Magazine Calcio

WEEK-END +24 - Follia a Genova, tifosi assediano la squadra

Creato il 23 aprile 2012 da Calcisulcalcio

Attimi di follia a Genova, dopo la quarta rete del Siena a Marassi, la frangia calda della tifoseria Genoana si è impadronita della tribuna sopra il tunnel che conduce al campo dagli spogliatoi, e ha iniziato un fitto lancio di petardi e fumogeni. 
La partita è stata sospesa e il capitano del Genoa, Marco Rossi è andato a parlare con i capi Ultrà che gli hanno intimato di togliersi le maglie poichè non degni di indossarle. La maggiorparte dei giocatori hanno tolto la maglia, ad eccezzione di Sculli e Frey. Solo grazie alla mediazione di Sculli con i capi tifosi si è riportata la situazione alla normalità e si è potuto riprendere la gara sospesa dall'arbitro Tagliavento per 50 minuti circa. 
Alla fine terminerà col punteggio di 1-4 in favore del Siena e le contestazioni continueranno fino a tarda sera a Genova. Il punto però è un'altro, si prova a parlare di stadi per le famiglie, di tornare allo stadio, di superare le barriere messe dalle istituzioni, ma prendere in ostaggio un'intera squadra per le brutte prestazioni in campo è follia pura. Così si rischia di allontanare ulteriormente le persone dallo stadio e lasciare il calcio in balia delle pay-tv, più di quanto non lo sia. 
Ogni tifoso è deluso quando la propria squadra non da il massimo, quando fioccano pesanti sconfitte, ma usare lo stadio come sfogo del disagio sociale non è ammissibile in un paese civile, altrimenti siamo al pari del terzo mondo, dove da una gara di calcio si è arrivati alla strage. 
 Il Newcastle, club storico del calcio britannico, nel 2009 è retrocesso dalla Premier League, lo stadio era pieno nelle ultime giornate, tutti tifavano e speravano in una salvezza che non è arrivata, civilmente, senza violenze. L'anno successivo il Newcastle ha vinto la Premiership ed è tornato prontamente a lottare in Premier League con lo stadio nuovamente stracolmo in ogni ordine di posti. L'ennesima lezione dal calcio inglese, se ce ne fosse ancora bisogno.
di  Cristian Amadei

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :