sito(www.helpinterferenze.it), gestito da un ente scelto dal ministero per lo Sviluppo economico proprio per risolvere il problema dei disturbi tv che possono verificarsi a partire dal 1° gennaio. Da questa data infatti gli operatori di telefonia mobile hanno acceso le stazioni radio base Lte – alla base dei sistemi di telefonia mobile di quarta generazione per la trasmissione ultraveloce del traffico dati – che trasmettono in banda 800 MHz. La stessa frequenza che in alcune aree territoriali è utilizzata, da prima, dalla tv digitale terrestre.

Registrandosi sul sito si può dunque richiedere un intervento tecnico che consiste nell’applicazione di una schermatura dell’antenna televisiva, realizzata gratuitamente da un antennista inviato appositamente. Ma, si legge sul sito:

“Il servizio è rivolto ai cittadini in regola con il pagamento del canone di abbonamento al servizio di radiodiffusione (…). Il pagamento regolare dell’abbonamento al servizio di radiodiffusione deve avvenire sia per il Canone di tipo ‘ordinario’ (uso dell’impianto TV in ambito privato) sia per quello ‘speciale’ (uso di uno o più impianti TV in locali aperti al pubblico)”.

Un ricatto o una giusta condizione?

Chi non ha pagato, quindi, deve chiamare un tecnico e risolvere l’inconveniente a sue spese. La regola potrebbe avere la sua logica: non posso pretendere un servizio pubblico se non contribuisco alla sua fornitura pagando regolarmente le tasse.

Ma Pietro Giordano, segretario generale Adiconsum, non è d’accordo: “si commetterebbe un grave errore ed un’iniquità”, sostiene. “Il canone Rai, infatti, ha natura tributaria e non ha nulla a che vedere con la fornitura del servizio pubblico essenziale come è la televisione. Non è possibile mischiare il diritto dei consumatori di accedere ad un servizio pubblico essenziale con il dovere di pagare la tassa di possesso della tv. Il diritto va garantito e, ove si rilevi che il canone non è stato pagato, lo Stato ha gli strumenti per richiedere il pagamento dello stesso”.

fonte: virgilio.it



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Tu chiamale se vuoi...

    chiamale vuoi...

    Se la pubblicità non è la forma più evoluta della comunicazione (qualcuno afferma seriamente che lo sia!) è sicuramente indice di come stia evolvendo la nostra... Leggere il seguito

    Da  Antonio
    CULTURA, SOCIETÀ
  • E che vuoi inventare più?

    Pino Imperatore, il mio Maestro di scrittura comica, ebbe a dire una volta che chi scrive ormai non ha più margini di fantasia, perché la realtà è oltre. La... Leggere il seguito

    Da  Vidi
    SOCIETÀ
  • Vuoi un lavoro? non laurearti

    Vuoi lavoro? laurearti

    Un paradosso? No, un segnale lanciato dall'Istat nel suo annuario nazionale. Almeno per quanto riguarda il primo impiego, chi è passato dall'università... Leggere il seguito

    Da  Bagaidecomm
    ATTUALITÀ, LAVORO, PRIMO IMPIEGO, SOCIETÀ
  • Vuoi mettere una sigaretta...

    Vuoi mettere sigaretta...

    (c) 2013 weast productions Vuoi mettere una sigaretta. Vuoi mettere una sigaretta dopo un dolce gustato insatantapace e strafatto di panna. Leggere il seguito

    Da  Gianlucaweast
    SOCIETÀ
  • Chiamale se vuoi contraddizioni.

    Chiamale vuoi contraddizioni.

    La politica può dare alla testa, ma sembra un po' presto per il delirio di onnipotenza.La cavalcata di Grillo in questi 3 anni è iniziata dalla su... Leggere il seguito

    Da  Laverita
    OPINIONI, SOCIETÀ
  • Lo vuoi un consiglio

    vuoi consiglio

    Sabrina, una blogger amica della Versilia e della Capannina di Franceschi Assolutamente da non perdere il suo... Leggere il seguito

    Da  Discoteche Versilia
    EVENTI, INFORMAZIONE REGIONALE
  • Cavani, mo te ne vuoi andare?

    Cavani, vuoi andare?

    "Papà, ma io non voglio giocare più qui". "E perché ?". "Che ne so lo ha detto lui". "Allora lo ha detto tuo fratello e non tu". "Però pure io non voglio... Leggere il seguito

    Da  Cicciouccello
    FAMIGLIA, SOCIETÀ