Magazine Carriere

Essere freelance: una ricerca mondiale in un info-grafico

Creato il 22 giugno 2011 da Steprincipato
Essere freelance: una ricerca mondiale in un info-grafico
Un interessante info-grafico esplora il mondo dei freelance sulla base dei dati del 2010 Global Survey Freelancer una ricerca mondiale condotta su oltre 3200 freelancers.
I risultati indicano che la maggioranza dei freelance è di sesso maschile (76,6%) e oltre il 40% dei liberi professionisti ha ricevuto la propria formazione presso una università o una scuola tecnica.
Ai primi posti tra le professioni svolte ci sono i sviluppatori web (25,3%), i web designer (23,2%) e i grafici (22,9%).
Quasi il 50% dei partecipanti alla ricerca sono freelance a tempo pieno.
Un altro 10% degli intervistati dice di essere freelance a tempo parziale con l'intenzione di diventare full-time (13,6%).
Tra le attività di promozione la maggior parte del lavoro viene da referrals (34,2%), siti web o portafoglio (16,1%) e siti di social network (14,4%).
La maggior parte dei liberi professionisti valuta la propria esperienza come "altamente qualificata" (51,2%), ma i risultati indicano che oltre il 50% dei free lance lavora meno ore rispetto alle loro controparti a tempo pieno. Inoltre i liberi professionisti sono in grado di fatturare tra il 61-80% del loro lavoro per i clienti su base settimanale.
Per il 48% inoltre il profitto è inferiore alle aspettative.
Il problema principale per tutti è quello relativo ai pagamenti dei compensi del lavoro svolto ed il rispetto dei tempi concordati.
Tra le motivazioni indicate per la scelta di essere libero professionista ci sono la voglia di avere maggiore flessibilità, il controllo sul proprio lavoro, lavorare da casa, guadagnare di più e crescere nel business.
I risultati indicano che la stragrande maggioranza dei liberi professionisti sono più felici da quando hanno iniziato la loro attività come freelance (93%), ma nel senso di sicurezza nella loro professione sono quasi divisi: oltre il 45% di liberi professionisti dicono che non si sentono sicuri come freelance.
Per quanto riguarda il futuro, meno del 10% ha intenzione di tornare al lavoro a tempo pieno.
Qui puoi vedere e scaricare una anteprima della ricerca effettuata.
Qui invece puoi vedere l'info-grafico più grande.
via

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Commenta