Magazine Cinema

+1, no doppio no party

Creato il 21 agosto 2014 da Cannibal Kid
Condividi
+1, NO DOPPIO NO PARTY+1 (USA 2013) Regia: Dennis Iliadis Sceneggiatura: Bill Gullo, Dennis Iliadis Cast: Rhys Wakefield, Ashley Hinshaw, Logan Miller, Natalie Hall, April Billingsley, Rohan Kymall, Adam David Thompson, Peter Luis Zimmerman Genere: festaiolo Se ti piace guarda anche: Questione di tempo, Ricomincio da capo, Project X
+1, NO DOPPIO NO PARTYPartecipare alle feste ormai è una pratica antica, sorpassata, da sfigati. Il nuovo trend degli ultimi tempi è disertare le feste, oppure farle fallire seguendo l’esempio del Jep Gambardella de La grande bellezza. O ancora, limitarsi a guardarle su grande schermo. Il grande Gatsby, Project X, Spring Breakers, Bling Ring, Cattivi vicini, etc. sono ottimi esempi di pellicole con scene di party non stop, ma c’è un film che va oltre. +1 è ambientato quasi interamente durante una festa. A parte la prima scena introduttiva, tutta la pellicola si svolge nel corso del classico party americano organizzato a casa di un tizio a caso. Ci aspetta allora il solito party-movie adolescenziale? Sì e no. Le situazioni sono quelle tipiche da commedia goliardica a stelle e strisce, non distanti da American Pie e company, con tanto di storiella sentimentale tra i due noiosetti protagonisti principali (Rhys Wakefield di La notte del giudizio e Ashley Hinshaw di About Cherry) a fare da collante al tutto, più una divertente sotto-storiella sessuale che coinvolge l’amico del protagonista Logan Miller, il classico simpatico cazzaro di turno, con la sexy bionda Natalie Hall, già vista nella serie Star-Crossed e nell'ultima stagione di True Blood, in cui compare pure quell'altra bonazza della Hinshaw.
A interrompere quello che sembra il più tipico tra i teen movie succede una cosa incredibile. Avvengono dei blackout continui e, dopo ogni blackout, i personaggi si sdoppiano. Vedono loro stessi e le azioni che hanno compiuto qualche minuto prima. La cosa incredibile però non è tanto questa. La cosa davvero incredibile è che lo sfigatello Logan Miller si scopa quella strafica di Natalie Hall. Ma quando mai nella realtà succedono cose del genere?

+1, NO DOPPIO NO PARTY

"Questa festa è talmente uno sballo che io me ne sto in bagno a fissare il soffitto!"

Questo film combina dunque elementi da teen-comedy ad altri stranamente sci-fi, con echi di Ricomincio da capo e Ritorno al futuro, due filmoni che però restano ad anni luce di distanza da questo. L’espediente fantascientifico offre il pretesto ai personaggi per riflettere sul tempo che passa, sulle scelte che si fanno nella vita e sulla possibilità di riavvolgere (almeno al cinema) il nastro e tornare indietro. A questo punto la pellicola che ritorna alla mente, senza nemmeno dover andare troppo lontano nel passato, è Questione di tempo, splendida romcom britannica con Domnhall Gleeson e Rachel McAdams. +1 vorrebbe stare alla commedia adolescenziale come Questione di tempo stava alla commedia romantica. L’esperimento non si può dire altrettanto riuscito. Lo spunto della pellicola è sulla carta promettente, peccato non venga sfruttato a dovere. A non coinvolgere più di tanto sono i personaggi, stereotipati e privi di spessore, un difetto non da poco per un film che vorrebbe rappresentare una variante originale al teen-movie tradizionale, con in più la tematica del doppio che viene affrontata soltanto di sfuggita e che invece ha vita più interessante in pellicole recenti come The Double ed Enemy. Il film grazie alla sua idea più o meno fantasiosa si innalza comunque leggermente sopra la mediocrità e si becca quindi un 5+1, raggiungendo la sufficienza. Ciò non basta per renderlo una visione degna di restare nella memoria o per trasformarlo in un cult movie. Poco male. Se non altro possiamo essere contenti di aver visto per una volta un film adolescenziale dalle venature fantasy che NON propone vampiri, streghe, zombie o licantropi. È già un miracolo! (voto 6/10)

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Adulazione? No, grazie!

    Adulazione? grazie!

    Una delle professioni di libertà intellettuale più forti della letteratura italiana risiede nel carme manzoniano In morte di Carlo Imbonati. Leggere il seguito

    Da  Athenae Noctua
    CULTURA
  • Così si usa, no?

    Così usa,

    -Teatro-Lope de Vega, Fuente Ovejuna ; Madrid 1619(traduzione di Francesco Saba Sardi)Atto I, scena quartaFRONDOSO: Andiamo, dunque! Dio vi guardi, belle... Leggere il seguito

    Da  Philomela997
    CULTURA, EDITORIA E STAMPA, LIBRI, STORIA E FILOSOFIA
  • No, no, non te lo do, il libro no, no, scordatelo!

    libro scordatelo!

    “mi sento freddo, paralizzato…” Canticchio e penso, sì pensano pure le persone strane. Penso che, se mi conosceste dal vero, ci sarebbe una cosa di me che... Leggere il seguito

    Da  Diletti Riletti
    CULTURA
  • L’amore no

    L’amore

    20 marzo 2014 di Titti De Simeis di Titti De Simeis È il peccato più imperdonabile che l’uomo abbia mai inventato. L’uomo, creatore invincibile di ogni... Leggere il seguito

    Da  Cultura Salentina
    CULTURA
  • "Cara Libreriamo, il selfie col libro NO". "E perchè no?"

    "Cara Libreriamo, selfie libro NO". perchè no?"

    Dalla rubrica StupeFatto su MyMarketing.netNo! Il selfie col libro no! (1)Di che parli?Di questa...cosa. La nuova “campagna social” di “Libreriamo”. Fatevi il... Leggere il seguito

    Da  Stupefatti
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Paola Capriolo: No

    Paola Capriolo:

    Quanto può essere forte una parola? Dipende dalla parola, da chi la dice, da quando la dice e da come la dice. A volte può avere una forza devastante. No. Leggere il seguito

    Da  Martinaframmartino
    CULTURA, LIBRI
  • Phenium – No More Humanity

    7.5 / 10 Etichetta:Revalve Records Anno:2014 Ormai si può tranquillamente affermare che la Revalve è sinonimo di qualità, a maggior ragione alla luce di... Leggere il seguito

    Da  Iyezine
    CULTURA