Magazine Cultura

Writer's coffee chat: rebecca maizel presenta "eternity" il primo romanzo della vampire queen trilogy

Creato il 07 settembre 2010 da Alessandraz @RedazioneDiario
Cari lettori,
inauguro questa nuovissima rubrica del mio blog Writer's Coffee Chat con un ospite speciale, l'autrice Rebecca Maizel, che ci presenterà il suo romanzo d'esordio Eternity che sarà pubblicato il 14 settembre da Sperling e Kupfer.
Vi ricordo che se commenterete potrete essere estratti come i fortunati vincitori di una copia omaggio di Eternity messa gentilmente a disposizione da Sperling e Kupfer.
Sito dell'autrice: QUIBlog dell'autrice: QUI
Sito dedicato alla trilogia Vampire Queen: QUI
"Anche amarti è una maledizione. Quando ti tocco non ti sento veramente."
Trama:Lenah apre gli occhi dopo un lunghissimo sonno e si accorge di trovarsi immersa in uno squarcio di luce; crede dunque che la sua ora sia giunta. Perché in realtà è un vampiro. Istintivamente grida il nome del suo amato Rhode, che la trasformò in vampiro cinque secoli prima, e lo vede seduto davanti a lei. Lui le rammenta l’antica promessa di riportarla in vita, e le dice di essere pronto a compiere il rituale magico. Ora Lenah ricorda tutto: il suo desiderio di tornare umana era stato più forte della paura. Ma ricorda anche che il rituale richiede una vita in cambio. Lenah è viva e sta per compiere sedici anni. Lenah inizia la sua nuova vita a Wickham: una casa, nuovi amici, ma anche la costante paura e certezza del ritorno della Congrega, il gruppo di vampiri che lei stessa aveva creato, i più potenti e crudeli, vissuti con lei fino al 1910 nella casa di Hathersage, in Inghilterra, con il compito di proteggerla e adorarla e con cui avrebbe avuto un legame magico e indissolubile. E quel legame col passato rischia di distruggere tutto ciò che di tenero e vitale Lenah ha appena cominciato a conoscere.La mia opinione:
Dove può arrivare l'amore per una donna?
Un amore così grande e così intenso che fa compiere a Rhode un gesto disperato per ridare quella felicità rubata alla sua amata Lenah che aveva strappato alla vita alla tenera età di 16 anni. Sotto la pioggia scrosciante l'aveva portata con sè nel mondo delle tenebre privandola per sempre della sensibilità e di quelle emozioni che non avrebbe più potuto assaporare sulla sua pelle ma immaginare soltanto. Ha passato la sua esistenza di 500 anni ha seminare distruzione e odio nel mondo. Lei è la regina dei vampiri spietata e sanguinaria come nessun'altro perchè nel suo cuore albergano solo tenebre e non c'è spazio per nient'altro se non una parvenza di quel sentimento umano chiamato amore. Perchè i vampiri non conoscono quel sentimento puro e umano ma solamente un legame profondo che unisce due vampiri come Lenah e Rhode, amici, fratelli e amanti... condannati a non provare le sensazioni di sentire la pelle contro la propria, la ruvidezza e la morbidezza, il profumo delle cose se non quello del sangue della propria vittima. Il suo desiderio è quello di provare qualcos'altro al di là di dolore e sofferenza senza fine. Un desirerio che la consuma portandola fin quasi nel baratro della follia.
"I vampiri sono afflitti dal dolore, dalla smania e dalla rabbia. Sulle loro spalle grava ogni immaginabile tristezza, vittime come sono di un tormento dal quale non possono fuggire. L’amore dà un breve sollievo in tanta miseria, tuttavia anch’esso nasconde delle insidie: quando un vampiro si innamora, una parte di lui rimane vincolata indissolubilmente all’oggetto del suo sentimento. Quante più persone ama, tanto più la sua essenza vitale si frammenta. Io mi ero innamorata due volte, la prima di Rhode, la seconda di Vicken. Due esperienze diverse – Vicken mi assorbiva meno di Rhode – ma in entrambi i casi ero legata a loro. Inoltre l’amore di un vampiro è anch’esso una forma di dolore, che si trasforma in bisogno insaziabile. Non ha importanza quello che viene detto o fatto, essere insoddisfatti è nella natura del vampiro. Ed era il genere di tormento che provavo ogni giorno."
Per secoli Lenah ha camminato su questa terra anche se il suo corpo era destinato alla polvere. Dopo secoli di lunga attesa e straziante agonia Lenah vuole disperatamente tornare ad essere umana, ritornare a quell'esistenza rubata per provare quelle sensazioni perdute nel baratro del tempo. Un desiderio che le dilania l'animo, lei la regina vampiro che desidera l'umanità, sogna una vita fragile e delicata per poter vivere davvero provando sensazioni ed emozioni impossibili per l'insensibilità della sua razza. Per un vampiro è possibile tornare ad essere umano?Lenah ha bisogno di questo per tornare ad essere felice, per non commettere più le atrocità che la sua natura le impone. Rhode decide così di sacrificarsi per amor suo, decide di dare la propria vita per far tornare Lenah umana realizzando il suo sogno. Ma Lenah non conosce il prezzo da pagare per chi effettua il rituale per ridarle l'umanità e al suo risveglio deve abbandonare il suo amore, il suo appoggio e sostegno che non avrebbe mai smesso di ricordare nei suoi pensieri. Non dopo il suo estremo sacrificio. Ma Lenah riuscirà a integrarsi dopo essere stata a lungo un vampiro?Adesso Lenah è una semplice ragazza liceale ma che conserva ancora alcuni dei suoi poteri originari di vampiro, perchè finchè non si sarà adattata perfettamente nella sua nuova condizione non potrà essere davvero "normale". Ma come può farlo sapendo che la confraternita che lei stessa aveva creato con 4 dei vampiri più potenti è sulle sua tracce? Non può. Lotta nella sua condizione fragile e trema al pensiero del loro nuovo incontro perchè ora che non è più la loro regina non ha più speranze di sopravvivenza e quel sogno di cristallo è troppo fragile per esistere. Inaspettatamente Lenah viene travolta da quelle sensazioni che per lungo tempo aveva perduto e dimenticato. Ora non si ritrova più come semplice spettatrice della felicità ma la vive appieno senza rimpianti per il suo passato. Adesso è libera di amare, di scegliere di vivere senza rimanere intrappolata in una maledizione che l'avrebbe vincolata per l'eternità. Nella sua nuova scuola a Wickham riscopre l'amicizia grazie a Tony e l'amore grazie a Justin. Due emozioni sopite nel proprio animo che ritornano a galla con prepotenza, scombussolandola. Con Justin aveva avuto reazioni umane: il cuore le batteva forte, il respiro le si mozzava, provava dei brividi di desiderio. A poco a poco queste nuove sensazioni le si insinuano dentro nell'animo risvegliandolo da quel torpore che l'aveva avvolto nei secoli passati. Justin addolciva la sua sofferenza che nascondeva ancora nel cuore. Ma tutto questo non può durare, la felicità è solo un'illusione, temporanea e sfuggente.

L'autrice Rebecca Maizel dipinge un affresco gotico estramamente convincente. Riscopre la figura del vampiro dandone una propria impronta, assolutamente originale che esula dal solito stereotipo. L'originalità è l'essenza del romanzo. Rebecca crea una nuova eroina, Lenah Beaudonte, una vampira sanguinaria e seducente che nonostante la sua natura vuole solo una cosa: l'umanità rubata. A guidarla è il suo egoismo, la sete di qualcosa di impossibile da avere ed è il ritratto del vampiro tradizionale: spietato e sanguinario. Nonostante rivoglia l'umanità per poter assaporare le sensazioni che da vampira non può provare, Lenah non si pente del male compiuto, non sente il rimorso che le scava l'animo, non prova dolore per le sua efferrate azioni. Solo quando diventa umana comincia il suo percorso di redenzione perchè non è più la sua natura a guidarla ma la sua anima. Riscopre l'amore nelle sue più sfaccettate declinazioni perchè nonostante ami Justin, non può dimenticare Rhode e Vicken che erano stati i suoi compagni per secoli. Un'eroina tutta nuova e assolutamente affascinante in tutte le sue caratteristiche. Davvero notevole. Soprattutto Rebecca descrive magnificamente la riscoperta del mondo umano e della sua nuova condizione di Lenah. I suoi dubbi, le incertezze... i suoi piccoli passi per scoprire quello che in 100 anni di riposo era cambiato. Ci sono sicuramente alcune cose che non mi hanno esaltata particolarmente... diciamo che il rapporto tra Lenah e Justin poteva essere maggiormente approfondito e spiegato soprattutto dalla parte di Justin perchè le motivazioni e i pensieri di Lenah sono ben chiari. Sicuramente sono di parte perchè fin dall'inizio ho amato Rhode alla follia. Lui, un vampiro che per amore si sacrifica... un sogno che non può essere vero. La sua tragicità, il suo voler dare tutto anche se stesso per la donna amata è davvero meraviglioso. Anche Vicken ha il suo fascino virile che non può lasciare indifferente nessuna donzella e si può capire benissimo per quale motivo Lenah lo abbia scelto. Io spero davvero che Rebecca scriva un prequel dove esplori il complesso rapporto con Rhode e perchè no anche di Vicken anche se a dire il vero è un legame molto più sottile. La storia non è assolutamente autoconclusiva, anzi si ferma lasciando in sospeso moltissimi interrogativi che lascieranno il lettore pieno di aspettative per il seguito. Rebecca ha costruito un ottimo romanzo d'esordio rivisitando la figura del vampiro e riscoprendo il sentimento d'amore per questi esseri soprannaturali che non possono che avere solamente una parvenza dell'amore umano fatto di sensazioni, emozioni, desiderio, carezze...

Eternity è un esempio di romanticismo, sangue e sensazioni struggenti e passionali che affascineranno il lettore per il suo realismo.
INTERVISTA ALL'AUTRICE REBECCA MAIZEL:
1. Tell us about your experiences as a debut author. Was it anything like you expected? No! I wanted it for so long and worked hard writing for so long that I was in disbelief. When I got the phone call about the book selling, I had no idea. I mean, really. My life changed with one phone call. I will never stop being grateful, it's a wonderful, wonderful, experience.
Parlaci della tua esperienza come autrice esordiente. E’ stata come te l’aspettavi?
No! Lo volevo da tanto tempo e ha lavorato duramente per iscritto da così tanto tempo che ero incredula. Quando ho ricevuto la telefonata di vendita per il libro, non avevo pensato che sarebbe potuto succedere. Voglio dire, davvero. La mia vita è cambiata con una semplice telefonata. Non potrò mai smettere di essere grati, è una meravigliosa, meravigliosa, esperienza.
2. With the publication of your novel, you expect the success you had?
No! Every time I hear that the book is doing well, I say, "really? me!?" I can't believe that I am typing an interview right now for a reader in Italy! Completely surreal. Like I said, I am beyond grateful. I hope people love the book.
Con la pubblicazione del tuo romanzo, ti aspettavi il successo che hai avuto?
No! Ogni volta che sento che il libro sta andando bene, io dico, "Davvero? Io!?" Non posso credere che in questo momento stia redigendo un’intervista per un lettore in Italia! Completamente surreale. Come ho detto, sono troppo grata. Spero che la gente ami il libro.
3. What do you do while are you writing? Have you a particular creative process?
My writing process is a bit snarky and I drive myself nuts. There’s a lot of whining. I tend to fill up notebooks with handwritten musings, and then I try to piece them together in a word document. I always try to sludge through one full draft on the computer. Then, I print out the word document and write all over it, edit the living hell out of it. Then I go back to the word document, implement my edits and start again…and again…and again... I also improve my characters. Seriously! I try to do this when no one is home but I improvise scenes as a character. That way, I am acting the scene through that character’s eyes and my behavior, my reaction, my word choice is inevitably indicative of that character. Anyone with an acting background might want to try this out.
Cosa fai mentre scrivi? Hai un particolare processo creativo?Il mio processo di scrittura è un po ingarbugliato e mi fa impazzire. Ci sono un sacco di lamentele. Io tendo a riempire quaderni con riflessioni scritte a mano, e poi cerco di metterle insieme su un documento word. Cerco sempre di fare una bozza completa sul computer. Poi, mi stampo il documento di Word e scrivo tutto su di esso, modificando le cose che non vanno bene. Poi ritorno al documento di Word, attuo le mie modifiche e ricomincio da capo ... e ancora ... e ancora ...  Improvviso anche i miei personaggi. Sul serio! Io cerco di farlo quando nessuno è in casa ma io improvviso scene come fossi un personaggio. In questo modo, io vedo la scena attraverso gli occhi di quel personaggio e il mio comportamento, la mia reazione, la mia scelta delle parole è inevitabilmente indicativa di quel personaggio. Chiunque in fondo vorrebbe provare a farlo.
4. Why did you write a young adult novel? What challenges do you face in writing novels for teens?
As a young adult, the best times of your life are ahead of you. You may not know it, you may think your life is really down and out but in the end all of the choices of all of your days are far ahead. I loved juxtaposing that to Lenah’s dark past. I love writing for young adults. Challenges? Authenticity. You want your readers to feel as though they are reading something "real" not something "written for teens."
Perché hai deciso di scrivere un romanzo per adolescenti? Quali sono le sfide che si devono affrontare per scrivere romanzi per adolescenti?Come per gli adolescenti, i momenti migliori della tua vita si trovano davanti a te. Non si può saperlo, si potrebbe pensare che la vita è davvero finita, ma alla fine le scelte di vita si faranno più avanti. Mi piaceva la giustapposizione del passato oscuro di Lenah. Mi piace scrivere per i giovani.
Sfide? Autenticità. Vuoi che i tuoi lettori si sentano come se stessero leggendo qualcosa di "reale", non qualcosa "scritto per gli adolescenti."
5. What inspired you to write Eternity?I started to free write one day. I literally sat down, started writing and Lenah’s voice came through, I let her tell the story and 8 months later, I had a draft of Infinite Days. I wish this story were more exciting. I should say something like, I fell down, cracked my head and when I was in the hospital, I had A VISION! A near death experience! But no, I was in a dark library free writing.
A cosa ti sei ispirata per scrivere Eternity?Ho cominciato un giorno scrivendo liberamente. Mi sono seduta, ho iniziato a scrivere e mi è arrivata la voce di Lenah, le ho lasciato raccontare la storia e 8 mesi più tardi, ho avuto il progetto di Eternity. Vorrei che questa storia fosse più eccitante. Dovrei dire qualcosa di simile: sono caduta, ho rotto la mia testa e quando ero in ospedale, ho avuto una visione! Un’ esperienza vicino alla morte! Ma no, ero in una buia libreria di scrittura libera.

6. What three words do you think best describe your novel? Why?How about phrases and words? :)
1. Falling irrevocably in love
2. Red roses, lavender, and rosemary.
3. Letting go
Quali sono le tre parole che meglio descrivono il tuo romanzo?
Che ne dite di frasi e parole? :)
1. Essere irrimediabilmente innamorati
2. rose rosse, lavanda e rosmarino.
3. Lasciarsi andare
7. Throughout Eternity there are various flashbacks where Lenah remembers some important moments from her life as a vampire and even before that. What kind of research did you do about the different time periods?
Librarians are your friends! Reference librarians are even better friends! I spent months writing this book and I emailed a lot with reference librarians all over the world. Specifically, the librarians at the Carnegie Library in Girvan Scotland. They are some of the most generous people I’ve ever met.
Per tutto il romanzo Eternity ci sono vari flashback in cui Lenah ricorda alcuni momenti importanti della sua vita come vampiro e anche prima. Che tipo di ricerca hai fatto circa sui differenti periodi di tempo?I bibliotecari sono i tuoi amici! Se bibliotecari di riferimento sono amici ancora meglio! Ho passato mesi a scrivere questo libro e ho inviato via email ad un sacco di bibliotecari di riferimento in tutto il mondo. In particolare, i bibliotecari presso la Biblioteca Carnegie a Girvan, Scozia. Sono alcune delle persone più generose che abbia mai incontrato.
8. What was the hardest part of writing Eternity?
Probably revising. Choosing which parts of the book and which parts to cut - it was difficult making those choices without risking the integrity of the novel.
Qual è stata la parte più difficile da scrivere di Eternity?
Probabilmente la revisione. La scelta di quali parti del libro tenere e quali parti tagliare - era difficile fare tali scelte senza mettere a rischio l'integrità del romanzo.
9. Where did the idea of creating vampires, who could not feel the texture of things and their smell, come from?
I know this answer is going to be lame but I really thought about my vampires in terms of the story. I knew more than anything that Lenah would need a reason to want to be human. The stakes would have to be high – if she didn’t desire it more than anything else in the world, more than eternity with Rhode, it wouldn’t pay off for the reader why she was at Wickham in the first place. So I asked myself: what is the worst thing about Lenah’s existence? What is the one thing she wants more than anything else that is specifically human? To feel emotions and to touch. So I took that away from her as a vampire. By deadening the senses it only added to her isolation from the rest of the world.
Come è nata l'idea di creare vampiri che non possono sentire la consistenza delle cose e il loro odore?
So che la risposta sarà considerata scontata, ma ho davvero pensato ai miei vampiri nei termini della storia. Sapevo più di ogni altra cosa che Lenah avrebbe avuto bisogno di un motivo per voler tornare ad essere umana. La posta in gioco doveva essere elevata – se lei non avesse desiderato questa cosa più di ogni altra cosa al mondo, più dell’eternità con Rhode, non sarebbe stato facile per il lettore capire il perché Lenah fosse a Wickham come primo luogo. Allora mi sono chiesta: qual è la cosa peggiore dell’ esistenza di Lenah? Qual è l'unica cosa che desidera più di tutto ciò che sanno fare gli umani? provare emozioni e poter toccare. Così le ho tolto queste cose come un vampiro. Smorzando (affievolendo) i suoi sensi è aumentato il suo isolamento dal resto del mondo.
For much of the novel we see Lenah involves rediscovering her humanity. What prompted you to create vampires that could somehow become humans, despite the difficulties of the ritual?
Well, Lenah isn’t a vampire for the majority of the book. She wants to be human - that’s her innermost desire. In my vampire lore, the older a vampire is, the more crazy they become - they literally lose their minds. Everything is a curse and painful. Lenah is a victim of her own existence. Every person out there has done something they aren’t proud of. And whatever that thing is, they have to live with it - forever. That’s Lenah but times about a million! She’s a human girl dealing with the mind of someone very old and with a very evil past.
Per gran parte del romanzo vediamo Lenah mentre riscopre la sua umanità. Cosa ti ha spinto a creare vampiri che potrebbero diventare in qualche modo esseri umani, nonostante le difficoltà del rituale?
Beh, Lenah non è un vampiro per la maggior parte del libro. Vuole essere umana - questo è il suo desiderio più intimo. Nella mia tradizione vampiresca, più vecchio è un vampiro, tanto più diventa pazzo – essi perdono letteralmente la testa. Tutto è maledizione e dolore. Lenah è una vittima della sua stessa esistenza. Ogni persona là fuori ha fatto qualcosa di cui non è orgogliosa. E qualunque cosa essa sia, devono convivere con questa - per sempre. Questa è Lenah (ma circa un milione di volte è un modo di dire inglese e penso voglia dire: ma molto di più)! È una ragazza umana con la mente di qualcuno molto vecchio e con un passato molto cattivo.
10. You've written about vampires. Why did you choose to write about the undead? What appeals to you and attracts you to these supernatural beings?
I think the choice for Lenah to be a vampire came directly from her conflict. The character decided - she told me that she was very old and had done evil, reprehensible things. Vampirism worked for her and for the story.
Hai scritto sui vampiri. Perché hai scelto di scrivere a proposito dei non morti? Che cosa ti piace e ti attira di questi esseri soprannaturali?
Penso che la scelta di Lenah di essere un vampiro è venuta direttamente dal suo conflitto. Il carattere deciso - mi ha detto che era molto vecchia e che aveva fatto molto male, cose riprovevoli. Il Vampirismo ha lavorato per lei e per la storia.
11. Can you tell us anything about the sequel to Eternity, Stolen Nights?
Everything, absolutely everything set up in book one is about to go inside out and backwards!!!
Può dirci qualche cosa circa il sequel di Eternity, Stolen Nights?
Tutto, assolutamente tutto ciò che è scritto nel libro uno che sta per essere pubblicato.
12. What are your future plans? Do you have any other projects you're currently working on?
Yes! I am working on a realistic novel set in present day. But I must remain mum!
Quali sono i tuoi progetti futuri? Ci sono alcuni progetti su cui stai lavorando?
Sì! Sto lavorando su un romanzo realistico ambientato nei giorni nostri. Ma devo restare mamma!
13. Thank you so much again. It was a real pleasure for me. Do you have something to tell before you say goodbye?Just that I hope you enjoy Infinite Days as much as I enjoyed writing it. Lenah, Rhode, Tony and Vicken are all labors of love for me.
Grazie mille ancora. E 'stato un vero piacere per me. Vuoi aggiungere qualcosa prima di salutarci?
Solo che Spero che vi possa piacere Eternity tanto quanto mi sono divertita io a scriverlo. Lenah, Rhode, Tony e Vicken sono tutti lavori d’ amore per me.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :