Magazine Società

04/2011 - A fondo

Creato il 30 gennaio 2011 da L'Incertain Regard
04/2011 - A fondo Geert Goiris, Liepaja, 2004

Nuovamente il nostro paese incarna agli occhi del mondo un modello di ignominia senza poter nemmeno invocare l’alibi del dominio totalitario.
Il degrado è ormai tale che viene finalmente al pettine il vero problema: perché tanti italiani non reagiscono e si mostrano incapaci di un sussulto di dignità? Perché una società accetta di essere guidata da una classe dirigente al di sotto degli standard minimi di decenza e competenza?
Ci hanno provato in molti a rispondere.
Sicuramente il berlusconismo si basa su un sistema di potere complesso e radicato che ha indebolito le istituzioni repubblicane sul piano materiale e sul piano simbolico. Ne ha giovato il cinismo della borghesia italiana, per tradizione indifferente alla cosa pubblica, e ne ha patito il polverizzarsi della cosiddetta società civile, l’opinione pubblica, e gli stessi partiti di massa, ridotti a proiezioni virtuali di ristrette oligarchie dirigenti. Un processo avvenuto in soli vent’anni perché non è stato contrastato dalla controparte politica affascinata dalla rappresentazione della modernità propagandata dalla destra.
Sondaggi ed elezioni dimostrano che la maggioranza (relativa) degli italiani non considera decisive le gravi imputazioni pendenti sul suo capo e approva quanto fatto dai governi da lui presieduti.
Davvero spieghiamo tutto con le clientele e col voto di scambio? O con l’istupidimento televisivo? Tutti corrotti, dunque? Tutti sedotti dalle spericolate imprese erotiche di un attempato califfo? Tutti consapevolmente complici e intenzionati a dare man forte alla liquidazione dello Stato di diritto, della Costituzione, dello Statuto dei lavoratori, del welfare ecc. ? Sarebbe inverosimile.
Ma c’è un’altra possibilità, non meno inquietante, che va presa in considerazione. Forse anche la sintonia che così facilmente si stabilisce tra Berlusconi e tante brave persone deriva dalla loro mancata abitudine (e a lungo andare dall’incapacità) di giudicare, di attivare la propria coscienza per assumersi le proprie personali responsabilità. Chi non intrattiene il dialogo con se stesso perde l’attitudine a distinguere il bene dal male. Non è in grado di farsi un’idea di ciò che è lecito fare e di ciò che è invece inaccettabile. E non conosce argini perché non dispone di criteri.
L’incertain regard salta una settimana per ritornare il 10 febbraio con una cronaca quotidiana della 61° edizione del Festival di Berlino.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • 'A livella

    livella

    Leggi ancora | Pubblicato da PieroTieni | Commenti &nb..;. Leggere il seguito

    Da  Pierotieni
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ
  • Fare la rivoluzione a novembre, a Firenze

    Renzi sul Post presenta l'adunata ribelle con Civati e compagnia a Firenze la prossima settimana."Ci hanno detto che siamo sfasciacarrozze e pierini,... Leggere il seguito

    Da  Bartleboom
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • Prostitute a casa, escort a cena

    di Marco BracconiUn buon governo, nel terzo millennio, non si muove ideologicamente. Non va per titoli, e non butta l’acqua sporca con il bambino. Sa... Leggere il seguito

    Da  Federicobollettin
    SOCIETÀ
  • A margine

    “Una barzelletta che circola tra ecclesiastici narrache un giorno vengono ritrovati i resti di Cristo.Imbarazzo, poi si studiano le contromisure... Leggere il seguito

    Da  Malvino
    SOCIETÀ
  • A Salemi, a Salemi !

    Venerdì 19 novembre a Salemi alle ore 10,00 nei saloni del Castello Normanno Svevo avrà luogo un convegno avente per tema: “Il cittadino, un cliente esigente.... Leggere il seguito

    Da  Diarioelettorale
    SOCIETÀ
  • A Philadelphia il manifatturiero riprende a pompare

    Philadelphia manifatturiero riprende pompare

    L'indice manifatturiero di Philadelphia (Philly Fed) ha fatto Boom (dopo aver rallentato in modo significativo per qualche mesetto)Us market mover:... Leggere il seguito

    Da  Beatotrader
    ECONOMIA, SOCIETÀ
  • A margine

    Gran parte della musica leggera prodotta nei paesi di lingua inglese negli ultimi 60-70 anni ha in comune la lontanissima e comune radice nei canti degli schiav... Leggere il seguito

    Da  Malvino
    RELIGIONE, SOCIETÀ

Magazine