Magazine Cinema

Walk The Line – Quando l’amore brucia l’anima

Creato il 12 giugno 2019 da Lumiere @LumiereFratelli
Walk The Line – Quando l’amore brucia l’animaWalk The Line – USA 2005 – di James Mangold – biografico – 136′

Scritto da Gloria Paparella (fonte immagine: imdb.com)

La storia del musicista Johnny Cash e del suo turbolento rapporto d’amore con June Carter Cash. La storia mostra le origini del suono di Cash, quando era semplicemente il figlio di un mezzadro, passando poi attraverso i tour scatenati con pionieri del rock’n’roll come Elvis Presley, Carl Perkins, Roy Orbison, Jerry Lee Lewis e Waylon Jennings, e terminando la sua corsa con l’indimenticabile concerto del 1968 alla prigione di Folsom.

Cantante ribelle, fuorilegge, eroe. Johnny Cash (Joaquin Phoenix), rivo- luzionario innovatore in campo musicale con i suoi accordi trascinanti e la sua voce tenebrosa e profonda, è diventato un mito nella storia musicale americana. Il film è un adattamento biografico della vita del cantante, ma- gistralmente interpretato da Joaquin Phoenix (vincitore del Golden Globe come Miglior Attore), e dell’amore della sua vita, June Carter ovvero  Reese Witherspoon (vincitrice sia del Golden Globe, sia dell’Oscar come Migliore Attrice): un appassionato racconto ispirato alla storia vera dell’incrollabile attaccamento di un uomo alla propria musica e a quella che è stata la sua unica vera amica.

Il regista di Ragazze interrotte, James Mangold ripercorre la vita del cantante statunitense, partendo da un lungo flashback nato dal dolore di un ricordo, la morte di suo fratello Jack. Si passa così alle canzoni scritte di nascosto in aviazione, al matrimonio con Vivian (Ginnifer Goodwin), al primo disco registrato con la sua band fino all’incontro con June, una can- tante non dalla voce straordinaria, ma dall’aspetto grazioso, piccola e ra- diosa. Un mix perfetto di fragilità e forza racchiuso in un essere soltanto.

Una donna che ha saputo fare del suo umorismo un “attributo” fondamen-
tale, per sopravvivere agli sguardi indiscreti e chiacchieroni e, soprattutto, per far perdere la testa a Johnny. Il film ha la capacità di riportare lo spettatore negli anni in cui il Rock and roll stava esplodendo, partendo poi proprio da quel gospel, quel blues e country che amava lo stesso Cash. Entrambi gli attori si calano profondamente nei rispettivi ruoli ed è straordinaria l’alchimia che si crea fra di loro sullo schermo. Un ottimo lavoro, struggente e romantico, per ricordare due delle voci più influenti della storia della musica.

Voto: 8


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazines