Magazine Attualità

Wwf ora della terra - e' iniziata dall'oceano pacifico la ola di buio planetaria

Creato il 26 marzo 2011 da Apietrarota

WWF - L'ORA DELLA TERRA

   E' INIZIATA DALL'OCEANO PACIFICO LA OLA DI BUIO PLANETARIA   

MONUMENTI SPENTI PER UN'ORA, IL MESSAGGIO DI FUTURO PER LA TERRA ATTRAVERSERA' 134 PAESI

ALLE 20.30 TOCCA ALL'ITALIA

Oltre 240 Comuni pronti a spegnere col WWF piazze, torri, castelli, chiese e fontane

A PIAZZA NAVONA L'EVENTO CENTRALE A ROMA

CON CHRISTIAN DE SICA E MASSIMILIANO ROSOLINO  

LA 'PRIMA VOLTA' DEL DUOMO DI MILANO (DOVE E' ATTESA PAOLA MAUGERI)

E DI PONTE VECCHIO A FIRENZE

Il messaggio di speranza per un futuro sostenibile verrà lanciato da centinaia di milioni persone che confermano il proprio impegno concreto

E dopo lo spegnimento un minuto di silenzio per il Giappone

   E' iniziata dalle Isole Chatham in Nuova Zelanda (alle 7.45 ora italiana), insieme a Auckland in Nuova Zelanda e alle Isole Fiji, la lunga maratona del WWF per il clima giunta alla sua quinta edizione che oggi alle 20.30 ora locale di ciascun paese, attraversando tutti i fusi orari, spegnerà le luci di centinaia di città di 7 continenti, 79 capitali mondiali e le più grandi metropoli tra cui Londra, Parigi, Mosca, Berlino, Bangkok, Nuova Delhi, New York, Barcellona, Oslo, Vienna, Nairobi, Cape Town, Dubai, Tel Aviv fino alla stazione Antartica Davis Station. Chiudera' l'ora della terra alle 8.30 ora italiana di domani, domenica 27, l'isola di Raratonga, nell'arcipelago delle Isole Cook nell'Oceano Pacifico.

"L'Ora della Terra cade in un momento in cui nel mondo il futuro appare incerto, molti popoli stanno soffrendo per catastrofi naturali, guerre. L'evento mondiale vuole lanciare un messaggio di speranza per il futuro, un unico abbraccio globale da parte di centinaia di milioni di persone del pianeta unite dal  desiderio di un futuro sostenibile per il Pianeta, e di un benessere reale per le persone" ha detto Stefano Leoni, presidente del WWF Italia. "Quest'anno chiediamo anche un impegno che vada oltre il gesto simbolico e duri nel tempo, come suggerisce il nuovo logo 60 "più", per costruire ogni giorno un futuro sostenibile, in cui l'umanità viva davvero in armonia, con la Natura e con se stessa."

Le icone del pianeta si spegneranno per 1 ora per un momento di coesione globale che quest'anno ha toccato punte da record superando tutti i numeri delle edizioni precedenti.

Resteranno al buio icone mondiali come la Tour Eiffel, l'Empire State Building, il Cristo Redentore di Rio, Times Square a New York, il Big Ben, l'Acropoli di Atene, la porta di Brandeburgo, l'Opera House di Sidney, meraviglie naturali come le Cascate del Niagara e le Cascate Victoria, il castello dei reali di Svezia, la più grande moschea degli Emirati Arabi Uniti, quattro dei cinque grattacieli più alti del mondo, compreso il più alto Burj Khalifa a Dubai, 828 metri, che da solo spegnerà circa mezzo milione di luci.

E quest'anno l'evento ha varcato i confini di nuovi Paesi in via di sviluppo o dagli incerti equilibri politici e sociali, come l'Iran, la Palestina, il Libano, la Giamaica, l'Uganda, Swaziland, Tajikistan, Azerbaijan e Uzbekistan, Trinidad&Tobago, Lesotho e Ciad, che si spegneranno per la prima volta.

 IN ITALIA

Oltre 200 i Comuni pronti a celebrare l'Ora della Terra col WWF. Eventi centrali in piazza Navona a Roma, con green carpet di celebrities a partire da Christian De Sica e Massimiliano Rosolino,  e sotto il Duomo di Milano,che si spegne quest'anno per la prima volta dove è attesa la veejay Paola Maugeri, testimonial dell'evento. Ma si spegneranno anche icone come il Ponte Vecchio a Firenze, la Torre di Pisa, la Reggia di Caserta, la Valle dei Templi di Agrigento, il Colosseo a Roma, l'Acquario di Genova, il Maschio angioino, la Basilica di Superga, piazza del Campo a Siena, piazza Pretoria a Palermo e piazza Duomo a Siracusa. Lungo tutto lo stivale resteranno al buio almeno 25 tra rocche, fortezze e castelli, tra cui il Castello Sforzesco di Milano, la rocca albornoziana di Spoleto e il Castello di Federico II a Lucera, una quindicina di torri, tra cui quelle degli Asinelli a Bologna, interi borghi saranno illuminati da fiaccole, e si spegneranno una decina di porte e mura difensive, compresa la suggestiva cinta muraria di Monteriggioni. E poi una trentina tra chiese, abbazie, basiliche e campanili, sette ponti di cui quattro a Parma e dieci fontane, come la fontana dei Quattro fiumi di Piazza Navona o la fontana maggiore di Perugia, centri storci come quello di Domodossola. Tra gli edifici più moderni, il grattacielo Pirelli di Milano e la speciale copertura esterna del nuovo Palazzo Costa a Genova. Più di 40 i palazzi comunali o le sedi istituzionali­ che per l'occasione spegneranno le luci, decine le piazze tra cui i palazzi della provincia di Reggio calabria, di Napoli, l'ufficio di presidenza della Regione Puglia, . E poi, interi tratti di lungomare su Adriatico, Ionio, Tirreno, oltre alle vie centrali di Riccione. Una serie indefinita di monumenti, statue, corsi, scuole, ville e palazzi storici, chicche come la Cartiera papale di Ascoli Piceno, e per i più romantici, anche una "passeggiata dell'amore" a Cassinetta di Lugagnano (MI). Tra tutte le regioni, ad aggiudicarsi a oggi il primato degli spegnimenti è la Campania con 31 Comuni, seguita da Toscana e Abruzzo che ne hanno coinvolti rispettivamente 26 e 21.

Roma, 26 marzo 2011

Programmi su www.wwf.it . Sezione foto&video per caricare le proprie loro foto della serata


SCHEDE INFORMATIVE

L'ITINERARIO DELL'ORA DI BUIO

  La maratona mondiale è iniziata alle 20.30 locali (ovvero, le ore 7.45 italiane di sabato 27) nelle Isole Chatam in Nuova Zelanda per poi attraversare le isole Fiji, e l'intero arcipelago di Tuvalu (alle 9.30) luogo simbolo degli effetti del cambiamento climatico insieme alle isole Solomon. Alle 10.30 toccherà a Sidney (si spegneranno l'Opera House e l'Harbour Bridge) e in successione Nuova Guinea, le Isole Mariana.

Particolarmente toccante quello che accadrà in Giappone (alle ore 12.30 italiane): nonostante le devastazioni e il dramma nucleare che stanno vivendo le popolazioni il messaggio di futuro verrà ugualmente lanciato attraverso un'ora di preghiera che una piccola comunità ha organizzato in uno degli alberghi sopravvissuti allo tsunami, un segnale di speranza per il futuro che il mondo di Earth Hour ricambia con un minuto di silenzio dedicato al Giappone all'inizio di ogni spegnimento.

Il domino di spegnimenti proseguirà in tutti gli stati dell'Asia saranno coinvolti tra cui Sud Corea (la N Tower),  Brunei, Cina (una parte della Muraglia cinese, il Watercube e il famoso Stadio Birdsnest di Pechino – 13.30), Hong Kong (oltre 20 luoghi simbolo), Malesia, Macau, Filippine, Singapore, Taipei (con la torre Taipei 101 – 13.30), Mongolia, Thailandia (oltre 30 monumenti).

Alle 14.30 ora italiana toccherà alla Davis Station in Antartico spegnersi per un'ora. Poi si prosegue con il  Vietnam, Cambogia, Indonesia, Laos, Kazakhstan (alle 15.30), Bangladesh, Nepal (col famoso Bouddhanath Stupa in Bangladesh), Sri Lanka e India (the Mall e altri monumenti), Pakistan.

Alcuni paesi asiatici partecipano per la prima volta: Tajikistan, Uzbekistan. Alle 16.30 ora italiana sarà la volta delle Maldive (uno dei simboli dei cambiamenti climatici) dell'Iran (la Milad Tower di Tehran) Emirati Arabi Uniti (con la torre più alta del mondo  e altri 15 monumenti– alle 17.30), l'Oman, le Seyshelles, le Isole Mauritius, la Georgia, l'Armenia, la Giordania. Si entra nel continente africano con il Madagascar (alle 18.30 ora italiana), tanziania, Qatar, Kuwait (nel frattempo Mosca in Russia), Riyad in Arabia Saudita.

L'Europa entra nella ola alle 19.30 ora italiana con Atene, Grecia, la Romania, mentre alla stessa ora  l'Egitto, la Palestina, il Libano, il Lesotho e poi Sud Africa, Swatziland, Botswana, Zimbabwe proseguono la maratona africana.

Al buio per un'ora ancora con Helsinki in Finlandia, Turchia, Ukraina, Zambia, Mozambico, Belarus, Cipro, latvia, Bulgaria, Lithuania, Namibia.

Contemporaneamente agli spegnimenti in Italia alle 20.30 si spengono i monumenti di Olanda, Serbia, Germania, Belgio, Ungheria, Danimarca, Nigeria, Gabon, Chad, Slovenia, Spagna, Gibilterra, Norvegia, Francia, Montenegro, Repubblica Ceca, Kosovo, Bosnia e Erzegovina, Svezia, Albania, Malta, Austria, Polonia, Croazia, Svizzera, Irlanda del nord

Alle 21.30 proseguono il Marocco, Senegal, Irlanda, Scozia, Channel Island, Portogallo, Inghilterra, Galles, Isole Faroe.

L'Ora di buio attraverserà l'Oceano Atlantico allo scattare della mezzanotte e riprenderanno gli spegnimenti alle 00.30 italiane di domenica 27 marzo in Paraguay, Bermuda, Argentina, Suriname, Brasile, Cile, Bolivia. Alle 2.30 ora italiana sarà la volta di New York, Trinidad e Tobago, Porto Rico, Canada, Colombia, Perù, Panama, Ecuador, Belize, Guatemala, Messico, Costa Rica, Nicaragua, El Salvador, Honduras e altre città statunitensi (Las Vegas), Vancouver in Canada.

CHIUDERA' L'ORA DELLA TERRA ALLE 8.30 ORA ITALIANA – DOMENICA 27 MARZO L'ISOLA DI RARATONGA, NELL'ARCIPELAGO DELLE ISOLE COOK NELL'OCEANO PACIFICO.


I PATROCINI

L'Ora della Terra 2011 ha ricevuto l'Alto Patronato della Presidenza della Repubblica, il patrocinio del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, del Ministero dello Sviluppo Economico, dell'Associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI), dell'Unione Province d'Italia (UPI), dell'Associazione Comuni Virtuosi, del Coordinamento Agende 21 Locali Italiane. Ha già aderito anche l'Associazione Guide e Scout Cattolici Italiani (AGESCI).

I MEDIA PARTNER

LE INIZIATIVE SPECIALI CON REPUBBLICA.IT: Per "La mia scuola non divora il pianeta", gli studenti del canale [email protected]stanno elaborando idee per rendere la propria scuola più sostenibile; gli elaborati più efficaci riceveranno un contributo economico offerto da Electrolux per avviarne la realizzazione. Inoltre, tutti invitati a inviare un video di max due minuti con la propria azione "green" per l'iniziativa "Ciak! Si gira la tua azione per il pianeta"; i migliori saranno pubblicati online e premiati con la maglietta di Earth Hour.

IL FREE PRESS METRO: ha aderito all'Ora della Terra e sta invitando i propri lettori ad aggiungere la propria azione "green" alla piattaforma globale su www.wwf.it  firmando "lettore di metro". I migliori verranno pubblicati sul giornale.

RTL 102,5 e HALLMARK coinvolgeranno ascoltatori e spettatori attraverso gli spot dell'iniziativa e rubriche dedicate.


----------------------------- Questa ed altre notizie le trovi su www.CorrieredelWeb.it - L'informazione fuori e dentro la Rete. Chiedi l'accredito stampa alla redazione del CorrieredelWeb.it per pubblicare le tue news.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :