Magazine Cinema

Agosto, film mio non ti conosco

Creato il 13 giugno 2012 da Taxi Drivers

 

Agosto, film mio non ti conosco

 

In alcuni Paesi come gli Stati Uniti il periodo estivo è uno dei più redditizi per l’industria cinematografica, tant’è vero che la maggior parte dei blockbuster a stelle e strisce esce proprio in questa stagione. Gli studios hollywoodiani progettano con cura e in grande anticipo la campagna pubblicitaria di queste superproduzioni, acquistando per esempio a peso d’oro uno spazio all’interno del Super Bowl, il principale avvenimento sportivo degli Stati Uniti, per trasmettere in anteprima i vari trailer.

Qui da noi invece la situazione è ben diversa, esercenti e distributori evitano come la peste la stagione calda, preferendo spesso ripescare piccoli film usciti anni addietro in altre parti del mondo o pellicole su cui non puntano particolarmente in termini d’incassi. Negli ultimi anni c’è stato qualche timido tentativo per prolungare la stagione cinematografica ed estenderla anche all’estate come avviene negli altri paesi. Nel 2008 abbiamo così potuto vedere a fine luglio, in contemporanea mondiale, Il Cavaliere Oscuro di Nolan, nel 2010 Toy story 3 mentre l’estate del 2011 è stata caratterizzata dall’uscita di Harry Potter e i doni della morte: Parte 2, l’atteso capitolo finale della saga del maghetto di Hogwarts.

 

Agosto, film mio non ti conosco

 

Quest’anno dovremo accontentarci di The Amazing Spiderman, l’unico film di grandissimo richiamo ad uscire nelle nostre sale in contemporanea col resto del mondo. Per il resto si preannuncia la solita estate fiacca e senza uscite di peso. Il primo film ad essere sacrificato dalla nostra distribuzione miope ed autolesionista è stato Prometheus di Ridley Scott. Se fosse uscito in questo periodo avrebbe già fatto incassi cospicui, complice la mancanza in sala di pellicole di grande richiamo, ma si è optato per fine ottobre quando nel resto del pianeta sarà praticamente disponibile o quasi in homevideo. Una scelta davvero incomprensibile e dannosa che rischia seriamente di comprometterne i guadagni nel nostro paese. Del resto sono tante le pellicole di grande richiamo che in Italia arriveranno soltanto tra fine estate e inizio autunno, con il mercato saturo e colmo di uscite: Madagascar 3, Brave, L’era glaciale 4, Il cavaliere oscuro – Il ritorno, The Bourne Legacy. Senza contare tutte le pellicole, eccetto Cosmopolis di Cronenberg, passate recentemente all’ultimo Festival di Cannes che da noi arriveranno (se arriveranno) non prima del prossimo autunno. Reality di Matteo Garrone, per esempio, avrebbe potuto contare sul benefico “effetto Cannes”, con il Gran Premio della Giuria appena conquistato, invece dovremo aspettare la fine di settembre per poterlo vedere. Tra la fine d’agosto, che vede anche la partenza del Festival di Venezia,  e la fine di ottobre saranno tantissime le uscite importanti e interessanti che rischiano di essere bruciate da queste obsolete politiche distributive.

 

Agosto, film mio non ti conosco

 

Gli addetti ai lavori dovrebbero rendersi conto che l’eccessiva concorrenza concentrata in pochi mesi dell’anno non fa altro che danneggiare gli incassi di alcune produzioni che potrebbero invece trarre giovamento da un’uscita collocata in un periodo meno affollato. Sono anni che si dice di prolungare la stagione cinematografica a tutto il periodo estivo ma le scelte distributive dimostrano chiaramente come questa volontà si manifesti solo a parole e non nei fatti. Parafrasando Nanni Moretti possiamo dunque concludere con la sua celebre frase pronunciata nel film Bianca: “Continuiamo così, facciamoci del male!”.

Boris Schumacher

Agosto, film mio non ti conosco Scritto da Boris Schumacher il giu 13 2012. Registrato sotto TAXI DRIVERS CONSIGLIA. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Commenta