Magazine Lifestyle

Week end in Alto Adige: alla scoperta di Caldaro e della Strada del Vino

Creato il 12 settembre 2019 da Alessia Foglia @AlessiaFoglia

Datemi un bicchiere di vino e io sono felice! Questo è il preambolo per giustificare il mio entusiasmo quando l’ufficio del Turismo mi ha invitato a Caldaro per passare alcuni giorni alla scoperta della Strada del Vino.  Una zona dell’Alto Adige ancora poco conosciuta dal turismo Italiano che offre un clima mite e temperato, eccellente per godersi una vacanza davvero inaspettata ma anche ideale per la produzione di vino: l’escursione termica tipica di questi luoghi, le altitudini variabili (dai 200 ai 1000 mt) e le diverse tipologie di terreno creano infatti le condizioni perfette per la produzione di vini oggi noti e apprezzati in tutto il mondo. Il punto di partenza? Il lago di Caldaro, il più caldo dell’arco alpino: a partire dalle sue acque di colore verde date dalla natura che vi si specchia, inizia un percorso eno-gastronomico che difficilmente lascerà indifferenti. Ecco quindi gli indirizzi giusti e le dritte per vivere una vacanza o anche un solo week end immersi nella natura. Week end in Alto Adige alla scoperta della Strada del Vino Punto di riferimento per tutta la durata del nostro soggiorno in Alto Adige è stata la residenza Gius: un bellissimo boutique & design hotel posto in una posizione privilegiata del paese di Caldaro con una vista mozzafiato sulle viti circostanti e sul lago in lontananza. La residenza Gius dispone di sole 9 suite finemente arredate (oltre ad altri alloggi “diffusi” in Caldaro), in un sapiente mix di legno, colori neutri e forme di design per un effetto ricercato e assolutamente azzeccato. La suite che ci è stata assegnata era provvista di ben due terrazzi, il primo che guardava verso i filari di viti della strada del vino ed il campanile del pittoresco centro storico di Caldaro, il secondo con una vista magnifica del lago di Caldaro. Il plus? La vasca Jacuzzi esterna, ideale per immergersi dopo una giornata trascorsa in giro tra escursioni e camminate. Week end in Alto Adige: relax e design alla residenza Gius La colazione del mattino è stata un vero piacere per il palato, con una varietà infinita di proposte dolci e salate, latte e yogurt freschissimi, tanti tipi diversi di pane fresco oltre che a delle uova strapazzate cucinate alla perfezione! A completamento del soggiorno perfetto, una zona relax composta da sauna e piscina coperta al primo piano della residenza Gius, per momenti di assoluta tranquillità e benessere. In tema vino invece, un intero locale vineria a disposizione degli ospiti con oltre 50 etichette di vini dell’Alto Adige, da degustare in qualsiasi momento della giornata insieme ad una fetta di speck o prosciutto locale. Un’idea molto originale in locale curato nei minimi particolari. Un altro punto a favore dell’albergo? Beh, nella zona parcheggio troverete due vespe “special” per scorrazzare liberamente tra i vigneti della strada del vino! Week end in Alto Adige: per le vie di Caldaro alla scoperta del consorzio wein.kaltern Il paese di Caldaro si trova a pochi passi dall’Hotel. Dimenticate quindi la macchina e regalatevi una passeggiata tra le sue vie partendo dalla piazza principale: il cuore pulsante del paese che durante tutto l’arco dell’anno si anima di appuntamenti musicali e manifestazioni legate alla degustazione e alla cultura del vino. Una delle caratteristiche distintive di Caldaro è quella di vantare un vino che porta il suo nome, il “Kalterersee-Wein”, ma soprattutto di ospitare il consorzio wein.kaltern istituito per promuovere la viticoltura e la cultura enologica a Caldaro. Un progetto ambizioso che vede impegnati produttori di vino, addetti al turismo, agricoltori e rappresentanti della pubblica amministrazione nella promozione e la diffusione di una cultura enologica dalle radici antichissime. Un progetto che tra le tante iniziative ha dato vita alla “Charta del Kalterersee” che impone ai 26 produttori che hanno ottenuto il bollino di certificazione la realizzazione dei vini secondo elevati standard di qualità. Ecco perché oggi i vini bianchi e i rossi coltivati nei vigneti lungo la Strada del Vino entrano di diritto a far parte dei migliori a livello locale e nazionale. Week end in Alto Adige: visita alla cantina vinicola  Kettmeir Una delle cose che più ho apprezzato di Caldaro? Che offre tantissime possibilità a chilometro zero, come l’opportunità di visitare una delle cantine più antiche della zona. Nata nel 1919, Kettmeir ha trovato nella produzione di spumante Altoatesino la sua nicchia di mercato. Oggi la cantina Kettmeir si distingue quindi per essere il più grande produttore di spumanti dell’Alto Adige: un primato che può vantare grazie al forte legame con il territorio e alle mani esperte dei contadini altoatesini che da anni lavorano con cura, dedizione e attenzione i poco più di 55 ettari di terreno che fruttano ogni anno circa 400 mila bottiglie. Una scelta ben precisa, una produzione limitata perché la visione del suo fondatore è sempre stata chiara: ciò che conta, è la qualità, non la quantità. Ecco quindi poche e selezionate proposte che si fanno riconoscere per la cura con cui vengono prodotte così come per i profumi, l’eleganza e la freschezza che regalano sin dal primo assaggio. Week end in Alto Adige: i ristoranti dove assaggiare una cucina inattesa Le proposte food in tutta l’area di Caldaro hanno confermato la grande attenzione e la capacità dei ristoranti locali di proporre una cucina del territorio sana, moderna e rivisitata, a tratti anche molto creativa, sempre in abbinamento a vini altoatesini – bianchi e rossi – tutti da scoprire. A cominciare dal ristorante Panholzer, un antico maso sapientemente ristrutturato situato a due passi dal Lago di Caldaro. Panholzer è un posticino idilliaco e tranquillo dove gustare un’ottima tartare di filetto di manzo accompagnata da un bicchiere di schiava. Se passate di qui, fatevi riservare un tavolo all’esterno del loro bellissimo dehor e non fatevi mancare il tortino al cioccolato dal cuore caldo. Delicatissimo! Per la prima sera proviamo il ristorante Philiaz: il luogo ideale dove poter ammirare il Lago di Caldaro e il panorama circostante. Il ristorante porta in tavola una parte di mondo: in una sala infatti il locale offre un...


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog