Magazine Avventura / Azione

127 ore_Il capolavoro

Creato il 27 giugno 2011 da Cobain86
127 Ore

127 Ore

Un’allegra scampagnata per lo sterminato canyon dello Utah diventa la prigione di Aron Ralston, bloccato da un masso verso ogni possibilità di salvezza. Quanto è realmente disposto a fare per salvarsi, quanto è forte il suo spirito di sopravvivenza? Candidato a 6 premi Oscar, il film noleggio del mese. Buona lettura!

La storia
Un ingegnere 28enne scanzonato e superficiale parte per una “scampagnata” nell’avventura incontaminata americana, più precisamente il canyon dello Utah. Non lascia detto a nessuno la sua destinazione, prende poche cose e, a suon di musica, videocamera e macchina fotografica parte per questa avventura adrenalina.
Una volta nello spazio sconfinato del polveroso canyon familiarizza con due ragazze divertendosi e giocando nell’acqua; dopo una fugace chiacchierata prosegue il suo cammino, scivolando rovinosamente in un crepaccio; un masso rovina nella feritoia bloccandogli il braccio ed impedendogli ogni possibilità di fuga (il tempo di sopravvivenza senza cibo è stimato a circa un mese, senza acqua ad una settimana, ndr).
Nella lotta per la vita ripercorriamo la sua esistenza, tra sogni, proiezioni future e creature di una mente esausta che chiede soltanto di essere salvata. Finale a sorpresa con il vera protagonista della vicenda che appare prima dei titoli di coda.

L’attore
James Franco ha interpretato la sua consacrazione: intenso, appassionato, vivo. Una prova attoriale a 360 gradi che sprigiona la carica espressiva ed emotiva che questo film vuole trasmettere.

Montaggio, fotografia e musica
Il montaggio, adrenalinico e ben studiato, propone spesso la suddivisione dello schermo in 3 fasce, in modo da poter vedere vari spezzoni contemporaneamente, invitandolo a completare la storia laddove le parole non sono sufficienti . La fotografia è stupenda, penetrante, uno sguardo nell’anima di una persona che passa dalla superficiale sicurezza delle sue abilità allo spavento di un bambino, contrito in una feritoia dal canyon abbandonato da tutti.
Se i primi due elementi non fossero sufficienti a convincervi c’è la musica, un flusso sonoro studiato alla perfezione per sottolineare con la giusta leggerezza o intensità i vari momenti di questa scampagnata finita in tragedia, canzoni che spesso raccontano più della persona la sofferenza che sta provando in quel momento.

Non adatto a tutti
Nel film, per dovere di cronaca, va segnalata una scena molto cruda che ha sconvolto anche i primi fortunati che l’hanno visionato; 5 svenimenti e una persona colpita da attacchi epilettici. Sconsigliato ai bambini e a persone dal cuore sensibile, il regista Boyle ha calcato la mano pesantemente. Forse si poteva mostrare lo stesso contenuto come fecero nella puntata finale della 6 stagione di House, dove la situazione è simile ma la scena è stata girata in modo leggermente diverso, concentrandosi maggiormente sul dolore emotivo piuttosto che su quello fisico, evitando le scene in presa diretta.

Arringa finale
Nonostante il tema fortemente epico della locandina sopra riportata non è la solita sbaracconata americana; è un film d’azione “all’inglese”, con un protagonista bloccato che deve dare vita ad una storia pur non potendosi muovere. La scelta delle scene utilizzate nei vari montaggi e le musiche lo rendono sensazionale, sotto ogni punto di vista; talmente bello e profondo che oscura tutti gli altri film usciti recentemente, profondo come pochi, intenso come una sferzata gelida al cuore, potente come un tuono rimbombante nella prateria: un capolavoro.
James Franco dà il massimo in questa prova senza risparmiare una sola goccia, rendendo una storia di 90 minuti un viaggio attraverso noi stessi e il nostro bisogno di sopravvivenza.

Voto: 10/10
Marco


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • 127 ore

    Regia: Danny BoyleLa vera, incredibile storia di Aron Ralston (James Franco), un alpinista americano, in questo caso superficiale, intrappolato in un canyon... Leggere il seguito

    Da  Veripaccheri
    AVVENTURA / AZIONE, CINEMA, CULTURA
  • Review 2011 - 127 Hours (127 Ore)

    Review 2011 Hours (127 Ore)

    "127 Hours" è il film della rinascita di Danny Boyle. A qualche anno di distanza dall'exploit di "The Millionaire", furba opera del Bollywood peggiore e del... Leggere il seguito

    Da  Ludacri87
    CINEMA, CULTURA
  • Un Oscar per Tiao.

    Leggendo Flavorwire ho scoperto con piacere che Waste Land è candidato all’Oscar come miglior film documentario. A questo docufilm sono particolarmente legato.... Leggere il seguito

    Da  Arturo Robertazzi - @artnite
    CINEMA, CULTURA
  • 127 Ore - L'inno alla vita di Aaron Ralston

    Se l'angoscia e la tensione percepite durante la visione de Il Cigno Nero sono una questione prettamente di testa, il palpabile senso di panico e l'intensità ch... Leggere il seguito

    Da  Alexdiro
    CINEMA, CULTURA
  • 127 ore – recensione

    recensione

    Esce oggi nelle sale italiane 127 ore di Danny Boyle, film che avevo avuto modo di vedere con grande soddisfazione al Torino Film Festival. Leggere il seguito

    Da  Soloparolesparse
    CINEMA, CULTURA
  • 127 Ore (2010)

    (2010)

    [contiene spoiler] Aron Ralston ha un anno più di me, è alto 3 centimetri in più e ha un braccio in meno. Dalla sua vita si poteva trarre un film. Anzi, più... Leggere il seguito

    Da  Elgraeco
    CINEMA, CULTURA
  • 127 ore (Danny Boyle) ★★/4

    (Danny Boyle) ★★/4

    127 Hours, Usa, 2010, 94 min. Tratto dal libro autobiografico Between a Rock and a Hard Place di Aaron Ralston, questo film segna il ritorno dietro la... Leggere il seguito

    Da  Eda
    CINEMA, CULTURA

Dossier Paperblog